Antonio Carneo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Antonio Carneo (anche Carniello) (Concordia Sagittaria, 26 novembre 1637Portogruaro, 16 dicembre 1692) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu attivo in Veneto orientale e in Friuli, soprattutto a Udine, dove viene ospitato per più di un ventennio dai conti Leonardo e Giovanni Battista Caiselli, e per i quali realizzò numerosi dipinti. Secondo la testimonianza di Guarienti fu proprio il padre il suo primo maestro, successivamente però il giovane si sarebbe perfezionato nello studio assiduo dei maestri veneziani del ‘500. Estimatore dei modelli fiamminghi, dei "tenebrosi" e dei loro accenti naturalistici e delle opere di Bernardo Strozzi e di Luca Giordano, fu apprezzato per il naturale cromatismo delle sue pitture, per la mescolanza di modelli figurativi veristici e di gusti rustici, per la pennellata vorticosa e l'estro fantasioso.[1]

Anche il figlio Giacomo fu pittore.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

La Vergine con il Bambino, Real Academia de Bellas Arte de San Fernando, Madrid

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Le Muse", De Agostini, Novara, 1965, Vol. III, pag.97

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Aldo Rizzi, Antonio Carneo, Doretti, Udine 1960.
  • Aldo Rizzi e Rodolfo Pallucchini, Mostra del Bombelli e del Carneo, Udine 1964.
  • Vittorio Sgarbi, Antonio Carneo tra gli altri maestri del Seicento, in Pittura veneziana dal Quattrocento al Settecento: studi di storia dell'arte in onore di Egidio Martini, a cura di G. M. Pilo, Venezia 1999.
  • C. Furlan, I dipinti di Antonio Carneo e Sebastiano Bombelli, in Arte in Friuli Venezia Giulia, a cura di G. Fiaccadori, Udine 1999.
  • Ernst Gombrich, Dizionario della Pittura e dei Pittori, Torino, Einaudi, 1997.
  • Aldo Rizzi, CARNEO, Antonio, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 20, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1977. URL consultato l'8 novembre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN17115076 · ISNI: (EN0000 0000 6630 9298 · SBN: IT\ICCU\CFIV\138323 · LCCN: (ENnr95030455 · GND: (DE119395304 · BNF: (FRcb13325835k (data) · ULAN: (EN500003408