Antoine Christophe Saliceti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antoine Christophe Saliceti
Antoine Saliceti.jpg
Membro del consiglio di Reggenza del Regno delle Due Sicilie
In carica 1º febbraio 180630 marzo 1806
Predecessore Giuseppe Bonaparte
Successore Gioacchino Murat
Ministro della Polizia del Regno di Napoli
In carica 22 febbraio 1806 - 15 aprile 1807
Ministro della Guerra del Regno di Napoli
In carica 15 aprile 1807 - 23 dicembre 1809
Nascita Saliceto, 26 agosto 1757
Morte Napoli, 23 dicembre 1810

Antoine Christophe Saliceti, nato Antonio Cristofano (Saliceto, 26 agosto 1757Napoli, 23 dicembre 1809), è stato un politico italiano naturalizzato francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Uomo politico francese di genitori italiani originari di Piacenza, nacque a Saliceto, un paese di poche case abbarbicate sulla dorsale tirrenica della Corsica, allora parte della Repubblica di Genova. Alcuni studiosi ritengono che la sua famiglia fosse discendente diretta di Guglielmo Saliceti, nato a Piacenza nel 1208, stimato ed erudito professore di medicina alle Università di Bologna e di Verona dal 1230 al 1270, autore di un trattato sui vasi arteriosi.

Sin da ragazzo Antoine Saliceti dimostrò viva intelligenza e memoria ferrea. Doti che gli consentirono ottimi risultati scolastici. Studente in legge in Toscana manifestò notevole interesse sulla questione politica corsa. Laureatosi in giurisprudenza entrò come avvocato nel foro del circondario di Bastia e fu accolto nel Consiglio Superiore della Corsica, quindi deputato per il Terzo Stato. In questa veste ebbe mansioni delicate durante l'Assemblea degli Stati generali del 1789.

Un voto per il Re[modifica | modifica wikitesto]

Con questo incarico prese parte ai lavori della Costituente ove promosse l'annessione della Corsica alla Francia, ed agli Stati Generali culminati il 14 luglio con l'insurrezione di Parigi e la presa della Bastiglia (1789). Nel 1790 fu inviato in Corsica ove Napoleone aveva il compito di sedare focolai di dimostranti capeggiati da Pasquale Paoli che contestavano il dominio della Repubblica di Genova. Il Paoli, esasperato dagli eccessi della Rivoluzione ed anche del disinteresse di Parigi nei confronti delle rivendicazioni popolari corse, offrì l'isola al re d'Inghilterra ricevendo da sua maestà britannica la promessa di essere nominato viceré. In seguito all'intervento di Napoleone il Paoli fu costretto ad abbandonare la sua terra e si rifugiò a Londra ove morì. Dal canto suo anche Antoine Saliceti tornò in Francia ed in veste di deputato straordinario iniziò a controllare le strutture militari.

Il 21 gennaio del 1793 partecipò alla votazione sulla condanna a morte di Luigi XVI, ma non svelò mai se avesse votato per la decapitazione o la sopravvivenza del re. La pena capitale del sovrano fu decisa con 387 voti favorevoli e 334 contrari[1]. Una settimana dopo partì da Marsilia per la Corsica con Filippo Buonarroti, Luigi Zamboni, e l'avvocato Boselli. Il gruppo si unì ad Ajaccio con altri militari. Raggiunta la Sardegna meridionale invasero, senza colpo ferire, la piccola Isola di San Pietro ove gli abitanti di Carloforte strinsero subito salda amicizia, comprovata da numerosi matrimoni celebrati tra soldati francesi giovani donne caroline. Pertanto questa "operazione militare" non deve essere confusa con l'occupazione di Cagliari avvenuta sei mesi dopo. Ai primi giorni di febbraio Luigi Zamboni per suo ordine proseguì la navigazione e giunto a Roma si arruolò nei ranghi militari dello Stato Pontificio per valutarne l'entità. A marzo giunse a Bologna, e riferì a Saliceti il quale addestrava in tutta la valle padana gruppi di rivoluzionari, coordinando quei partigiani che si dichiaravano favorevoli alla causa francese.

La battaglia di Tolone[modifica | modifica wikitesto]

Dalla metà del 1793 Saliceti si occupò della questione italiana per volontà del Comitato di salute pubblica. Si trovano sue tracce nel cuneese, in Lombardia, in Emilia, Toscana, Liguria e soprattutto in Romagna dove era solito incontrare studenti universitari. Una breve parentesi la si trova sul finire di quell'anno in Provenza.

