Antonio Comino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Antonio Comino (Brescia, ... – Brescia, 1644) è stato un architetto italiano.

La sua carriera di architetto si svolse principalmente nella città di Brescia e in provincia di Brescia, operando soprattutto su architetture religiose. È noto in particolare per essere stato il direttore dei lavori al cantiere del Duomo nuovo dal 1611 fin quasi alla morte, affiancato a Lorenzo Binago in qualità di progettista e sovrintendente.

Opera sua è il progetto di ricostruzione integrale della chiesa dei Santi Faustino e Giovita, compresi altri lavori sulle rifiniture interne, avviato nel 1620 e terminato quasi un secolo dopo[1].

Sempre ai suoi progetti si deve, probabilmente, la trasformazione barocca della chiesa di San Barnaba[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Valentino Volta, Cronologia: le fonti e i documenti, in A.A.V.V. (a cura di), San Faustino a Brescia. Cronache edilizie e rilievi per il restauro, Brescia, Dipartimento di ingegneria civile dell'Università di Brescia, 1986, ISBN 88-7385-221-1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie