Anthony Shadid

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anthony Shadid nel 2007

Anthony Shadid (Oklahoma City, 26 settembre 1968Damasco, 16 febbraio 2012) è stato un giornalista statunitense, svolgendo l'attività di corrispondente per diverse testate giornalistiche per il Medio Oriente. Ha vinto il Premio Pulitzer per il giornalismo nel 2004[1] e nel 2010, per gli articoli scritti sulla guerra d'Iraq.[2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Shadid era figlio di statunitensi di origine libanese. Ha studiato presso l'università del Wisconsin e all'università americana del Cairo.[3] Parlava correntemente la lingua araba e ha lavorato per il Washington Post, il Boston Globe e l'Associated Press. Nel 2009 è passato a far parte del New York Times.[4] Per questa testata ha seguito l'evolversi della primavera araba del 2011, con lo scoppio delle proteste a Tunisi, per poi passare alle proteste egiziane.[5]

È scomparso nel 2012 all'età di 43 anni in Siria a seguito di un attacco di asma causata da un'allergia ai cavalli[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN27247271 · ISNI: (EN0000 0000 6654 0107 · LCCN: (ENn00048361 · BNF: (FRcb13752547b (data)