Anne Schützenberger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anne Ancelin Schützenberger

Anne Ancelin Schützenberger (Mosca, 29 marzo 1919) è una psicologa francese, professore emerito all'Università di Nizza, dove dirige da oltre vent'anni il laboratorio di psicologia sociale e clinica.

È altresì co-fondatrice dell'Associazione Internazionale di Psicoterapia di Gruppo. Allieva di Jacob Levi Moreno e Françoise Dolto, la sua esperienza è nota a livello internazionale soprattutto nell'ambito della psicoterapia di gruppo e dello psicodramma. Ha lavorato al fianco di Margaret Mead, Gregory Bateson e Carl Rogers. Ai suoi studi si deve lo sviluppo della tecnica del genosociogramma: albero genealogico che tiene conto, oltre che dei legami di parentela esistenti, anche del ripetersi di particolari traumi psichici e fisici di generazione in generazione.

Il suo lavoro è essenzialmente mirato alla psico-genealogia, alla comunicazione non verbale e ai legami familiari.

Inizia i suoi studi di psicologia presso l'Università di Parigi subito dopo la seconda guerra mondiale e viene introdotta alla teoria psicoanalitica da Robert Gessain. Nel 1950 riceve il premio Aide Alliee conferito per la resistenza durante gli anni dell'occupazione nazista. Nel 1951 si trasferisce in America per osservare i processi di interazione e le dinamiche di gruppo intraprese da Kurt Lewin e contemporaneamente conosce Jacob Levi Moreno. Rimane colpita dalla personalità di Moreno e si dichiara da sempre figlia adottiva del fondatore della sociometria e da quel momento gli rimane vicina sostenendolo fino agli ultimi mesi di vita.

Jacob Levi Moreno riconosce in lei l'elevata capacità di osservazione e la vuole come rappresentante dello psicodramma nel mondo accademico. In venti anni di lavoro ha raccolto innumerevoli dati sulla comunicazione non verbale dei gruppi traendone una tesi conclusiva per il suo dottorato. Dal 1976 è Professore emerito in Psicologia sociale presso l'università di Nizza.

Nel 2001 viene riconosciuta come Membro Onorario della FEPTO (Federation European of Psycodrama Training Organization).

I suoi studi si approfondiscono sull'importanza di conoscere la vita degli antenati per capire la rilevanza della trasmissione inconscia e involontaria nei legami transgenerazionali. Nel 1998 pubblica in Francia "Aïe, mes aïeux ! : Liens transgénérationnels, secrets de famille, syndrome d'anniversaire, transmission des traumatismes et pratique du génosociogramme" giunto alla 15ª edizione che viene tradotto in Italia nel 2004 con il titolo "La sindrome degli antenati" giunto alla quinta edizione.

Il 5 maggio del 2008, la trasmissione Voyager, trasmessa da Rai 2 si occupa della sindrome degli antenati, intervistando la Prof.ssa Schützenberger e il Prof.re Maurizio Gasseau che hanno spiegato quella che viene anche chiamata psicologia transgenerazionale.

Nel 2010 esce in Italia il suo libro intitolato Il piacere di vivere, che tratta il saper cogliere, per se stessi e per gli altri ciò che accade inaspettatamente come una felice combinazione, cioè affrontare la serendipità.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Il piacere di vivere (Di Renzo Editore, 2010) - ISBN 978-88-8323-232-9
  • Lo Psicodramma (Di Renzo Editore, 2008) - ISBN 88-8323-209-7
  • La sindrome degli antenati, in Francia considerato un vero best-seller (Di Renzo Editore, 2004) - ISBN 88-8323-076-0
  • Uscire dal lutto (Di Renzo Editore, 2009)- ISBN 88-8323-228-3
  • Una malattia chiamata "genitori", scritto a quattro mani con Ghislain Devroede (Di Renzo Editore, 2006) - ISBN 88-8323-167-8
  • Il corpo e il gruppo (Astrolabio, 1978)
  • Psicogenealogia (Di Renzo Editore, 2011 )
  • Esercizi pratici di Psicogenealogia (Di Renzo Editore, 2012 )- ISBN 978-88-8323-269-5

Collegamenti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 66462707 LCCN: n79129418