Antonio Tintori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antonio Tintori

Antonio Tintori (Roma, 5 febbraio 1973) è un sociologo italiano.

Studioso dei mutamenti sociali e in particolare di atteggiamenti e comportamenti della popolazione in età adolescenziale, svolge ricerca scientifica nell'ambito dell'orientamento psicologico della sociologia, incentrato sui rapporti formali e informali tra individui. I suoi principali campi di interesse riguardano le relazioni interpersonali e l'integrazione, il benessere, il ruolo sociale dello sport e i condizionamenti sociali, con particolare attenzione a credenze, stereotipi e pregiudizi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi in sociologia con indirizzo di pianificazione sociale presso l’università degli studi di Roma "La Sapienza" con una tesi sperimentale su atteggiamenti, opinioni e orientamenti valoriali della sinistra extraparlamentare romana di fine ‘900, ha successivamente conseguito presso la facoltà di economia dell’università degli studi di Roma "La Sapienza" il dottorato di ricerca in geografia economica con una tesi sperimentale contenente uno scenario futuro costruito mediate una particolare metodologia Delphi (successivamente denominata Delphi MIX[1]) riguardante l'economia e il ruolo dello sport ai fini della produzione di benessere e integrazione sociale.

Nel 2002 ha iniziato a collaborare alle attività didattiche e di ricerca del dipartimento di geografia dell’università degli studi di Roma "La Sapienza", dove gli è stato riconosciuto nel 2005 il titolo di cultore della materia in geografia umana.

Nel 2003 ha iniziato la sua attività di ricerca presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche  (CNR-Irpps [2]), sotto la guida della demografa Rossella Palomba.

Dal 2004 al 2006 è stato consulente scientifico delle Nazioni Unite (Economic Commission for Latin America and the Caribbean) nell’ambito di un progetto finalizzato alla costruzione di scenari futuri di popolazione al 2030 mediante l’impiego della metodologia Delphi.

Dal 2008 è ricercatore presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR-Irpps di Roma).

Nell’a.a. 2015/2016 è stato titolare della cattedra di sociologia urbana presso il Dipartimento di scienze documentarie, Linguistico filologiche e Geografiche dell’università degli Studi di Roma "La Sapienza".

Dall’a.a. 2016/2017 è titolare della cattedra di metodologia delle scienze sociali presso il Dipartimento di Lettere e Culture Moderne dell’università degli Studi di Roma "La Sapienza"[3].

Gli studi sulle tendenze della popolazione[modifica | modifica wikitesto]

Sulla scia della storica esperienza di ricerca del CNR-Irpps in tema di analisi e interpretazione di atteggiamenti e comportamenti di specifici gruppi sociali, nell’ambito del CNR ha avviato nel 2014 un filone di ricerca di tipo quali-quantitativa con lo scopo di innovare la conoscenza sulle tendenze e le criticità del mondo adolescenziale [4]. In collaborazione con la collega e statistica Loredana Cerbara ha prodotto una serie di indagini campionarie su scala sia locale sia nazionale[5] su studentesse e studenti delle scuole secondarie di secondo grado in Italia.

Coerentemente con il mandato istituzionale del CNR, ha posto come fine ultimo di queste attività il porsi al servizio di istituzioni, scienziati e operatori del mondo educativo, attraverso la produzione di una conoscenza utile alla definizione e all’attuazione di azioni di orientamento che si configurano sempre più complesse e specifiche, in risposta a criticità sociali fisiologiche e contingenti che condizionano il futuro dei giovani e compromettono l’integrazione e il benessere individuale e collettivo.

L’approccio socio-psicologico e la multidisciplinarietà metodologica[modifica | modifica wikitesto]

L’interconnessione a fini esplicativi dei problemi sociali tra la sociologia e la psicologia si pone come base epistemologica degli studi condotti da Tintori sui giovani. Nel delineare le dinamiche dialettiche tra individuo e collettività intervengono per questo variabili di ordine psicologico come l’autostima e l'empatia. Per affrontare la complessità di questi studi e puntare alla produzione di una conoscenza multiprospettica delle fenomenologie sociali, Tintori ha promosso il valore delle interconnessioni e delle parziali sovrapposizioni disciplinari costituendo un gruppo di ricerca eterogeno e composto da ricercatori nel campo della sociologia, della psicologia, della statistica, dell’economia e dell’antropologia culturale.[senza fonte][4][3]