Se la battaglia di Tolone rappresentò il fiore all'occhiello nelle imprese giovanili di Napoleone, lo stesso conflitto segnò un evento straordinario per l'emergente Antoine Christophe Saliceti.

Era la sera del 16 dicembre 1793, una giornata fredda, cupa, nuvolosa, con fiocchi di neve che il vento del nord spruzzava a mulinello sulla gelida pianura della Provenza, lungo le gole rocciose del massiccio del Faron. Nel forte di Tolone si erano asserragliati i personaggi di spicco della controrivoluzione, i realisti ad oltranza, i conservatori senza termine dell'ancien régime. La fortezza era considerata inespugnabile, e quando gli accerchiati seppero che un ufficialetto di fresca nomina, cadetto della scuola di artiglieria ignoto a tutti, un certo tenente Bonaparte, avrebbe guidato l'assalto, dalla fortificazione si levarono grida di derisione e gesti di scherno. Nella vallata, accanto a Napoleone c'erano Antoine Saliceti ed Agostino Robespierre, fratello di Maximillian. I tre parlarono sino a notte fonda, stabilendo una strategia d'attacco. All'alba del giorno dopo, 17 dicembre, iniziarono ad arrivare contadini, gente del luogo, pescatori, naviganti, abitanti della zona rivierasca. Alcuni erano armati di attrezzi, vanghe zappe bastoni fiocine, altri avevano grosse funi, gomene navali. Tutti erano stati avvertiti e convinti dal passaparola della notte. La gente diede man forte ai soldati ed in meno di mezz'ora spostarono i cannoni in modo da puntare di fila l'artiglieria nemica dentro e fuori il forte di Tolone. Mentre Napoleone aprì il fuoco mirato contro le postazioni realiste, la folla attaccò i contrafforti con la determinazione di un formicaio su una preda. I morti furono tanti, ma Napoleone vinse. Agostino Robespierre, gioioso, mandò un messaggero a Parigi riferendo l'accaduto al fratello. L'encomio non si fece attendere: il 14 gennaio 1794 Napoleone, di appena 24 anni, venne nominato generale di brigata. Vinse la strategia del passaparola ideata dal Saliceti per rafforzare l'esiguo esercito del Bonaparte? Non si sa. Di certo da quel giorno il giovane avvocato della Corsica fu investito di autorità plenipotenziaria. Altri tumulti divamparono a Marsiglia ed anche qui Napoleone si trovò accanto l'onnipresente Saliceti. Represso il tumulto un gruppo di persone si sedette ad un tavolo di un'osteria del porto. Tra gli altri erano presenti Filippo Buonarroti, Alexandre Renoux (futuro generale dell'armata sul Reno), l'avvocato Benedetto Francesco Boselli di Genova, il conte Baldassarre Nìcolis di Robilant esponente della Massoneria italiana di ispirazione francese, Paul Barras, Joseph Foucé, Maxmillien Robespierre, e Luigi Zamboni. Tutti personaggi questi che prenderanno parte, in modo diverso, alla sollevazione di Bologna del 1794. Saliceti parlò con entusiasmo del Bonaparte: "… il fiorente generale ha qualità superiori, vivida intelligenza, e pronta determinazione" come scrisse all'amico Joffré Benassì.

Con Robespierre[modifica | modifica wikitesto]

Su suggerimento di Napoleone, Saliceti continuò a sostenere la causa francese in tutta la Pianura Padana, concentrando il suo proselitismo in Romagna. Parlava dei diritti dell'uomo, della carta delle rivendicazioni varata in America, tastando l'umore degli abitanti e la loro disponibilità ad accogliere Napoleone e le sue truppe nel caso di un'eventuale discesa in Italia. Tornato a Parigi ed entrato nel gabinetto di Maximilien Robespierre fece assegnare al Bonaparte il comando della divisione d'artiglieria, promozione che gli comunicò personalmente con una lettera, elogiandolo per aver ottenuto tale incarico. Saliceti si trovò in una situazione difficile quando Robespierre artefice del "Terrore" fu messo sotto accusa in seguito a quei fatti che sfociarono nella rivoluzione del "9 Termidoro", vicenda che si concluse con l'arresto dello stesso Robespierre. Trascinato davanti al Tribunale rivoluzionario, Saliceti fu accusato di averlo appoggiato.

