Anthony Miller (cestista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pig Miller
Nome Anthony Miller
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 206 cm
Peso 120 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Centro
Ritirato 2010
Carriera
Giovanili
Benton Harbor High School
1991-1994MSU Spartans
Squadre di club
1994-1996L.A. Lakers73 (225)
1996Florida Beach Dogs
1997Olimpia Pistoia 10 (147)
1997Atlanta Hawks 1 (0)
1997Florida Beach Dogs
1997-1998Atlanta Hawks 37 (79)
1998Apollon Patrasso
1999Houston Rockets29 (70)
2000Houston Rockets35 (130)
2000Atlanta Hawks 2 (2)
2000Houston Rockets1 (0)
2001Philadelphia 76ers1 (0)
2001Marinos de Oriente
2002Marinos de Oriente
2002Bree 13
2003Yakima Sun Kings 20
2003Piratas de Queb. 2 (14)
2003Guaros de Lara
2003-2004Yakima Sun Kings 34
2004Guaros de Lara
2004Daqin Shengbu
2004Atlanta Hawks 2 (4)
2004-2005Atlanta Vision 5
2005FedEx Express21
2005-2006Yakama Sun Kings 20
2007Pioneros de Cancun
2007Elkhart Express
2007-2008Shanghai Sharks
2008Decatur C. Kings
2008Elkhart Express
2008Pioneros de Cancun
2009Las Vegas Aces
2009-2010Elkhart Express
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Anthony "Pig" Miller (Benton Harbor, 22 ottobre 1971) è un ex cestista statunitense, professionista nella NBA, in Italia e in Belgio.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Scelto al secondo giro (col numero 39) dai Golden State Warriors nel Draft 1994, Miller ha giocato otto stagioni NBA in quattro diverse squadre: Los Angeles Lakers, Atlanta Hawks, Houston Rockets e Philadelphia 76ers.

La sua ultima stagione NBA fu nel 2004-05, quando giocò 2 partite con gli Hawks. Durante la sua carriera NBA ha totalizzato 510 punti in 181 partite.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2 volte campione CBA (2003, 2006)
  • Campione WBA (2008)
  • WBA Player of the Year (2008)
  • All-WBA First Team (2008)

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Miller appare in un cameo nel film Space Jam, insieme ai compagni di squadra dei Lakers Cedric Ceballos e Vlade Divac ed al loro allenatore di allora, Del Harris.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]