Antonio Tarzia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Antonio Tarzia (Amaroni, 27 novembre 1940) è un giornalista e presbitero italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sacerdote della Società San Paolo, ha fondato nel 1977 ed è attuale direttore di Jesus, rivista cattolica mensile di cultura e attualità religiosa, e di G Baby, rivista per bambini, entrambe edite dai Periodici San Paolo.[1]

È stato direttore de Il Giornalino, direttore editoriale della Periodici San Paolo e direttore generale delle Edizioni San Paolo.[2][3][4][5]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonio Tarzia, Gino Gavioli, La storia del presepe, Edizioni paoline, 1987
  • Antonio Tarzia, Gino Gavioli, Il mistero del convento, Paoline, 1990
  • Antonio Tarzia, Cenerentola, Jaca Book, Milano, 2003
  • Antonio Tarzia, Elisa Possenti, Pinocchio e la fata Turchina, Jaca Book, Milano, 2003
  • Antonio Tarzia, Carla Cortesi , Colora gli angeli amici di Gesù, Edizioni San Paolo, Cinisello Balsamo, 2009
  • Antonio Tarzia, Carla Cortesi , Colora gli angeli della Bibbia, Edizioni San Paolo, Cinisello Balsamo, 2009
  • Antonio Tarzia, Luciano Vasapollo, Una settimana a Cuba con il papa, Raul, Fidel e molti altri, Jaca Book, Milano, 2012
  • Bruno Forte, Antonio Tarzia, Le mie prime preghiere, Edizioni San Paolo, 2014

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Aurelio Molè, L'avventura di Jesus, Città Nuova, 8 luglio 2010. URL consultato il 12 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2015).
  2. ^ Antonio Tarzia, Edizioni San Paolo. URL consultato il 10 novembre 2015.
  3. ^ I documenti e le pubblicazioni della Chiesa Cattolica Italiana, Conferenza Episcopale Italiana, 5 novembre 1999. URL consultato il 10 novembre 2015.
  4. ^ Edizioni san paolo presentano a scalfaro "storia della chiesa"[collegamento interrotto], Agi, 3 febbraio 1995. URL consultato il 10 novembre 2015.
  5. ^ Ignazio Ingrao, Santo copyright: guerra ai paolini, Panorama. URL consultato il 10 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
Controllo di autoritàVIAF (EN7420464 · ISNI (EN0000 0000 7357 1059 · SBN IT\ICCU\CFIV\040061 · LCCN (ENn88199500 · BNF (FRcb12106425h (data) · BAV ADV12098041 · WorldCat Identities (ENn88-199500