Antonio D'Amato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antonio D'Amato
Napolitano Guidi D'Amato.jpg
D'Amato tra il ministro Federica Guidi ed il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, ottobre 2014

Presidente di Confindustria
Durata mandato 2000 –
2004
Predecessore Giorgio Fossa
Successore Luca Cordero di Montezemolo

Dati generali
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza

Antonio D'Amato (Napoli, 16 giugno 1957) è un imprenditore italiano, presidente di Confindustria dal 2000 al 2004.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in giurisprudenza presso l'Università Federico II di Napoli, diviene presidente nel 1991 del Gruppo Finseda, fondato dal padre Salvatore, leader a livello internazionale nella produzione di imballaggi alimentari e operante in Italia, Regno Unito, Germania, Portogallo e Stati Uniti.

Dal 2000 al 2004 è stato presidente di Confindustria e dal 2001 al 2004 presidente della Luiss Guido Carli.

Da 2013 è presidente della Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere del lavoro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere del lavoro
— 1º giugno 2005[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN239306512 · ISNI (EN0000 0003 8582 3892 · SBN IT\ICCU\LO1V\164310 · LCCN (ENn88208678 · WorldCat Identities (ENlccn-n88208678
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie