Antonio Catte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Antonio "Totoni" Catte (Oliena, 19121949) è stato un magistrato e partigiano italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essersi laureato all'età di soli 22 anni in Giurisprudenza, divenne magistrato due anni dopo (il più giovane d'Italia).

Esercitò la sua professione a Sassari, Firenze, Genova e Savona. Antifascista convinto, partecipò alla lotta partigiana in Liguria e in Piemonte, militando nella Brigata Panevino, aderente al movimento Giustizia e Libertà.

Dopo la Liberazione, rientrò a Genova, dove gli venne fatta la proposta di far parte del Tribunale Speciale che processava i fascisti.

Ben presto però dovette abbandonare la professione a causa dei problemi di salute che gli avevano minato il fisico durante il periodo di lotta e che si erano aggravati a guerra finita.

Rientrò ad Oliena dove morì poco dopo all'età di soli 36 anni.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luisa Lecca, Oliena. Storia, cultura, ambiente, tradizione, 2009, Ethos edizioni.