Anthyllis vulneraria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Antillide vulneraria
Anthyllis vulneraria
Classificazione APG IV
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Mesangiosperme
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Eudicotiledoni centrali
(clade) Superrosidi
(clade) Rosidi
(clade) Eurosidi
(clade) Fabidi
Ordine Fabales
Famiglia Fabaceae
Sottofamiglia Faboideae
Tribù Loteae
Genere Anthyllis
Specie A. vulneraria
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Fabales
Famiglia Fabaceae
Genere Anthyllis
Specie A. vulneraria
Nomenclatura binomiale
Anthyllis vulneraria
L., 1753
Nomi comuni

Vulneraria,
Trifoglio vulnerario,
Trifoglio giallo delle sabbie
(DE) Echter Wundklee, Tannenklee
(FR) Anthylide vulnéraire
(ES) Vulneraria
(EN) Common kidneyvetch

Sottospecie

L'antillide vulneraria o semplicemente vulneraria (Anthyllis vulneraria L., 1753) è una pianta della famiglia delle Fabacee appartenente alla sottofamiglia delle Faboideae.[1][2]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

L'epiteto specifico deriva dal latino vulnus = ferita, in riferimento all'uso di questa pianta quale rimedio popolare cicatrizzante.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Tavola botanica
Infiorescenza

Il fusto è alto 5–40 cm, semplice o più spesso ramificato con pelosità appressata.

Le foglie sono imparipennate, glabre o con peli appressati sparsi sulla faccia superiore e con pelosità sericea e peli appressati sulla faccia inferiore.

I capolini sono di forma sferica con fiori addensati, di colore giallo in quasi tutte le sottospecie (in qualcuna tendono al rosso). Il fiore ha la tipica forma irregolare dei fiori delle leguminose (corolla papilionacea). La fioritura ha luogo tra giugno ed agosto.

Il frutto è un legume.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La vulneraria è spontanea in tutta Europa dall'Islanda al Mediterraneo, in Asia Minore (fino all'Iran), nel Nord Africa e in Etiopia[2]. È naturalizzata in diversi stati degli Stati Uniti (California, Illinois, Vermont, Wisconsin)[2][3].

Predilige le praterie aride e gli ambienti rupestri, su terreno preferibilmente calcareo, fino a 3000 m di altitudine.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Sono note numerose sottospecie:[2]

Anthyllis vulneraria iberica, qui fotografata in Portogallo
  • Anthyllis vulneraria subsp. vulneraria
  • Anthyllis vulneraria subsp. abyssinica (Sagorski) Cullen
  • Anthyllis vulneraria subsp. ajmasiana (Pau) Raynaud & Sauvage
  • Anthyllis vulneraria subsp. alpestris (Kit.) Asch. & Graebn.
  • Anthyllis vulneraria subsp. argyrophylla (Rothm.) Cullen
  • Anthyllis vulneraria subsp. arundana (Boiss. & Reut.) H.Lindb.
  • Anthyllis vulneraria subsp. baldensis (Sagorski) Pignatti ex Kerguélen
  • Anthyllis vulneraria subsp. balearica (Coss. ex Marès & Vigin.) O.Bolòs & Vigo
  • Anthyllis vulneraria subsp. boissieri (Sagorski) Bornm.
  • Anthyllis vulneraria subsp. borealis (Rouy) Jalas
  • Anthyllis vulneraria subsp. boscii Kerguélen
  • Anthyllis vulneraria subsp. bulgarica (Sagorski) Cullen
  • Anthyllis vulneraria subsp. busambarensis (Akeroyd) Pignatti
  • Anthyllis vulneraria subsp. carpatica (Pant.) Nyman
  • Anthyllis vulneraria subsp. colorata (Juz.) Tzvelev
  • Anthyllis vulneraria subsp. danica Lampinen
  • Anthyllis vulneraria subsp. dertosensis (Rothm.) Font Quer
  • Anthyllis vulneraria subsp. fatmae Font Quer
  • Anthyllis vulneraria subsp. forondae (Sennen) Cullen
  • Anthyllis vulneraria subsp. fruticans Emb.
  • Anthyllis vulneraria subsp. gandogeri (Sagorski) Maire
  • Anthyllis vulneraria subsp. guyotii (Chodat) Grenon
  • Anthyllis vulneraria subsp. hispidissima (Sagorski) Cullen
  • Anthyllis vulneraria subsp. iberica (W.Becker) Jalas
  • Anthyllis vulneraria subsp. iframensis Cullen
  • Anthyllis vulneraria subsp. lapponica (Hyl.) Jalas
  • Anthyllis vulneraria subsp. maritima (Schweigg. ex K.G.Hagen) Corb.
  • Anthyllis vulneraria subsp. matris-filiae Emb. & Maire
  • Anthyllis vulneraria subsp. maura (Beck) Maire
  • Anthyllis vulneraria subsp. microcephala (Willk.) Benedí
  • Anthyllis vulneraria subsp. multifolia (W.Becker) O.Bolòs & Vigo
  • Anthyllis vulneraria subsp. nana (Ten.) Tammaro
  • Anthyllis vulneraria subsp. pinidicola Cullen
  • Anthyllis vulneraria subsp. polyphylla (DC.) Nyman
  • Anthyllis vulneraria subsp. pseudoarundana H.Lindb.
  • Anthyllis vulneraria subsp. pulchella (Vis.) Bornm.
  • Anthyllis vulneraria subsp. rubriflora (DC.) Arcang.
  • Anthyllis vulneraria subsp. saharae (Sagorski) Jahand. & Maire
  • Anthyllis vulneraria subsp. subscaposa Cullen
  • Anthyllis vulneraria subsp. valesiaca (Beck) Guyot
  • Anthyllis vulneraria subsp. variegata (Boiss.) Bornm.
  • Anthyllis vulneraria subsp. versicolor (Dalla Torre & Sarnth.) Gutermann
  • Anthyllis vulneraria subsp. vitellina (Velen.) Kuzmanov
  • Anthyllis vulneraria subsp. vulnerarioides (All.) Arcang.
  • Anthyllis vulneraria subsp. weldeniana (Rchb.) Cullen

Proprietà officinali[modifica | modifica wikitesto]

Nell'antichità, Anthyllis vulneraria veniva apprezzata come medicamento per le ferite.

Trascurata dall'erboristeria classica, è oggi considerata utile per il suo contenuto di saponine, mucillagine e acido tannico come coadiuvante per vari usi[4][5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) The Legume Phylogeny Working Group (LPWG), A new subfamily classification of the Leguminosae based on a taxonomically comprehensive phylogeny, in Taxon, 66 (1), 2017, pp. 44–77.
  2. ^ a b c d (EN) Anthyllis vulneraria, su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 9 maggio 2023.
  3. ^ Anthyllis vulneraria, su plants.usda.gov.
  4. ^ Antillide vulneraria, su liberherbarum.com.
  5. ^ (DE) Anthyllis vulneraria, su awl.ch. URL consultato il 1º gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 2 settembre 2009).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica