Antonio Eugenio Visconti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antonio Eugenio Visconti
cardinale di Santa Romana Chiesa
Antonio Eugenio Visconti - Kardinal.jpg
Ritratto del cardinale Visconti
Template-Cardinal (SMOM).svg
Incarichi ricoperti
Nato 17 giugno 1713, Milano
Ordinato presbitero 22 dicembre 1759
Nominato arcivescovo 28 gennaio 1760 da papa Clemente XIII
Consacrato arcivescovo 16 febbraio 1760 da papa Clemente XIII
Creato cardinale 17 giugno 1771 da papa Clemente XIV
Pubblicato cardinale 19 aprile 1773 da papa Clemente XIV
Deceduto 4 marzo 1788 (74 anni), Roma

Antonio Eugenio Visconti (Milano, 17 giugno 1713Roma, 4 marzo 1788) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Milano il 17 giugno 1713, figlio di Annibale Visconti, feldmaresciallo del Sacro Romano Impero, e della nobildonna Claudia Erba-Odescalchi, imparentata col pontefice Innocenzo XI. Suo padrino di battesimo fu il celebre condottiero Eugenio di Savoia.

Compì i propri studi all'Università di Pavia dove ottenne il dottorato in utroque iure il 19 dicembre 1737. Dopo la laurea, praticò legge al foro di Milano e fu relatore del Sacro Consiglio della Sacra Consulta dal 1748, divenendo segretario della Sacra Congregazione per le indulgenze e le sacre reliquie. Amministratore dell'Ospedale di San Gallo a Roma, divenne primicerio dell'Arciconfraternita dei Pellegrini e del Carmine, nonché referendario del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica.

Dopo questa prima fase, prese definitivamente gli ordini sacri il 22 dicembre 1759 e dal 28 gennaio 1760 venne eletto arcivescovo titolare di Efeso, venendo consacrato il 28 giugno di quello stesso anno, a Roma, da papa Clemente XIII. Nominato assistente al trono pontificio il 20 febbraio 1760, ottenne la carica di nunzio apostolico in Polonia il 22 febbraio dello stesso anno, venendo trasferito alla nunziatura in Austria a partire dal 22 novembre 1766.

Creato cardinale in pectore nel concistoro del 17 giugno 1771, venne resa pubblica la sua elezione il 19 aprile 1773. Partecipò al conclave del 1774-1775, che elesse pontefice Pio VI, ricevendo il titolo cardinalizio di Santa Croce in Gerusalemme il 3 aprile 1775. Quindi divenne prefetto dell'Economia della Sacra Congregazione della Propaganda Fide e camerlengo del Sacro Collegio dei cardinali dal 20 marzo 1780. Nel 1782 fu nominato prefetto per la Sacra Congregazione per le indulgenze e le sacre reliquie.

Morì a Roma il 4 marzo 1788 all'età di 74 anni e la sua salma venne esposta nella chiesa cittadina dei Santi Ambrogio e Carlo, e venne sepolto nella sua chiesa titolare.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Balì Cavaliere di Gran Croce di Onore e Devozione per i Cardinali di Santa Romana Chiesa - nastrino per uniforme ordinaria Balì Cavaliere di Gran Croce di Onore e Devozione per i Cardinali di Santa Romana Chiesa

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Immagine Blasonatura
Ornements extérieurs Cardinaux.svg
Coat of arms of the House of Visconti (1395).svg
Cardinale

D'argento alla biscia d'azzurro ondeggiante in palo e coronata d'oro, ingolante un moro di carnagione (Visconti).

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Segretario della Congregazione per le Indulgenze e le Sacre Reliquie Successore Emblem Holy See.svg
Antonio Maria Erba Odescalchi 22 ottobre 1754 - 22 febbraio 1760 Innocenzo Conti
Predecessore Arcivescovo titolare di Efeso Successore Archbishop CoA PioM.svg
Antonio Maria Pescatori, O.F.M.Cap. 28 gennaio 1760 - 19 aprile 1773 Nicola Buschi
Predecessore Nunzio apostolico in Polonia Successore Emblem Holy See.svg
Nicolo Serra 22 febbraio 1760 - 22 novembre 1766 Angelo Maria Durini
Predecessore Nunzio apostolico in Austria Successore Emblem Holy See.svg
Vitaliano Borromeo 22 novembre 1766 - 19 aprile 1773 Giuseppe Garampi
Predecessore Cardinale presbitero di Santa Croce in Gerusalemme Successore CardinalCoA PioM.svg
Niccolò Serra 3 aprile 1775 - 4 marzo 1788 František Herzan von Harras
Predecessore Camerlengo del Collegio Cardinalizio Successore Emblem Holy See.svg
Scipione Borghese 20 marzo 1780 - 2 aprile 1781 Bernardino Giraud
Predecessore Prefetto della Congregazione per le Indulgenze e le Sacre Reliquie Successore Emblem Holy See.svg
Ludovico Calini 9 dicembre 1782 - 4 marzo 1788 Diego Innico Caracciolo di Martina
Controllo di autorità VIAF: (EN47557845 · GND: (DE118768689 · CERL: cnp00588103