Antonello Folco Biagini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antonello Folco Biagini

Antonello Folco Biagini (Foligno, 10 marzo 1945) è uno storico e accademico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la laurea ha iniziato la carriera nel mondo universitario intervallando ricerca scientifica e attività didattica, svolte nelle Università di Perugia, Messina, Roma "La Sapienza", Roma “S. Pio V”, Roma “Lumsa”. L'insegnamento principale è stato quello di Storia dell'Europa orientale, per il quale può vantare due lauree honoris causa dell'Università di Seghedino e di Târgu Mureș (Romania).

La produzione scientifica è fondamentalmente basata su opere di carattere storico-militare, nelle quali la fonte originale è costituita dalla documentazione presente presso l'Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell'Esercito Italiano; attraverso questa tenta di spiegare una complessità che necessiterebbe ulteriori approfondimenti. L'attenzione rivolta alle vicende dell'Europa Orientale lo ha inserito in una serie di progetti rivolti all'integrazione e alla cooperazione tra i paesi (appartenenti alle precedenti esperienze asburgiche, ottomane e sovietiche) di recente o di possibile adesione all'Unione europea, spostando così l'interesse dal piano storico a quello più geopolitico.

L'attività di promozione interculturale tra i popoli si è sviluppata attraverso alcuni incarichi in Italia e all'estero, tra cui quello di direttore del Centro interuniversitario degli studi ungheresi in Italia (CISUI), di coordinatore nazionale del progetto strategico CNR II sistema Mediterraneo e di coordinatore del corso di formazione per diplomatici dell'Europa centro-orientale e di quelli dell'Argentina. È membro della Commissione Italiana di Storia Militare e del Comitato Scientifico della rivista Geopolitica[1] Per il biennio 1997-1999 è stato presidente della Società Italiana di Storia Militare. Dal 2008 al 2013 è stato prorettore per la Cooperazione e Rapporti Internazionali dell'Università “La Sapienza”. Dal 2013 al 2014 è stato Prorettore Vicario dello stesso ateneo. Dal 2015 al2016 è stato Prorettore agli Affari generali della Sapienza. Ha inoltre preso parte a numerose commissioni per concorsi di ricercatore, professore associato e professore ordinario del settore MSTO-03, Storia dell'Europa Orientale, sempre come presidente. Alla sua politica accademica si deve l'attuale organigramma della materia.

Dal novembre 2015 al 31 gennaio 2021 è stato presidente della Fondazione Roma Sapienza.

Nel 2017 è stato nominato Professore Emerito di Storia dell'Europa Orientale della Sapienza. Dal 1º novembre 2018 è Rettore dell’Università degli studi di Roma Unitelma Sapienza, succedendo al Prof. Francesco Avallone.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • La riorganizzazione dell'esercito pontificio e gli arruolamenti in Umbria fra il 1815 e il 1848-49, Roma, Istituto per la storia del Risorgimento italiano, 1974
  • Italia e Turchia (1904-1911) : gli ufficiali italiani e la riorganizzazione della gendarmeria in Macedonia, Roma, USSME, 1977
  • I rapporti tra l'Italia e il Montenegro durante la Prima guerra mondiale, 1914-1918, Roma, Istituto per la storia del Risorgimento italiano, 1981
  • Momenti di Storia Balcanica (1878-1914), Roma, USSME, 1981
  • In Russia tra guerra e rivoluzione. La Missione militare italiana (1915-1918), Roma, USSME, 1983
  • Mezzo secolo di socialismo reale: l'Europa orientale dal 1945 ad oggi, (manuale, con Francesco Guida), Giappichelli, Torino 1994 e 1997 (tradotto anche in spagnolo e in polacco)
  • Storia dell'Albania: dalle origini ai giorni nostri (manuale), Milano, Bompiani, 1999 e 2007 (tradotto anche in albanese)
  • Storia della Turchia contemporanea (manuale), Milano, Bompiani, 2002 e 2005 (tradotto anche in turco e romeno)
  • Storia della Romania contemporanea (manuale), Milano, Bompiani, 2004
  • Storia dell'Ungheria contemporanea (manuale), Milano, Bompiani, 2006

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comitato Scientifico, su geopolitica-rivista.org. URL consultato il 09-01-2011 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2012).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN89743290 · ISNI (EN0000 0001 1577 4357 · SBN IT\ICCU\CFIV\012428 · LCCN (ENn83011594 · GND (DE1019860227 · BNF (FRcb122539450 (data) · BAV (EN495/51288 · WorldCat Identities (ENlccn-n83011594