Metodi e strumenti per la ricerca sociale[modifica | modifica wikitesto]

Gli studi sugli atteggiamenti e i comportamenti della popolazione sono l’esito di specifici disegni di ricerca e di indagini campionarie condotte in modalità elettronica e telematica con l’ausilio di questionari di tipo strutturato e semi-strutturato. La metodologia di lavoro si avvale di specifici strumenti di ricerca, affinati e validati nel corso di molteplici applicazioni[6] [7][8], atti a misurare la tolleranza individuale verso diversi fenomeni sociali e i condizionamenti sociali che influenzano il comportamento umano. Ai fini della produzione di dati affidabili, peculiarità della metodologia è la costante presenza sul campo dei ricercatori in occasione delle rilevazioni scientifiche anche di tipo campionario. A tali tipi di studi vengono spesso associate fasi di approfondimento dei fenomeni identificati come maggiormente critici per mezzo di metodi di ricerca di tipo qualitativo, tra cui: focus group; interviste in profondità; attività di scenario planning con l’ausilio della tecnica Delphi (Delphi MIX[1]).

I fenomeni sociali studiati[modifica | modifica wikitesto]

I principali fenomeni posti a studio da Tintori e Cerbara ai fini dell’analisi delle correlazioni e dei nessi di causa-effetto tra variabili riguardano:

Le teorie poste a verifica scientifica[modifica | modifica wikitesto]

Gli studi sul mondo adolescenziale hanno finora posto a verifica alcune ipotesi di ricerca per le quali importanti quote di studentesse e studenti delle scuole secondarie di secondo grado in Italia sono oggi:

La divulgazione scientifica[modifica | modifica wikitesto]

Gli scienziati non dovrebbero vivere isolati nella torre d’avorio. La scienza è un mestiere per tutti, o meglio per chiunque sia dotato di grande passione, spirito critico, e naturalmente della disponibilità a formarsi studiando costantemente e in modo approfondito, senza però per questo affezionarsi mai troppo alle proprie idee [9].

Nei primi anni del 2000, sotto la guida di Rossella Palomba comprese l’importanza della divulgazione scientifica e della condivisione col grande pubblico del rilevante impatto che la ricerca scientifica ha sulla vita di tutti anche nel quotidiano. Ha successivamente partecipato in qualità di responsabile scientifico ad attività ed eventi istituzionali gratuiti di divulgazione della scienza e della vita degli scienziati. Questi ultimi, infatti, sono una categoria sociale poco conosciuta e molto idealizzata. Gli stereotipi li vogliono maschi e con specifici tratti fisici e personali che spaziano del ricercatore arrogante, sprezzante delle conseguenze del proprio lavoro o anche dotato di manie di grandezza, all’asociale genio nerd nella versione con camice bianco o trasandata t-shirt. Visioni degli scienziati così estreme compromettono la partecipazione dei giovani, e in particolare delle donne, al mondo della scienza, alla produzione della conoscenza e al sostegno del benessere sociale[9][10][11].

Dal 2008 al 2014 Tintori è stato per il CNR responsabile scientifico del progetto "LIGHT: Turn on the Light on Science"[12] nell’ambito dell’European Researchers' Night. Il progetto ha permesso la realizzazione di una serie di grandi eventi pubblici gratuiti di divulgazione della scienza e del ruolo sociale di ricercatori e ricercatrici che si sono tenuti nelle città di Roma, Benevento, Bari, Napoli, Rende e Palermo (il format del progetto "LIGHT: Turn on the Light on Science" è stato registrato alla S.I.A.E. nel 2011 come "opera inedita" con contrassegno n. 2011001162). È stato inoltre responsabile scientifico del progetto "lnvFactor. Anche tu genio"[13][14], ideato dal CNR-Irpps e realizzato in collaborazione con la Commissione Europea nelle edizioni 2010, 2011, 2012, 2013, 2016, 2017. Questo progetto ha previsto la realizzazione di concorsi nazionali dedicati alle invenzioni sviluppate nell'ambito degli studi delle scuole di istruzione superiore italiane allo scopo di valorizzare la creatività e il talento degli studenti italiani. “lnvFactor. Anche tu genio” ha ottenuto importanti riconoscimenti istituzionali per l’alto profilo culturale dei suoi obiettivi.

Dal judo agli studi sul rapporto tra sport e società[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1980 inizia la pratica del judo. Dopo alterne vicende, partecipa il 2 luglio del 2004 al campionato mondiale della World Masters Judo Association (gare per atleti della categoria "master") conseguendo le medaglie di argento e bronzo rispettivamente nelle specialità del Katame no Kata e del Kodokan Goshin Jutsu in coppia con Adriano Maiolino. Successivamente, partecipa su convocazione del CONI nel 2006 e nel 2008 rispettivamente al campionato europeo di kata di Torino e al torneo internazionale di Lignano Sabbiadoro. Conclusa nel 2014 la carriera agonistica, il CONI-Fijlkam gli conferisce il diploma di atleta azzurro di Judo per meriti sportivi. Detiene le qualifiche di allenatore di judo con il grado di V dan, di docente federale di kata, di insegnate tecnico del Metodo globale autodifesa (MGA) e di insegnante tecnico di culturismo.

Il judo è stato ispiratore di una serie di studi e ricerche scientifiche condotti da Tintori, anche in ambito CNR, fin dai primi anni del 2000 relativamente alle potenzialità dello sport nella promozione di valori socialmente positivi [15].

Premi e riconoscimenti professionali[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 2011, con l’indagine “Roma Sport 2020”[16], tratta dalla sua tesi di dottorato di ricerca in geografia economica, ha vinto il concorso per la ricerca applicata allo sport “Premio Alberto Madella[1], della Scuola dello Sport del CONI.
  • Nel 2011, 2012 e 2013 è stato co-assegnatario, in qualità di responsabile scientifico, della medaglia di rappresentanza italiana del Presidente della Repubblica come riconoscimento dell'alto profilo scientifico e culturale del progetto di divulgazione scientifica "Invfactor. Anche tu genio".
  • Nel 2016 è stato finalista del Premio Nazionale di Editoria Universitaria dell’Associazione Italiana del Libro nell’area H, Scienze politiche e sociali, con la monografia Scenari futuri e giudizio informato. Un innovativo metodo Delphi[1].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ambito degli studi sulle tendenze della popolazione ha recentemente pubblicato:

  • (coautore con Loredana Cerbara) L’immagine che vogliamo. Il web e gli stereotipi sui migranti. In: Uomini, donne e bambini, a cura di Ezio Alessio Gensini e Leonardo Santoli, Regione Toscana, p. 2017-2016,  2019. [ISBN: 978-88-85617-41-4].
  • L’integrazione sociale come processo reciproco. Opportunità e stereotipi nel caso dello sport, Le nuove frontiere della scuola, n. 49, La reciprocità, anno XVI, febbraio, pp. 93-100, 2019. [ISSN: 2281-9681].
  • L’illusione della competenza e l’inganno dell’opinione, Le nuove frontiere della scuola, n. 48, La competenza, anno XV, ottobre, pp.  11-16, 2018. [ISSN: 2281-9681].
  • (coautore con Loredana Cerbara) Bullismo, stereotipi, pregiudizi e comportamenti a rischio. Un confronto tra studenti italiani e stranieri di Latina. Osservatorio romano sulle migrazioni, Tredicesimo Rapporto, Centro Studi e Ricerche IDOS, IDOS Edizioni, p. 69-75, 2018. [ISBN: 9788864800264].
  • Immaginazione e metodo scientifico. Strategie per scenari di integrazione e benessere relazionale, Le nuove frontiere della scuola, n. 46, L’immaginazione, anno XV, aprile, pp.  73-78, 2018. [ISSN: 2281-9681].
  • (coautore con Loredana Cerbara) La condizione giovanile nella città di Latina. Indagine GAP 2017. Roma: Consiglio Nazionale delle Ricerche – Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali (IRPPS Working papers n. 107/2018), 2018. [ISSN: 2240-7332].
  • Devianza e disagio relazionale a scuola. Bullismo e cyberbullismo tra tradizione e modernità. In: Pugni chiusi. Bullismo: punti di vista, non-storie, impressioni, significati. Soluzioni? Un contributo a cambiare, per cambiare, a cura di Ezio Alessio Gensini e Leonardo Santoli, Regione Toscana, Consiglio Regionale, p. 69-73, 2018. [ISBN: 978-88-85617-11-7].
  • Innovazione e turismo. La regione Lazio tra tradizione e rinnovamento nel settore turistico-ricettivo. In: Regione Lazio e Territori dell’Ospitalità, a cura di Simone Bozzato. Roma, Universitalia, p. 113-133, 2017.  [ISBN: 978-88-3293-012-2].
  • (coautore con Loredana Cerbara) Lungo l’asse dell’integrazione/esclusione. Il banco di scuola con-diviso tra studenti italiani e stranieri. In: Migrazioni e integrazioni nell’Italia di oggi, a cura di Corrado Bonifazi, Roma: CNR-IRPPS e-Publishing, p. 199-211, 2017. [ISBN: 978-88-98822-12-6 (online), 978-88-98822-10-2 (print), DOI 10.14600/978-88-98822-12-6].
  • (coautore con Giorgio Giovanelli) La donazione del sangue come prassi sociale. Scenario per AVIS al 2027. Roma: Consiglio Nazionale delle Ricerche – Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali. IRPPS Working papers n. 100, 2017. [ISSN: 2240-7332].
  • (coautore con Rossella Palomba) Turn on the light on science. A research-based guide to break down popular stereotypes about science and scientists. London, Ubiquity Press, 2017. [ISBN (Paperback): 978-1-911529-04-0; ISBN (PDF): 978-1-911529-05-7; ISBN (EPUB): 978-1-911529-06-4; DOI: https://doi.org/10.5334/bba, License: CC BY 4.0] [funded by the European Commis­sion FP7 Post-Grant Open Access Pilot].
  • (coautore con Loredana Cerbara) Giovani alla prova. La condizione giovanile nella Città metropolitana di Roma Capitale. Aracne editrice, 2016. [ISBN: 978-88-548-9278-1].
  • (coautore con Maria Carolina Brandi e Loredana Cerbara) Prospettive, aspettative e atteggiamenti degli studenti di seconda generazione della Città metropolitana di Roma. Osservatorio romano sulle migrazioni, Undicesimo Rapporto, Centro Studi e Ricerche IDOS, IDOS Edizioni, 2016. [ISBN: 9788864800523]:
  • Scenari futuri e giudizio informato. Un innovativo metodo Delphi. Aracne Editrice, 2015. [ISBN: 978-88-548-8993-4].
  • (coautore con Flavia Cristaldi e Sandra Leonardi) Geographies of escape. A fact-finding and didactic survey on asylum seekers at the CARA of Castelnuovo di Porto – Rome. Journal of Research and Didactics in Geography (J-READING), 2, 4, Dec., 2015, pp. 39-59, 2015. [ISSN Print: 2281-4310; ISSN on-line: 2039-5694; DOI: 10.4458/6063-04].

Sul rapporto tra sport e società ha pubblicato:

  • (coautore con Adriana Valente, Valentina Tudisca e Pietro Demurtas) An assessment of the Physical Education and Sport curriculum of the high school in Italy: official documents and points of view on their implementation. Roma: Consiglio Nazionale delle Ricerche – Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali, IRPPS Working papers n. 110, 2018. [ISSN: 2240-7332].
  • (coautore con Maria Girolama Caruso, Loredana Cerbara, Adele Menniti, Maura Misiti) Sport e integrazione sociale. Indagine sulle scuole secondarie di secondo grado in Italia. Roma: Consiglio Nazionale delle Ricerche – Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali, IRPPS Working papers n. 108, 2018. [ISSN: 2240-7332].
  • (coautore con Loredana Cerbara) Sport e integrazione sociale. Una relazione a rischio. Neodemos, Popolazione, società e politica, 18 maggio 2018.
  • (coautore con Marco Accorinti, Maria Girolama Caruso, Loredana Cerbara, Adele Menniti e Maura Misiti) Non conta se siamo stranieri, dobbiamo giocare tutti insieme. Roma: Consiglio Nazionale delle Ricerche – Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali, IRPPS Working papers n. 106, 2018. [ISSN: 2240-7332].
  • (coautore con Loredana Cerbara) Lo sport di tutti. Valori e didattica dell’integrazione sociale. In: Pratica sportiva e lavoro sociale tra stato, mercato e comunità, Culture e Studi del Sociale (CuSSoc), vol. 2 (1), giugno, pp. 43-54, Università degli Studi di Salerno, 2017. [ISSN: 2531-3975].
  • La sedentarietà: una tendenza rischiosa. Neodemos, Popolazione, società e politica, 2017.
  • Physical inactivity and obesity in Italy. Working paper n. 84. Roma: Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali, 2015. [ISSN: 2240-7332].
  • LIGHT, la Notte dei Ricercatori del CNR tra scienza e arti marziali. ATHLON.net, anno 4°, novembre, n. 11: p. 22-23, Fijlkam, CONI, 2012.
  • Il metodo Delphi e le politiche per lo sport (seconda parte). Scuola dello Sport - Rivista di cultura sportiva, luglio–settembre, n. 94: p. 3-10, Calzetti Mariucci Editore, 2012 [ISSN: 1125-1891].
  • Metodo Delphi e politiche per lo sport (prima parte). Scuola dello Sport - Rivista di cultura sportiva, aprile-maggio, n. 93:  p. 3-13, Calzetti Mariucci Editore, 2012 [ISSN: 1125-1891].
  • Lo sport nella città globale, Geografia, n. 3-4, 2010. [ISSN: 11235586].
  • Roma Sport 2020. Working paper 26. Roma: Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali-CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche), 2009. [ISSN: 2240-7332].
  • Semantica dello sport. Pratica sportiva e gioco del calcio tra significati e fruizione. In: Geografia del calcio. Semestrale di Studi e Ricerche di Geografia, a cura di R. Morri, C. Pesaresi, n. 02, Roma, Sapienza, Università di Roma: p. 39-49, 2007. [ISSN 1125-5218].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Antonio Tintori, Scenari futuri e giudizio informato. Un innovativo metodo Delphi. Aracne Editrice, 2015. [ISBN: 978-88-548-8993-4].
  2. ^ irpps.cnr.it, https://www.irpps.cnr.it/staff/antonio-tintori/.
  3. ^ a b lettere.uniroma1.it, https://www.lettere.uniroma1.it/users/antonio-tintori.
  4. ^ a b Pagina web progetto GAP (Consiglio Nazionale delle Ricerche), su irpps.cnr.it.
  5. ^ Giovani alla prova. La condizione giovanile nella Città metropolitana di Roma Capitale. Aracne editrice, 2016. [ISBN: 978-88-548-9278-1].
  6. ^ a cura di Antonio Tintori e Loredana Cerbara, Giovani alla prova. La condizione giovanile nella Città metropolitana di Roma Capitale. Aracne editrice, 2016. [ISBN: 978-88-548-9278-1]..
  7. ^ Loredana Cerbara e Antonio Tintori, La condizione giovanile nella città di Latina. Indagine GAP 2017. Roma: ., in Consiglio Nazionale delle Ricerche (IRPPS Working papers n. 107/2018) [ISSN: 2240-7332], 107/2018, 2018.
  8. ^ Maria Girolama Caruso, Loredana Cerbara, Adele Menniti, Maura Misiti, Antonio Tintori, Sport e integrazione sociale. Indagine sulle scuole secondarie di secondo grado in Italia., in Consiglio Nazionale delle Ricerche (IRPPS Working papers n. 108, 2018). [ISSN: 2240-7332]., nº 108, 2018.
  9. ^ a b Antonio Tintori e Rossella Palomba, Turn on the light on science. A research-based guide to break down popular stereotypes about science and scientists, London, Ubiquity Press, 2017, DOI:https://doi.org/10.5334/bba, License: CC BY 4.0, ISBN 978-1-911529-04-0.
  10. ^ oapen.org, https://oapen.org/search?identifier=625335.
  11. ^ ubiquitypress.com, https://www.ubiquitypress.com/site/books/10.5334/bba/read/?loc=001.xhtml.
  12. ^ cnr.it, https://www.cnr.it/it/evento/12786/light-turn-on-the-light-of-science.
  13. ^ cnrweb.tv, http://www.cnrweb.tv/?s=invfactor.
  14. ^ cnr.it, https://www.cnr.it/it/evento/12552/invfactor-anche-tu-genio.
  15. ^ Antonio Tintori e Loredana Cerbara, Lo sport di tutti. Valori e didattica dell’integrazione sociale, in Culture e Studi del Sociale (CuSSoc) (Università degli Studi di Salerno), 2 (1), giugno, pp. 43-54, 2017, pp. 43-54, ISSN 2531-3975 (WC · ACNP).
  16. ^ ideas.repec.org, https://ideas.repec.org/p/cnz/wpaper/262009.html.
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie