Annonaria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Annonaria
Informazioni generali
Nome completo Eparchia Annonaria
Capoluogo Ravenna
Dipendente da Esarcato d'Italia
Evoluzione storica
Inizio 580
Fine 584
Preceduto da Succeduto da
Aemilia e
Venetia et Histria
Esarcato d'Italia
Cartografia
Annonaria.png

L'Annonaria fu un'eparchia ("provincia" in greco) dell'Impero bizantino nell'Italia nord-orientale, centrata su Ravenna e comprendente i residui possedimenti bizantini della Venezia, della Flaminia (ex Ager Gallicus), del Picenum e parte dell'attuale Lombardia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Probabilmente, Annonaria riprendeva una denominazione precedente: con il nome di Italia Annonaria l'imperatore Teodosio I, infatti, aveva creato la diocesi comprendente gran parte dell'Italia settentrionale e dipendente dalla Prefettura d'Italia. All'epoca la provincia aveva la funzione di assicurare l'approvvigionamento alimentare, o - appunto - annona, alle capitali di Milano e Ravenna.
La funzione annonaria fu successivamente ripresa anche sotto il dominio del re ostrogoto Teodorico.[1]

L'eparchia fu creata da Tiberio II Costantino (imperatore d'Oriente dal 574 al 582) attorno all'anno 580, nella riorganizzazione dei territori bizantini d'Italia, e comprendente i territori a nord degli Appennini.

L'eparchia ebbe breve vita: qualche anno dopo l'imperatore Maurizio (582-602) la fece confluire nell'Esarcato d'Italia, con capitale Ravenna.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bisanzio Portale Bisanzio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Bisanzio