Antonio Santin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antonio Santin
arcivescovo della Chiesa cattolica
Archbishop CoA PioM.svg
Incarichi ricoperti
Nato 9 dicembre 1895 a Rovigno
Ordinato presbitero 1º maggio 1918
Nominato vescovo 10 agosto 1933 da papa Pio XI
Consacrato vescovo 29 ottobre 1933 dal vescovo Trifone Pederzolli
Elevato arcivescovo 13 luglio 1963 da papa Paolo VI
Deceduto 17 marzo 1981 (85 anni) a Trieste

Antonio Santin (Rovigno, 9 dicembre 1895Trieste, 17 marzo 1981) è stato un arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Venne ordinato sacerdote il 1º maggio 1918.

Nominato vescovo di Fiume il 10 agosto 1933, ricevette l'ordinazione episcopale il 29 ottobre 1933 dal vescovo Trifone Pederzolli.

Il 16 marzo 1938 fu eletto alla cattedra di Trieste e Capodistria.

Dopo la promulgazione delle leggi razziali fasciste, discusse delle stesse con Benito Mussolini, a difesa degli ebrei e di papa Pio XI, che era stato attaccato dal Duce per aver difeso il popolo ebraico.

Il 19 giugno 1947, in occasione della festa di San Nazario, subì una violenta aggressione a Capodistria.[1]

Il 13 luglio 1963 venne insignito del titolo di arcivescovo ad personam da papa Paolo VI.

Morì il 17 marzo 1981 all'età di 85 anni.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Alzatosi lo seguì, Trieste, Seminario vescovile, 1958
  • Al tramonto : ricordi autobiografici di un vescovo, Trieste, LINT, 1978

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pietro Zovatto, Mons. Antonio Santin e il razzismo nazifascista a Trieste (1938-45), Quarto d'Altino, Centro Studi Storico Religiosi, 1977

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Fiume Successore BishopCoA PioM.svg
Isidoro Sain 1933 - 1938 Ugo Camozzo
Predecessore Vescovo di Trieste e Capodistria Successore BishopCoA PioM.svg
Luigi Fogar 1938 - 1975 Lorenzo Bellomi
Controllo di autoritàVIAF: (EN3282632 · ISNI: (EN0000 0000 6150 2339 · SBN: IT\ICCU\CFIV\032996 · LCCN: (ENn95115805 · GND: (DE119519100