Antonio Caraccio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antonio Caraccio

Antonio Caraccio, barone di Corano (Nardò, luglio 1630Roma, 14 febbraio 1702), è stato un poeta italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato da Niccolò Caraccio, dei baroni di Corano[1], e dalla verseggiatrice Caterina Scorna. Compì i primi studi a Nardò, poi giunse a Napoli per seguire gli studi superiori.

Nel 1651 si trasferì a Roma dove avviò al segretariato presso illustri cardinali come Marcantonio Bragadin e Vincenzo Costaguti.

Passato al servizio del governatore di Roma e poi cardinale Giambattista Spinola in qualità di maestro di camera e di capitano della sua guardia.

Nel 1690 entrò nella nuova Accademia dell'Arcadia dove presto fu dei dodici Vicecustodi col nome di Lacone Cromizio.

Morì a Roma dopo anni di sonnambulismo, poco dopo sua moglie Beatrice Saladina.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • "L'assemblea dei fiumi", 1656, poemetto.
  • "La pace pronuba", 1660, poema scritto in occasione delle nozze di Luigi XIV di Francia e dell'infanta Maria Teresa.
  • "La navigazione", 1671, ode epitalamica.
  • "L'imperio vendicato", 1679, poema heroico dedicato alla Serenissima Republica di Venetia.
  • "Il Corradino", 1694, tragedia, sua ultima opera.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Corano, masseria e antico feudo prossimo di Nardò.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN7300269 · ISNI (EN0000 0000 6126 6954 · SBN IT\ICCU\SBLV\199523 · LCCN (ENnr97043583 · GND (DE1018529896 · BAV ADV10159621 · CERL cnp01418927 · WorldCat Identities (ENnr97-043583