Salvato da Napoleone[modifica | modifica wikitesto]

Fu salvato dall'amnistia, ma anche da Napoleone, che in tal modo volle contraccambiare la "nomina" a generale della divisione d'artiglieria. Da quel momento l'evoluzione politica di Saliceti fu unita a doppio legame con quella di Napoleone anche se, membro del Consiglio dei Cinquecento, si oppose al colpo di Stato del 18 brumaio, avversando le idee del generale. Ma su tale episodio i moderni storici suppongono che il troppo palese disaccordo fosse fittizio, inscenato ad arte per confondere gli oppositori.

Uno 007[modifica | modifica wikitesto]

Saliceti istituì un autentico moderno sistema di "intelligence" con un telegrafo ottico capace di collegare la pianura padana con la Francia, con colombi viaggiatori, con cifrari segreti, travestimenti, teoremi strategici per il governo di piccole repubbliche, distribuzione di armi e di piani d'attacco verso i poteri assolutisti. La sua azione, spalleggiata dall'avvocato Benedetto Francesco Boselli, diventato notevole esponente della compagine massonica italiana, e da una frangia del clero minore (quello più vicino ai contadini stanchi del vecchio opprimente regime) si rivelò determinante per agevolare la calata dell'esercito napoleonico. Egli aveva istituito una sorta di "Servizio Segreto" in piena autonomia pur dovendo risponderne a Parigi. Camuffato da monaco, col nome fittizio di "abate Bauset", entrava liberamente nelle regioni dello Stato della Chiesa. Spiegava ai popolani che sotto la protezione di Napoleone ci sarebbe stata più libertà, il commercio ne avrebbe tratto giovamento la qualità della vita sarebbe stata migliore. Sarebbero state abbattute le differenze di censo, la legge sarebbe stata applicata in identica maniera per tutto e nella società sarebbe trionfata una giustizia imparziale. Al di là della sua intuizione militare, Saliceti svolse un'azione ancora sconosciuta nel panorama geografico delle belligeranze d'allora, consolidata in tempi moderni da organizzazioni che lo presero ad esempio, come l'americana "Cia".

La sollevazione di Bologna[modifica | modifica wikitesto]

A Bologna le cose non andarono tuttavia per il verso giusto. La sommossa del 1794 gli sfuggì di mano. Fallì a causa di una delazione. I loro promotori Giovanni Battista de Rolandis e Luigi Zamboni (di cui si disse che avevano adottato come distintivo una coccarda tricolore, sullo stile di quella francese, ma col verde invece del turchino) furono uccisi. Napoleone invase ugualmente la Val Padana, stabilì il suo quartier generale a Milano, ed entrò trionfante a Bologna (giugno 1796) prendendone possesso. Appreso l'iter del truce processo contro De Rolandis e Zamboni, il generale si infuriò: sequestrò ogni avere della Chiesa Bolognese e cacciò dalla città tutti i membri del Tribunale dell'Inquisizione, compreso il cardinale Ippolito Vincenti. L'atto fu siglato da Bonaparte e controfirmato da Saliceti. Napoleone diede poi ordine che le ceneri dei sue giovani martiri fossero issate in un'urna sulla colonna della Montagnola, e che fossero onorate dalla cittadinanza adornandola di vessilli e coccarde verdi bianche e rosse. Saliceti interrogò poi tutte le persone segregate nel carcere del Torrone o nella fortezza di San Leo e ridiede ad esse la piena libertà. Successivamente, sempre per volontà del Bonaparte, negoziò personalmente la pace col pontefice Pio VI (armistizio di Tolentino).

In primo piano[modifica | modifica wikitesto]

Inviato ambasciatore a Lucca (1800) riorganizzò la città, costituì una nuova struttura di governo, aprì scuole e case di assistenza, ne mutò l'assetto in principato che dedicò ad Elisa Bonaparte, sorella di Napoleone. Quindi andò a Genova (1801), fece proclamare l'annessione della Repubblica Ligure all'Impero (1805) col benestare incondizionato della popolazione. Nel 1806 fu nominato ministro di polizia a Napoli sotto re Giuseppe Bonaparte e dopo tre mesi assunse la responsabilità di massimo consigliere del Ministero della Guerra. Murat lo allontanò per invidia, ma prontamente Napoleone ordinò di reintegrarlo nei suoi compiti. Dal 1806 al 1808 fu primo ministro del governo partenopeo e membro della consulta romana. Organizzato un esercito d'emergenza, respinse le navi anglo-sicule sbarcate in Calabria con un'azione ancora di intelligence di straordinaria bravura, convincendo gli isolani a spalleggiare le sue truppe. Tecnica che in pochi giorni gli permise di triplicare il fronte di difesa, così com'era accaduto nella famosa battaglia di Tolone.

La morte[modifica | modifica wikitesto]

Saliceti morì improvvisamente nella notte del 23 dicembre 1809 in seguito a una crisi di dolori addominali e vomito sopraggiunta al termine di una rappresentazione teatrale: «non arrivò né a far testamento, né a confessarsi; anzi non vi fu neanche sacerdote che lo assistesse negli ultimi momenti, perché mandato a chiamare arrivò ch'era morto»[2]. A causa di numerose voci che lo volevano avvelenato dal Prefetto di polizia, Antonio Maghella, fu disposta un'autopsia del cadavere eseguita da Cotugno e dal protochirurgo Peborde, i quali stabilirono che la morte era avvenuta per una «colica di fegato di origine nefritica»[3]. Il corpo fu imbalsamato ed esposto nel suo palazzo il 27, mentre i cannoni dei forti cittadini, data la temporanea assenza del sovrano, spararono un colpo ogni ora fino al giorno delle esequie, avvenute il 29.

Saliceti era inviso a molti. Aveva carattere duro, scostante, sospettoso, come la sua attività lo conduceva ad essere. "Da Robespierre aveva imparato la freddezza assoluta, lo “sguardo di ghiaccio”, il mai manifestare alcuna emozione. Era un attore raffinato e staccato. Sapeva essere accondiscendente e poi impietoso, inflessibile ed inesorabile" Così lo descrive Guy de Maupassant sulla base di testimonianze che il celebre scrittore stesso raccolse in Corsica. Di Antoine Christophe Saliceti si hanno solo tre ritratti, uno eseguito in età giovanile, probabilmente disegnato da un figurinista di Marsiglia; ed un altro, riprodotto qui a fianco, tracciato durante un'assemblea nel parlamento parigino, quando i tanti giornali del momento erano avidi di illustrazioni e caricature. Il terzo ritratto lo mostra a Napoli e si trova nella Reggia di Caserta. Non solo il volto, ma anche il nome venne tenuto in ombra dalla numerosa produzione letteraria dell'Ottocento, come accadde per tutti coloro che svolsero militarmente o politicamente la difficile mansione di “infiltrati”: autori anonimi delle grandi svolte della storia. Nella sua analisi sulla Rivoluzione Francese racconta François René Chateaubriand : "Quando Napoleone conobbe la tragica fine di Saliceti, disse mestamente: "Oggi l'Europa ha perso un grande stratega". Evgheni Viktoroic Tarle, storico sovietico di grande spessore, scrisse nel 1936: "Non sapremo mai quante vittorie attribuite a Napoleone furono del Saliceti. Di certo sappiamo che morto lui, il Bonaparte si avviò inesorabilmente verso i campi di sconfitta di Waterloo".

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Accademiche[modifica | modifica wikitesto]

Laurea in Giurisprudenza - nastrino per uniforme ordinaria Laurea in Giurisprudenza
— Università di Pisa

