Anna dell'Anglia orientale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Anna (... – 653 o 654) fu re dell'Anglia orientale dal 635 fino alla morte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio di Eni e nipote di Rædwald. Penda, re di Mercia, invase l'Anglia orientale attorno al 635, sconfiggendo e uccidendo re Egric e l'ex sovrano Sigeberht. Anna salì quindi sul trono[1]. Anna, che era cristiano, è ricordato per la sua devozione. Persuase Cenwealh del Wessex ad accettare il battesimo mentre si trovava in esilio nell'Anglia orientale (645 - 648), dopo essere stato scacciato da Penda[2]. Penda impose il dominio merciano sulla Middle Anglia, mettendovi sul trono il figlio Peada e infine sconfisse e uccise Anna, che era tornato sul trono, nel 653 o 654.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Anna ebbe dalla moglie Sæwara quattro figlie, divenute tutte sante, ed un figlio,:

Inoltre aveva una figliastra, prime nozze della moglie Sæwara:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Beda, Historia ecclesiastica gentis Anglorum, III, 18.
  2. ^ Beda, Historia ecclesiastica gentis Anglorum, III, 7.