Antonio Landolfi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antonio Landolfi

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature VIII
Gruppo
parlamentare
Partito Socialista Italiano
Circoscrizione Lazio
Collegio Sora-Cassino
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico PSI
Professione professore universitario

Antonio Landolfi (Napoli, 10 novembre 1930Roma, 26 febbraio 2011) è stato un politico, scrittore e insegnante italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Partecipò giovanissimo alla Liberazione, come staffetta partigiana a Roma occupata dai tedeschi. Si iscrive quindi al Partito Comunista Italiano per uscirne alcuni anni dopo per aderire al Partito Socialista Italiano e schierarsi attivamente con le correnti autonomiste del socialismo italiano fino a contribuire alla svolta del Midas accanto a Giacomo Mancini.

Autore di molti saggi storici e politici tra cui La storia del socialismo italiano, molto apprezzata dalla critica. Membro della direzione e successivamente della segreteria negli anni settanta è eletto senatore. Intellettuale e professore universitario dirige anche la rivista teorica del partito Mondoperaio per alcuni anni.

Landolfi, socialista democratico di stampo europeo, storico e docente universitario, giornalista, è stato fondatore e direttore responsabile dell'Agenzia Fuoritutto. Impegnato in ambito dei diritti civili, fu lui insieme a Pannella e Fortuna a battersi per l'introduzione del divorzio. Stretto collaboratore del leader socialista Giacomo Mancini [1] di cui ha scritto un saggio, ne ha diretto la omonima Fondazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN12349781