Antire

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un antire (in tedesco: Gegenkönig) è un presunto re che, a causa di dispute successorie o opposizioni politiche, si autodichiara re in contrasto con un monarca regnante.

Gli antire sono più frequenti in seno a monarchie elettive piuttosto che in quelle ereditarie come quelle di Francia o Inghilterra; personaggi di questo tipo nelle monarchie ereditarie sono più spesso definiti come pretendenti. Gli antire sono un fenomeno che si riferisce principalmente alla politica del Sacro Romano Impero Germanico a partire dal XV secolo. Il termine è paragonabile a quello di antipapa, un rivale del papa.

Numerosi antire si succedettero nel vendicare le proprie pretese al potere e vennero riconosciuti come legittimi monarchi, come ad esempio gli imperatori Corrado III, Federico II e Carlo IV. Lo status di taluni altri come antire è tuttora disputato, tra i quali Enrico II, duca di Baviera, ed Egberto II, margravio di Meissen.

Altre nazioni che produssero degli antire furono la Boemia e l'Ungheria.

Importanti antire tedeschi[modifica | modifica wikitesto]

Nome Date In opposizione a
Arnolfo, duca di Baviera 919-921 Enrico l'Uccellatore
Rodolfo di Rheinfelden 1077-1080 Enrico IV di Franconia
Ermanno di Salm 1081-1088
Corrado III di Svevia 1127-1135 Lotario II di Supplimburgo
Federico II di Svevia 1212-1215 Ottone IV di Brunswick
Enrico Raspe 1246-1247 Federico II di Svevia
Guglielmo II d'Olanda 1248-1250
1250-1254 Corrado IV di Svevia
Alfonso X di Castiglia 1257-1273 Riccardo, 1º conte di Cornovaglia
Federico I d'Asburgo 1314-1325 Luigi IV del Sacro Romano Impero
Carlo IV di Lussemburgo 1346-1347
Günther di Schwarzburg 1349 Carlo IV di Lussemburgo
Federico di Brunswick-Lüneburg 1400 Venceslao di Lussemburgo