Antonio Pettinicchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Antonio Pettinicchi (Lucito, 25 ottobre 1925Bojano, 24 giugno 2014) è stato un pittore e incisore italiano, attivo nell'arte contemporanea.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Trascorre i primi anni della sua vita a Lucito dove inizia a produrre i suoi primi disegni (tracce delle sue prime opere si trovano ancora all'ingresso della sua abitazione). Frequenta la scuola superiore a Campobasso dove il professore Amedeo Trivisonno lo invoglia verso il disegno. A Napoli nei primi anni cinquanta completa i suoi studi presso l'accademia delle Belle Arti. Qui stringe ottimi rapporti con il professore Emilio Notte e incontra il suo maestro incisore Lino Bianchi Barriviera. Insegnerà dopo gli studi disegno e storia dell'arte presso l'Istituto Magistrale di Campobasso dove era stato studente anni prima.

Sguardo di Antonio Pettinicchi

I suoi dipinti fanno riferimento alla realtà vera e autentica del Molise degli anni 60 e 70. Insieme ad altri artisti molisani negli anni 70 inizia un percorso figurativo d'avanguardia, sperimentazione e lotta riguardante le problematiche sociali di quei tempi.

Dipinge solo gente e scenari molisani dicendo:

«Sono attaccato alla mia terra e agli uomini che ci stanno e cerco con il mio lavoro di farli parlare. Essi possiedono già la forza espressiva, il tragico, il drammatico e anche il senso di pace. Mi piacciono i silenzi ossessivi di controluce del mattino inoltrato o le notti piene di incubi e di cose remote lungo i burroni e le crepe di questa terra. Nelle cose che mi stanno davanti c'è il reale, il surreale e l'essenziale. Questi pochi uomini liberi li amo; ne condivido le angosce, le sconfitte, le pesanti rassegnazioni e l'attesa della fine. Questa visione l'avevo già quando giravo a piedi per queste terre. Ora sono più accanito a considerare le vicende umane di questi luoghi per trarne, per quanto posso, gli echi e le risonanze tragiche che possiedono.»

Un artista amico che influenzò la sua pittura fu Renato Guttuso. Aveva un grande interesse per gli impressionisti come Paul Cézanne, Francis Bacon, Pablo Picasso, Hieronymus Bosch e pittori dell'impressionismo tedesco che amava particolarmente.

Predilige il contrasto e il controluce per raccontare la sua terra e lasciare traccia di quello che era.

Ha illustrato la Divina Commedia con 87 dipinti acquistati dalla Provincia di Campobasso nel 1994.

Tante le mostre personali e collettive a cui partecipa, tra le quali le partecipazioni alla Biennale di Venezia e Quadriennale di Roma.

Le sue opere sono presso molte gallerie private e pubbliche come gli Uffizi di Firenze, la Galleria Puskin di Mosca, Altes Museum di Berlino e British Museum di Londra.

L'ultima sua mostra personale si è tenuta a Campobasso (Fondazione Molise Cultura Palazzo GIL) nel 2015 ad un anno dalla sua morte.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

  • Primo Premio per la Grafica alla Mostra delle Accademie e Belle Arti d'Italia, Napoli (1951)
  • Primo Premio di Pittura nella Mostra Internazionale Arte Giovanile, Roma (1958)
  • Premio Asiago alla IV Biennale dell'incisione, Venezia (1961)
  • Premio città di Torino alla V Biennale Internazionale della Grafica, Firenze (1971)

Illustrazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Le terre del Sacramento di Francesco Jovine
  • La chiesa di canneto di F. Del Vecchio
  • Vita di contadini di D. Del Gado
  • Delicata Civerra, Dramma storico della cronaca campobassana del XI secolo di L. De Marco

Musei e Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

  • Altes Museum, Berlino
  • British Museum, Londra
  • GNAM, Roma
  • Museo Puskin, Mosca
  • Raccolta disegni e stampe, Galleria degli Uffizi, Firenze
  • Collezione Convitto Nazionale Mario Pagano, Campobasso
  • Galleria del Comune di Roma, Roma
  • Galleria d'arte moderna, Vicenza
  • Galleria d'arte contemporanea "Osvaldo Licini", Ascoli Piceno
  • Museo civico d'arte moderna, Lucca
  • Museo civico, Modena
  • Museo civico, Pescia
  • Musei civici veneziani, Venezia
  • Pinacoteca civica "Vittorore Crivelli", Sant'Elpidio a mare (FM)
  • Raccolta Fondazione "Opera Bevilacqua La Masa", Venezia
  • Raccolta del Comune, Campobasso
  • Raccolta della Provincia, Campobasso
  • Raccolta Premio Termoli, Termoli (CB)
  • Raccolta stampe "Achille Bertarelli"
  • Castello Sforzesco, Milano

Hanno scritto su di lui: Gino Marotta, Antonio Picariello, Antonio Cirino, Massimo Bignardi, Lino Bianchi Barriviera, Vitaliano Corbi, Eduardo Di Iorio, Tommaso Evangelista, Lino Mastropalolo, Giuseppe Jovine, Mario Monteverdi, Dario Micacci, Giorgio Trentin, Remo Wolf e tanti altri.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • P.M. Di Iorio e T. Evangelista, Antonio Pettinicchi CONTROLUCE, Campobasso 2015
  • S. Valente, Dissonanze e contrasti, L'eroica visione di un pittore contemporaneo, Campobasso 2013
  • Antonio Pettinicchi, I dipinti sulla Divina Commedia, catalogo della mostra (Campobasso, 2002)
  • M. Bignardi, Antonio Pettinicchi, Dipinti, disegni e incisioni, Napoli 2002
  • V. Corbi, Pettinicchi,catalogo della mostra, (Campobasso 1993) Ripalimosani 1998

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0000 7868 6912 · SBN IT\ICCU\CFIV\130555