Antonio Mastrapasqua

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Antonio Mastrapasqua (Roma, 20 settembre 1959) è un dirigente pubblico e privato italiano. Da maggio 2014 è consigliere indipendente e presidente del comitato per la remunerazione e le nomine di Gtech Spa. Dal 2008 fino al 2014 è stato presidente dell'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2001 al 2015 è stato Direttore generale dell'Ospedale Israelitico di Roma [1], ospedale provinciale geriatrico e specializzato in attività di assistenza ospedaliera, cura e ricovero pazienti e attività ambulatoriale. La ristrutturazione e riorganizzazione dell'Ospedale israelitico, rappresentano un caso unico nella realtà sanitaria della Regione Lazio. Nel corso degli anni si è passati da una azienda in crisi profonda ad un polo sanitario di eccellenza a livello nazionale. Dal 2001 al 2005 i ricavi sono passati da 17 milioni di euro a 40 milioni per arrivare nel 2011 a 54 milioni. Il personale dipendente è passato dalle 180 unità del 2000 alle 250 del 2011.

Da aprile 2002 al 2011 è stato Amministratore delegato di Italia previdenza, società italiana di servizi per la previdenza integrativa SpA.

È stato presidente dell'Inps dal 2008 fino al 2014. Unico presidente ad avere ricevuto il voto favorevole all'unanimità di tutte e due le Commissioni Lavoro di Camera e Senato, che devono esprimere un parere consultivo alla nomina del presidente Inps. Dal luglio al dicembre 2008 è stato commissario straordinario del Consiglio di indirizzo e vigilanza (Civ) dell'Inps. Nel decreto legge "Salva-Italia" era stato rinnovato il suo incarico presidenziale fino al 31 dicembre 2014 per guidare la fusione in Inps di Inpdap ed Enpals (soppressi dallo stesso decreto).

Si è dimesso dalla carica di presidente dell'Inps il 1º febbraio 2014.

È stato Consigliere di amministrazione dell'Inps per quattro anni, dal 2004 al 2008.

Dal 2005 e fino al 3 febbraio 2014 è stato vicepresidente esecutivo di Equitalia.

Dal 2007 al 20015 è stato Direttore della Casa di riposo ebraica di Roma. Oltre alla gestione della casa di riposo, l'Ente dispone di un ingente patrimonio immobiliare ubicato nella città di Roma.

Per poco più di un anno (ottobre 2008 - novembre 2009) è stato presidente del Comitato di settore degli Enti pubblici non economici (Epne).

Dal gennaio 2012 all'aprile 2014 è stato Presidente di "Idea Fimit Sgr" Spa. Infatti, con l'integrazione di Inpdap ed Enpals in Inps, l'Istituto è diventato azionista (con una quota del 29,6%, derivante dai pacchetti dei due istituti soppressi) della società Idea Fimit Sgr SpA, che si colloca al primo posto in Italia quale società di gestione del risparmio specializzata in fondi di investimento immobiliare. La società gestisce 10,1 miliardi di masse in gestione e 31 fondi immobiliari di cui 5 quotati nel segmento MIV, Mercato Telematico degli Investment Vehicles, di Borsa Italiana.

Da maggio 2014 ad Aprile 2015 Antonio Mastrapasqua è stato Consigliere indipendente e Presidente del comitato per la remunerazione e le nomine di Gtech Spa, società leader a livello internazionale nel settore gaming.

Attività professionale[modifica | modifica wikitesto]

È titolare dello Studio Mastrapasqua di Roma ed è iscritto all'Ordine dei Dottori Commercialisti di Roma, al Registro dei Revisori Legali.

È anche giornalista pubblicista. Ha svolto per gruppi industriali e di servizi interventi di risanamento aziendale seguendo gli aspetti finanziari, organizzativi e societari. Nel corso dell'attività professionale ha effettuato lavori di revisione, di natura contabile e fiscale, ed ha svolto consulenza di carattere tributario e societario, nei confronti di aziende industriali o di servizi, di società ed enti pubblici e privati.

Altri incarichi[modifica | modifica wikitesto]

È stato Presidente del Collegio sindacale di "Eur Power" Srl, di "Eur Tel" Srl (Attività di telecomunicazione), di Aquadrome Srl (Società di costruzione di edifici residenziali e non residenziali). È stato presidente regionale di Lazio Aris – Associazione religiosa istituti socio-sanitari; è stato Consigliere/Amministratore delegato S.I.S.P.I. Spa; è stato Amministratore unico Litorale Spa; è stato Consulente della Banca Nazionale del Lavoro – Divisione credito industriale; è stato vicepresidente vicario e membro della Giunta esecutiva Enpsdi – Ente nazionale promozione sportiva disabili; è stato Amministratore unico della MA.TI. SERVICE Srl. È stato Consigliere di amministrazione di Termosud (Gruppo Ansaldo Iri Finmeccanica).

Attività culturali[modifica | modifica wikitesto]

Ha diretto la “Rivista Finanziaria – Osservatorio mensile sui mercati finanziari”, mensile del Centro studi di Economia e Finanza. Ha partecipato, anche in qualità di relatore, a diversi convegni sulle materie economiche e sociali tra i quali quelli dell'Aspen Institute Italia e del Forum Ambrosetti.

Procedimenti giudiziari[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel settembre 2014 viene iscritto nel registro degli indagati dalla Procura della Repubblica di Roma per il reato di concorso in falso e truffa ai danni del Servizio Sanitario Nazionale nell'ambito di un filone d'indagine riguardante prestazioni sanitarie fantasma erogate dall'Ospedale Israelitico di Roma[2].
  • Il 21 ottobre 2015 finisce agli arresti domiciliari. Il provvedimento cautelare viene emesso dalla Procura di Roma nell'ambito dell'inchiesta per il reato di falso e truffa ai danni del SSN. L'ordinanza del GIP Maria Paola Tomaselli a carico di dirigenti, medici e operatori dell'Ospedale Israelitico di Roma cita un «collaudato sistema» incardinato su prestazioni sanitarie «illecitamente erogate a danno del SSN» tra il 2012 e il 2014, sottolinendo come Mastrapasqua, in qualità di dirigente generale del nosocomio abbia, in concorso con altri dirigenti, «con artifici e raggiri» messo a carico della sanità regionale «prestazioni che non erano accreditate», provocando così un «danno patrimoniale di rilevante entità» per il servizio pubblico[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ospedale Israelitico - Antonio Mastrapasqua
  2. ^ Maxitruffa al Ssn: 10 indagati, tra cui l’ex presidente Inps Antonio Mastrapasqua, Il Sole 24 ORE, 29 settembre 2014.
  3. ^ Truffa al Ssn, l’ex presidente Inps Antonio Mastrapasqua ai domiciliari, Il Sole 24 ORE, 21 ottobre 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Carica[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente di INPS Successore
2008 al 1º febbraio 2014 Vittorio Conti