Antonio Landolfi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antonio Landolfi

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature VIII
Gruppo
parlamentare
Partito Socialista Italiano
Coalizione Pentapartito
Circoscrizione Lazio
Collegio Sora-Cassino
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico PSI
Professione professore universitario

Antonio Landolfi (Napoli, 10 novembre 1930Roma, 26 febbraio 2011) è stato un politico, scrittore e insegnante italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Partecipò giovanissimo alla Liberazione, come staffetta partigiana a Roma occupata dai tedeschi. Si iscrive quindi al Partito Comunista Italiano per uscirne alcuni anni dopo per aderire al Partito Socialista Italiano e schierarsi attivamente con le correnti autonomiste del socialismo italiano fino a contribuire alla svolta del Midas accanto a Giacomo Mancini.

Autore di molti saggi storici e politici tra cui La storia del socialismo italiano, molto apprezzata dalla critica. Membro della direzione e successivamente della segreteria negli anni settanta, è stato eletto senatore della Repubblica nell'ottava legislatura. Intellettuale e professore universitario dirige anche la rivista teorica del partito Mondoperaio per alcuni anni.

Nel 1979 viene eletto senatore della Repubblica nel collegio di Sora-Cassino. Ha collaborato con l’Avanti!, Critica Sociale e Mondo Operaio.

Landolfi, socialista democratico di stampo europeo, storico e docente universitario, giornalista, è stato fondatore e direttore responsabile dell'Agenzia Fuoritutto. Impegnato in ambito dei diritti civili, fu lui insieme a Pannella e Fortuna a battersi per l'introduzione del divorzio. Stretto collaboratore del leader socialista Giacomo Mancini [1] di cui ha scritto un saggio, ne ha diretto la omonima Fondazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN12349781 · ISNI (EN0000 0000 8357 2207 · SBN IT\ICCU\CFIV\108365