Antonio Di Dio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Antonio Di Dio (Palermo, 17 marzo 1922Megolo, 13 febbraio 1944) è stato un partigiano e militare italiano. Medaglia d'oro al valor militare alla memoria.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo gli studi liceali conclusi a Cremona, città di residenza della sua famiglia, l'8 settembre 1943 si trova a Modena, inserito nel corso allievi ufficiali della Scuola d'applicazione militare. In quel frangente viene messo agli arresti per un tentativo di opposizione ai tedeschi, evade dopo tre giorni e raggiunge il fratello Alfredo, in Val Strona, dove si aggrega alla squadra di Filippo Maria Beltrami. Durante un conflitto a fuoco con i tedeschi in località Megolo (frazione di Pieve Vergonte),il 13 febbraio 1944 resta ucciso assieme ai compagni che si trovano con lui, fra cui lo stesso comandante Beltrami e l'altro ventenne Gaspare Pajetta.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor militare
«Partigiano di indomito valore, già distintosi per ardimento ed audacia in numerosi combattimenti, attaccato da preponderanti forze nazifasciste rifiutava l’ordine di sganciarsi dall’accerchiamento e resisteva sul posto animando e spronando i compagni alla resistenza ad oltranza. Accortosi che il suo comandante, rimasto ferito, era stato accerchiato, accorreva vicino a lui per evitare che venisse sopraffatto dal nemico e con sublime spirito di sacrificio e di abnegazione cercava di metterlo in salvo. Cadeva colpito da una raffica di mitraglia che troncava la sua eroica esistenza offerta in olocausto alla redenzione della Patria[1]
— Megolo (Novara), 13 febbraio 1944

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

L'università di Parma gli ha concesso nel 1946 la laurea ad honorem.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • P.Secchia, C. Moscatelli, Il Monterosa è sceso a Milano. La resistenza nel biellese, nella Valsesia e nella Valdossola, Einaudi, Torino, 1958
  • M. Begozzi, Il signore dei ribelli, ISRN , Anzola d'Ossola, 1991

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]