Antonio Trivulzio (1514-1559)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antonio Trivulzio
cardinale di Santa Romana Chiesa
Trivulziocardinale.PNG
 
Incarichi ricoperti
 
Nato2 luglio 1514 a Milano
Ordinato presbiteroin data sconosciuta
Nominato vescovo7 giugno 1535 da papa Paolo III
Consacrato vescovoin data sconosciuta
Creato cardinale15 marzo 1557 da papa Paolo IV
Deceduto25 giugno 1559 (44 anni) a Parigi
 

Antonio Trivulzio, detto juniore (Milano, 2 luglio 1514Parigi, 25 giugno 1559), è stato un cardinale e vescovo cattolico italiano.

Appartenente alla nobile casata milanese dei Trivulzio, era figlio di Gerolamo Teodoro Trivulzio e di Anna da Barbiano. Era inoltre nipote dei cardinali Antonio Trivulzio e Scaramuccia Trivulzio, cugino del cardinale Agostino Trivulzio e prozio del cardinale Giangiacomo Teodoro Trivulzio.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Terminati gli studi giuridici in Milano e divenuto ivi diacono, si trasferì a Roma.

Il 7 giugno 1535 divenne vescovo di Tolone, succedendo così al cugino Agostino, ma riceverà gli ordini sacri solo nel 1548. Verso il 1539 divenne referendario del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, del quale diverrà prefetto nel 1557. Dal 1544 al 1547 fu vice-legato pontificio ad Avignone, quindi a Perugia e poi fu nunzio apostolico in Francia nel 1550.

Nunzio a Venezia nel 1556-57, nel concistoro del 15 maggio 1557 fu creato cardinale da papa Paolo IV che gli assegnò successivamente il titolo di cardinale presbitero dei Santi Giovanni e Paolo. Contribuì nel medesimo anno come legato a latere alla rappacificazione fra Enrico II di Francia e Filippo II di Spagna.

Colpito da ischemia cardiaca, spirò a Parigi e fu sepolto nel castello di Saint-Martin.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

  • ...
  • Cardinale Antonio Trivulzio

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN3652620 · ISNI (EN0000 0000 7821 4624 · LCCN (ENno95015947 · GND (DE133087271 · BNF (FRcb100631937 (data) · CERL cnp01100944 · WorldCat Identities (ENno95-015947