Antonio Abbondanti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Antonio Abbondanti (Imola, 1590 circa – dopo il 1652) è stato uno scrittore e poeta italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Al servizio di Pier Luigi Carafa, governatore di Fermo, poi vescovo di Tricarico e, dal giugno 1624 al settembre del 1634, nunzio apostolico a Colonia, l'Abbondanti vi rivestì l'incarico di segretario della nunziatura, assumendone anche l'interim nel 1652.

Nella città tedesca pubblicò nel 1625 il poemetto satirico ed eroicomico Viaggio di Colonia raccontando del viaggio intrapreso da Fermo a Roma e a Colonia col Carafa, rifacendosi a un modello già utilizzato da altri scrittori come Cesare Caporali, Francesco Berni e Camillo Scroffa. Nel 1630, dopo un altro viaggio nei Paesi Bassi, pubblicò ad Anversa, il poemetto sacro La Giuditta, le Rime sacre, morali e varie, dedicate al Carafa, dalle quali si rileva, in particolare, che l'Abbondanti era stato membro dell'«Accademia degli Avvivati» di Bologna, e un Elogio del conte di Tilly, quest'ultimo sotto lo pseudonimo di Ercole Cristiano.

Ancora a Colonia, nel 1641 pubblicò il Breviario delle guerre dei Paesi Bassi, narrando della rivolta antispagnola del 1559.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Benedetto Croce, Studi sulla letteratura italiana del Seicento, Bari, 1924.
  • Benedetto Croce, Storia dell'età barocca in Italia, Bari, 1929.
  • Benedetto Croce, Nuovi saggi sulla letteratura italiana del Seicento, Bari, 1931.
  • Uberto Limentani, In Germania e nel Belgio con un viaggiatore del seicento, in Studi secenteschi 2, 1961, pp. 119-131.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN42934373 · ISNI (EN0000 0004 1036 545X · SBN IT\ICCU\TO0V\263144 · GND (DE130048585 · BAV ADV10217502 · CERL cnp01923416 · WorldCat Identities (EN42934373