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ A.Mathiez-G.Lefebvre, La rivoluzione francese, vol. I, p. 325.
  2. ^ C. De Nicola, Diario napoletano dal 1798 al 1825, a cura di R. De Lorenzo, 3 voll., Napoli, Regina, 1999 (ristampa anastatica della prima ed. Napoli, Società di Storia Patria, 1906), vol. II, p. 509.
  3. ^ Ibidem.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Evgheni Viktorovic Tarle - NAPOLEONE - Editori Riuniti Roma 1964
  • Indro Montanelli - L'ITALIA GIACOBINA E CARBONARA - Rizzoli, 1971.
  • François Chateaubriand - MEMOIRE- 1814 Paris
  • Daniel Robert - LES EGLISES REFORME - Paris 1800
  • Bernard Vogler - HISTOIRE POLITIQUA - Paris 1810
  • D. Jahier - DURANTE LA RIVOLUZIONE - 1789
  • Vincenzo Cuoco - SAGGIO STORICO DELLA RIVOLUZIONE NAPOLETANA - Utet Torino 1975
  • D.Menozzi -TRA RIFORMA E RESTAURAZIONE - 1995 Milano
  • Zaghi C. - L'ITALIA GIACOBINA - Utet 1989 Torino
  • Umberto Marcelli - REPUBBLICA CISPADANA - Bologna 1994 Edizioni Analisi
  • Umberto Marcelli - IL GRAN CIRCOLO COSTITUZIONALE DI BOLOGNA - Bologna 1976
  • Aldo Brunialti - LO STATO E LA CHIESA D'ITALIA - Utet Torino 1892
  • G.Vaccarino - APPARATI ED AMMINISTRAZIONI PREFETTIZIE - 1984 Torino
  • Marco Leopardi - SULLA STORIA NAPOLEONICA - edizioni Silvestri 1983
  • Comune di Bologna - "PER ZAMBONI E DE ROLANDIS"- Numero unico, Bologna, 26 gennaio 1913.
  • A. Sorbelli - L'IDEA RIVOLUZIONARIA DI L. ZAMBONI DAL 1790 AL 1794- ed. "Giornale del Mattino" 26 gennaio 1913.
  • Ugo Lenzi - VOCE DI POPOLO - 26 gennaio 1913.
  • F. Cantoni - LA CONGIURA ZAMBONI-DE ROLANDIS- ed. Resto del Carlino, 1913.
  • R.Soriga - DALLE MEMORIE DI FILIPPO PISTRUCCI - Risorgimento Italiano, 1928.
  • A. Cavara - TRILOGIA ZAMBONIANA - ed. Comune di Bologna, settembre 1930.
  • G.Ricci - PER IL TRICOLORE - ed. Comune di Bologna, 1933
  • Augusto Aglebert - ORIGINE DELLA BANDIERA ITALIANA - Mattiuzzi, 1880
  • Luciano Rapetti - REPUBBLICANI E GIACOBINI ASTENSI - Quaderno de il Platano 1995
  • Chateaubriand - MEMORIE D'OLTRETOMBA - Milano, Longanesi –1973
  • Ludwig E. - NAPOLEONE - Milano, Mondadori – 1931
  • Napoleone - GIUDIZI E PENSIERI. Milano, Mondatori - 1965
  • Abrantès (Duchesse d'Abrantès) - MEMOIRES SUR LA RESTAURATION, ou souvenirs historiques. Bruxelles, Wahlen, 1836
  • Cabanès - LES INDISCRETIONS DE L'HISTOIRE - Paris, Michel – 1956
  • Dan – ROBESPIERRE - Mondadori, Milano – 1973
  • Tower - CIO' CHE LE BIOGRAFIE DI NAPOLEONE NON DICONO ed i suoi rapporti con Pio VI - Alba, S. Paolo – 1940
  • Dimitriadis D - MADEMOISELLE LENORMAND. La reine de la voyance de la Révolution - Paris, Perrin – 1990
  • Giuseppina Benassati - L'ITALIA NELLA RIVOLUZIONE 1789-1799 con la collaborazione di LAURO ROSSI e C.M. BOSSÉNO - Casalecchio di Reno, Grafis Edizioni, 1990
  • Capra Carlo - L'ETÀ RIVOLUZIONARIA E NAPOLEONICA IN ITALIA, 1796-1815- Torino, Loescher
  • Cavazzani Sentieri - UGO FOSCOLO E I PRIMORDI DEL RISORGIMENTO NAZIONALE- Modena, Soc. Tip. Modenese, 1934
  • Ferrero Guglielmo - BONAPARTE EN ITALIE 1796-1797 - Paris, 1936
  • Vittorio Fiorini - I FRANCESI IN ITALIA (1796-1815) - Milano, 1897
  • Emilio Franceschini - LA BANDIERA ITALIANA E LA SUA STORIA, Milano, Casa editrice Mirabello
