Antonio Cammelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Antonio Cammelli detto il Pistoia (Pistoia, 1436Ferrara, 1502) è stato un poeta italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio di Biondo Niccolò e di una non meglio conosciuta Ginevra. Originario di Pistoia (da cui il soprannome Pistoia), visse e operò soprattutto alla corte di Ferrara. Dedicò a Isabella d'Este 533 Sonetti faceti con ampi riferimenti politici e di cronaca descritti con stile satirico (pubblicati postumi nel 1884).

Nel 1495 venne nominato capitano della porta di Santa Croce a Reggio e ne detenne l'incarico fino al 1497.

Certamente grazie agli Estensi egli poté intrattenere legami con Ludovico il Moro al quale dedicò la raccolta di versi che ci è giunta incompleta nel manoscritto Bolognese Universitario 2618 e con Isabella Gonzaga che lo raccomandò perché ottenesse anche l'incarico di capitano di porta San Pietro. Dedicati a Isabella sono i già nominati "Sonetti faceti" e la tragedia scritta in terzine intitolata Pamphila (del 1499) rifacimento di un racconto del Decameron.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Operetta noua de doi nobilissimi amanti Philostrato & Pamphila. Composta in tragedia per miser Antonio da Pistoia
  • Sonetti giocosi di Antonio Da Pistoia e Sonetti satirici senza nome d'autore tratti per la prima volta da vari codici

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN7673918 · ISNI (EN0000 0001 1872 6983 · SBN IT\ICCU\RAVV\052403 · LCCN (ENnr99004056 · GND (DE104106581 · BNF (FRcb15058382t (data) · BNE (ESXX1786056 (data) · NLA (EN35289794 · BAV ADV10151338 · CERL cnp01389313 · WorldCat Identities (ENnr99-004056