Antonino Lombardo (maresciallo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antonino Lombardo
NascitaMistretta, 29 marzo 1946
MortePalermo, 4 marzo 1995
Cause della mortesuicidio
Dati militari
Paese servitoFlag of Italy.svg Italia
Forza armataCoat of arms of the Esercito Italiano.svg Esercito Italiano
ArmaArma dei Carabinieri
GradoMaresciallo
Comandante diStazione carabinieri di Terrasini
voci di militari presenti su Wikipedia

Antonino Lombardo (Mistretta, 29 marzo 1946Palermo, 4 marzo 1995) è stato un carabiniere italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Maresciallo dell'Arma dei Carabinieri, nel 1980 ebbe il Comando della stazione CC di Terrasini, e da là diede un contributo importante all'arresto di Totò Riina, avvenuto il 15 gennaio 1993.

A giugno del 1994, passò ai ROS della Sezione Anticrimine di Palermo. Divenne un personaggio chiave nel fenomeno del pentitismo, ed in particolare nelle relazioni con il boss Gaetano Badalamenti: il 14 novembre di quell'anno, nel carcere di Memphis, il maresciallo incontrò Badalamenti per cercare di ottenere la sua collaborazione quindi di riportarlo in Italia per testimoniare al processo per il delitto Pecorelli. Badalamenti gli raccontò che l'avvento dei corleonesi di Riina al potere sarebbe stato pilotato dalla CIA e che il boss sarebbe stato un involontario burattino nelle mani dei servizi segreti americani.[1]

Tale era il suo rilievo che nell'ambito del processo Andreotti, Badalamenti, che poteva consegnare agli inquirenti informazioni importanti (forse anche in grado di ribaltare la tesi di Tommaso Buscetta riguardo all'omicidio Pecorelli), e che aveva conosciuto Lombardo in due incontri negli USA, stabilì, come condizione al suo rientro in Italia per testimoniare, che venisse a "prenderlo" proprio il maresciallo. Pur facendo notare la pericolosità dell'operazione, Lombardo infine accettò di organizzarla e fissò la propria partenza per il 26 febbraio 1995.

Tuttavia, tre giorni prima di questa data, Lombardo ricevette un duro colpo su un fronte inaspettato: nella trasmissione "Tempo Reale", condotta da Michele Santoro, i due ospiti Leoluca Orlando e Manlio Mele, sindaci rispettivamente di Palermo e Terrasini, mossero accuse pesanti verso di lui, pur senza nominarlo mai esplicitamente (ma riferendosi all'"ex capo della stazione di Terrasini"). A Luigi Federici, allora Comandante Generale dell'Arma, che telefonò alla RAI in difesa di Lombardo, non fu concesso di intervenire.[2]

Passano due giorni, e il 25 febbraio viene ucciso Francesco Brugnano il cui corpo verrà ritrovato il giorno successivo nel bagagliaio della sua auto, con la testa sfracellata ed un polso legato dietro al collo.[3] Era un confidente del maresciallo, e la sua morte gli appare come un segnale preciso, da inserire nel contesto di altri movimenti sospetti che egli registra intorno a sé ed alla sua famiglia: come molti personaggi scomodi per la mafia, prima e dopo di lui, viene combattuto indirettamente, facendogli capire che è abbandonato ed accerchiato. Egli stesso dirà in quei giorni che "il sospetto e la delegittimazione, in Sicilia, sono sempre stati l'anticamera della soppressione fisica".

Il 4 marzo, in una macchina parcheggiata all'interno della Caserma Bonsignore di Palermo (comando regionale dei Carabinieri), Lombardo si suicida, sparandosi con l'arma d'ordinanza, lasciando una lettera che dice:

«Mi sono ucciso per non dare la soddisfazione a chi di competenza di farmi ammazzare e farmi passare per venduto e principalmente per non mettere in pericolo la vita di mia moglie e i miei figli che sono tutta la mia vita»

e più avanti fa anche un riferimento esplicito alle circostanze della sua morte: "la chiave della mia delegittimazione sta nei viaggi americani".

Nei media[modifica | modifica wikitesto]

La vicenda di Lombardo ha suscitato relativamente poca attenzione, ma il suo caso è stato più recentemente ripreso in esame ed approfondito da Daniela Pellicanò nel suo libro Uno sparo in caserma. Il caso Lombardo, presentato il 14 dicembre 2008 a Palermo. L'opera ricostruisce la vita del Maresciallo, la sua delegittimazione e gli avvenimenti sospetti che seguirono la sua morte e le indagini al riguardo (in relazione anche all'importanza delle informazioni che i suoi quaderni e documenti racchiudevano).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Raffaella Fanelli, Il delitto Pecorelli, in La verità del Freddo, 1ª ed., Milano, Chiarelettere, 2018, pp. 209-210, ISBN 9788832960389.
  2. ^ Il veneficio del maresciallo Lombardo Archiviato il 22 giugno 2007 in Internet Archive. - laltrasicilia.org
  3. ^ CSD - Cronologia Archiviato il 3 maggio 2010 in Internet Archive.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Daniela Pellicanò, Uno sparo in caserma. Il caso Lombardo, Reggio Calabria, Città Del Sole Edizioni, 2008.
Controllo di autoritàVIAF (EN16996949 · LCCN (ENno2007033352 · WorldCat Identities (ENlccn-no2007033352