  • Monti - STORIA DEL TRICOLORE – Milano 1939
  • Ito De Rolandis - ORGOGLIO TRICOLORE - Fornaca Editore 2008
  • Natali Giovanni - BOLOGNA AL TEMPO DELLA CISPADANA E DELLA CISALPINA – 1937
  • Panzini, Alfredo - LA VERA ISTORIA DEI TRE COLORI, A.Mondatori - 1924
  • Pierantoni Riccardo- IL TRICOLORE D'ITALIA, Firenze, Bemporad – 1908
  • Luigi Rangoni-Machiavelli - LA BANDIERA TRICOLORE E GLI STATI ITALIANI DEL 1848-49 CON CENNI SULL'ORIGINE DEL TRICOLORE - Rassegna storica del Risorgimento, Roma, a. I, marzo-aprile 1914
  • Luigi Salvatorelli - IL TRICOLORE ITALIANO - Firenze, Le Monnier,1961.
  • Giovanni Sforza - PER LA STORIA DEL TRICOLORE ITALIANO – Modena 1907
  • Solmi, Arrigo- L'IDEA DELL'UNITÀ ITALIANA NELL'ETÀ NAPOLEONICA - 1933
  • Ito De Rolandis - ORIGINE DEL TRICOLORE - Piemonte in Bancarella Torino 1996
  • Madame Roland - UNA DONNA NELLA RIVOLUZIONE. Guy Chaussinand-Nogaret. Mursia. 1989
  • VITTORIO ALFIERI E LA RIVOLUZIONE FRANCESE (Il Mattino Illustrato) 14-21 agosto 1939
  • Luigi Antonio Caracciolo - LA RIVOLUZIONE FRANCESE.
  • Maria Teresa di Savoia Carignano - LA RIVOLUZIONE FRANCESE - Il Mattino Illustrato 1939
  • Giuseppe Vettori - CANZONI ITALIANE DI PROTESTA. 1794-1974. Dalla Rivoluzione Francese alla repressione cilena - Newton Compton. 1974
  • Giovanni Drault - IL GRIDO DELLA CIVETTA. La controrivoluzione in Vandea - Ultra. 1935.
  • Puppo - RIVOLUZIONE FRANCESE- 1939
  • Alfred Cobban Bonacci - LA RIVOLUZIONE FRANCESE - Prefazioni di Franco Valsecchi e Francesco Perfetti. 1994
  • Calude Bertin - I GRANDI PROCESSI DELLA STORIA: LUIGI XVI, DANTON - Ferni. 1975
  • Antonino De Francesco - LA DEMOCRAZIA ALLA PROVA DELLA SPADA (1799) - Guerini ed Associati 2003
  • Simon Schama -CITTADINI - CDE 1990
  • Michel Winock - FRANCIA 1789 CRONACA DELLA RIVOLUZIONE - Edizioni de L'Unità. 1988
  • Jean-Baptiste Hanet (Clery), Marie-Therese-Charlotte di Francia, Edgeworth de Firmont - IL PRIGIONIERO DEL TEMPIO - Bonacci. 1993
  • Olivier Blanc - L'ULTIMA LETTERA - Sugarco 1985
  • Ippolito Taine - LA RIVOLUZIONE - Treves. 1907
  • Massimo Braschi - LA TRAMA SEGRETA DI SALICETI - Livorno 1936
  • Cantù Cesare - MONTI E L'ETA' CHE FU SUA - Milano, Treves, 1879
  • Fano Clelia -CRISTOFORO SALICETI A REGGIO EMILIA - Livorno 1937
  • Clelia Fano -CRISTOFORO SALICETI NEL 1796- Livorno, 1937 da "Vita Reggiana" 1935
  • Fano Clelia - CRISTOFORO SALICETI IN EMILIA NEL 1796 - Estratto da: Archivio storico della Corsica, Livorno, a. XIII, n. 1, gen.-mar. 1937
  • Fietta Leonida - MODENA E REGGIO GUERRA DI MEMORIE - Milano, da: Corriere Lombardo, 1947
  • Fontana Vittorio - UNA PAGINA MERAVIGLIOSA DELLA STORIA REGGIANA- Reggio Emilia, Artigianelli, 1887
  • Franchetti Augusto - I POPOLI D'ITALIA E LA RIVOLUZIONE FRANCESE - 1889
  • Pivano Silvio - ALBORI COSTITUZIONALI D'ITALIA (1796)- Torino, F.lli Bocca editori, 1913
  • Guy de Maupassant - UNE PAGE D'HISTOIRE INEDIT - Le gaulois 27 ott 1880
  • Guy de Maupassant - IL COMMISSASIO DELLA REPUBBLICA SALICETI SALVA NAPOLEONE - Les Nouvelles 1886

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN4921060 · ISNI (EN0000 0000 8083 7281 · LCCN (ENnr2002031985 · GND (DE117600369 · BNF (FRcb106550651 (data) · CERL cnp01089110