Anne Marie Louise de La Tour d'Auvergne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Anne Marie Louise
Principessa di Soubise
Nome completo Anne Marie Louise de La Tour d'Auvergne
Nascita Hôtel de Bouillon, Parigi, Francia, 1º agosto 1722
Morte Hôtel de Soubise, Parigi, Francia, 19 settembre 1739
Sepoltura 29 settembre 1739
Luogo di sepoltura Église de La Merci, parigi
Padre Emmanuel Théodose de La Tour d'Auvergne
Madre Anne Marie Christiane de Simiane
Consorte Charles de Rohan, Principe di Soubise
Figli Carlotta, Principessa di Condé

Anne Marie Louise de La Tour d'Auvergne (Parigi, 1º agosto 1722Parigi, 19 settembre 1739) fu una nobildonna francese e moglie di Charles de Rohan. Fu Marchesa di Gordes e Contessa di Moncha per suo proprio diritto oltre a Principessa di Soubise per matrimonio. Morì di parto all'età di diciassette anni.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata all'Hôtel de Bouillon da[1] Emmanuel Théodose de La Tour d'Auvergne (1668–1730), Duca di Bouillon e dalla sua terza moglie Anne Marie Christiane de Simiane, fu l'unico figlio della coppia. Sua madre morì l'8 agosto 1722, sette giorni dopo aver partorito Anne Marie.[2]

Suo padre era figlio di Goffredo Maurizio de La Tour d'Auvergne e Maria Anna Mancini, quest'ultima era una nipote del Cardinale Mazzarino[2] ed una famosa salottiera[3] dei suoi tempi.

Titolata come Mademoiselle de Bouillon, era stata promessa a Charles de Rohan sin dall'età di undici anni.[4] Il titolo nobiliare fu confiscato nel 1789.[4] Lui era maggiore di sette anni[4] di lei ed era il figlio maggiore di Jules de Rohan, Principe di Soubise ed Anne Julie de Melun.[5]

Nel 1737, fu presentata a corte da Marie Sophie de Courcillon[6] (1713–1756), seconda moglie di Hercule Mériadec de Rohan nonno di suo marito. Presente alla sua presentazione era la Duchessa di Tallard, prozia di suo marito e Governante dei figli di Francia.

La coppia si sposò infine il 29 dicembre 1734.[7] Lei aveva appena dodici anni. La coppia ebbe un solo figlio nato a Parigi nel 1737 e battezzato Carlotta Elisabetta Goffreda. Fu presentata a corte per mezzo dei rapporti di suo marito, la Principessa di Rohan. Fu Marchesa di Gordes e Contessa di Moncha, entrambi i titoli passarono a sua figlia alla sua morte. Anne Marie Louise era l'erede della sua famiglia materna, i Simiane che erano originari della Provenza ed erano stati gli ereditari Conti di Moncha, la linea termina con la madre di Anne Marie.

Anne Marie Louise morì a Parigi all'Hôtel de Soubise[2] all'età di diciassette anni nel dare alla luce un figlio maschio a cui fu dato il titolo di comte de Saint-Pol; morì nel 1742. Suo marito si risposò altre due volte; per la seconda volta con Anne Thérèse de Savoie[8] e poi con Vittoria d'Assia-Rotenburg.

Fu sepolta all'Église de La Merci a Parigi il 29 settembre 1739; l'Église de La Merci[9] era il traditionale luogo di sepoltura della linea di Soubise del Casato di Rohan

Figli[modifica | modifica wikitesto]

Titoli ed appellativi[modifica | modifica wikitesto]

  • 1º agosto 1722 – 29 dicembre 1734: Sua Altezza Mademoiselle de Bouillon
  • 29 dicembre 1734 – 19 settembre 1739 Sua Altezza la Principessa di Soubise

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In precedenza Hôtel de la Bazinière poi acquistato da suo nonno Goffredo Maurizio de La Tour d'Auvergne e un ampliamento dell'attuale École nationale supérieure des beaux-arts
  2. ^ a b c Leo van de Pas, Anne Marie Louise de La Tour d'Auvergne, su Genealogics .org. URL consultato il 16 marzo 2010.
  3. ^ Salottiero: Definizione e significato di Salottiero – Dizionario italiano – Corriere.it
  4. ^ a b c Henri Duranton, Journal de la Cour & de Paris, in Googlebooks.org. URL consultato il 25 marzo 2010.
  5. ^ Morti entrambi nel 1724 di vaiolo
  6. ^ Charles Philippe d'Albert Luynes, Mémoires du duc de Luynes sur la cour de Louis XV (1735-1758) By Charles Philippe d'Albert de Luynes, in Googlebooks.org. URL consultato il 21 aprile 2010.
  7. ^ Christophe Levantal, Ducs et pairs et duchés-pairies laïques à l'époque moderne : (1519-1790), in Googlebooks.org. URL consultato il 25 marzo 2010.
  8. ^ Figlia di Vittorio Amedeo, Principe di Carignano e Vittoria Francesca di Savoia, quest'ultima era una figlia illegittima di Vittorio Amedeo II di Sardegna e Jeanne Baptiste d'Albert de Luynes
  9. ^ Anne-Marie Cocula & Josette Pontet, Itinéraires spirituels, enjeux matériels en Europe, in Googlebooks.org. URL consultato il 21 aprile 2010.
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie