Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Anna Karolína Schmiedlová

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Anna Schmiedlová)
Anna Schmiedlová
2015 Aegon International MG 7959 (18845189058).jpg
Anna Karolína Schmiedlová nel 2015
Nome Anna Karolína Schmiedlová
Nazionalità Slovacchia Slovacchia
Altezza 176 cm
Peso 63 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 179 - 94
Titoli vinti 2 WTA, 9 ITF
Miglior ranking 32° (24 agosto 2015)
Ranking attuale 32° (24 agosto 2015)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 2T (2014, 2015)
Francia Roland Garros 3T (2014)
Regno Unito Wimbledon 1T (2013, 2014, 2015)
Stati Uniti US Open 2T (2013)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 30 - 36
Titoli vinti 0 WTA, 0 ITF
Miglior ranking 213° (15 giugno 2013)
Ranking attuale 235ª (24 agosto 2015)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 1T (2015)
Francia Roland Garros 2T (2015)
Regno Unito Wimbledon 1T (2014)
Stati Uniti US Open 2T (2014)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 25 agosto 2015

Anna Karolína Schmiedlová (Košice, 13 settembre 1994) è una tennista slovacca.

Vita personale[modifica | modifica wikitesto]

I genitori si chiamano Yuraj e Martina. Ha un fratello di nome Yuraj Jr. e una sorella Kristina, anche lei giocatrice professionista, entrambi più piccoli.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Esordi[modifica | modifica wikitesto]

Anna agli US Open 2013

Anna Karolína Schmiedlová ha iniziato a giocare a tennis all'età di 7 anni. Attualmente, è allenata da Milan Martinec e il suo trainer fitness è Ladislav Olasz. Si allena al Slovak National Tennis Centre. Considera la terra battuta la superficie dove si esprime meglio.

Nell'aprile 2012, è stata convocata nella squadra slovacca di Fed Cup nel match di doppio insieme a Magdaléna Rybáriková, dove hanno perso contro la Spagna di Llagostera Vives/Parra-Santonja nei Play-off del World Group.

Nel 2012, ha raggiunto la finale agli Open di Francia 2012 - Singolare ragazze dove si è arresa alla tedesca Annika Beck. Sempre nella categoria junior, l'11 giugno 2012 ha raggiunto il miglior ranking al numero 10.

2013[modifica | modifica wikitesto]

Anna nel 2013 al Roland Garros

Nell'aprile 2013, ha conquistato la sua prima vittoria nel circuito WTA battendo al BNP Paribas Katowice Open la settima testa di serie Alizé Cornet, per poi cedere a Petra Martić; nello stesso torneo aveva superato anche le qualificazioni.

Agli Open di Francia 2013, riesce a superare le qualificazioni battendo nell'ordine la statunitense Julia Cohen, la giapponese Kurumi Nara e la russa Alla Kudrjavceva. Nel main-draw supera al primo turno l'ex top 20 Yanina Wickmayer con il punteggio di 7-65, 2-6, 6-2 e raggiunge per la prima volta in carriera al secondo turno in uno Slam. Proprio qui, viene sconfitta dalla statunitense Jamie Hampton per 7-5, 6-2.

Al Torneo di Wimbledon 2013 viene eliminata subito dalla più quotata testa di serie n° 14 Samantha Stosur 6–1, 6–3, dopo che era entrata nel tabellone principale come lucky loser.

Il 15 luglio 2013, dopo aver raggiunto la finale nel $100,000 di Biarritz, è entrata per la prima volta in carriera nelle prime 100 giocatrici mondiali, posizionandosi precisamente al numero 97. Al Gastein Ladies 2013 ha perso al primo turno contro la sudafricana Chanelle Scheepers.

Al New Haven Open at Yale 2013 viene sconfitta al primo turno da Sloane Stephens. Agli US Open 2013 batte al primo turno la svizzera Stefanie Vögele raggiungendo così il turno successivo, dove viene estromessa dalla tennista estone Kaia Kanepi. Questo risultato le permette di migliorare il best ranking al numero 88.

Al Ningbo Challenger 2013, raggiunge i quarti di finale dove viene sconfitta da Bojana Jovanovski, risultato che le permette di scalare ancora il ranking salendo al numero 85. All'HP Open 2013 supera le qualificazioni e viene sconfitta al primo turno da Madison Keys, raggiungendo la posizione numero 81. Al Nanjing Ladies Open 2013 viene sconfitta nei quarti dalla giapponese Ayumi Morita dopo una lotta durata più di tre ore. La settimana seguente, all'OEC Taipei Ladies Open 2013, esce di scena al secondo turno per mano di Zheng Saisai.

2014[modifica | modifica wikitesto]

Agli Australian Open 2014 batte al primo turno Tímea Babos in tre set, mentre al secondo turno viene eliminata da Garbiñe Muguruza Blanco. Al BNP Paribas Open 2014 di Indian Wells, supera le qualificazioni e perde al primo turno del main-draw da Yanina Wickmayer. Al Sony Ericsson Open 2014 di Miami, viene sconfitta al secondo turno da Venus Williams. In seguito si aggiudica due tornei ITF, uno da $50.000 e l'altro da $75.000, rispettivamente ad Osprey ed a Trnava, e viene eliminata in finale nel $100.000 in quel di Praga. Agli Open di Francia 2014 raggiunge il terzo turno battendo Zheng Jie e Venus Williams, perdendo poi dalla spagnola Garbiñe Muguruza Blanco. Al Torneo di Wimbledon 2014 esce di scena al primo turno dalla francese Alizé Cornet in tre set, autrice poi dell'eliminazione di Serena Williams al terzo turno. Dopo Wimbledon, non riesce a ottenere alcuna vittoria, venendo eliminata in ben 8 occasioni consecutive al primo turno. Ritrova la vittoria a Wuhan, battendo in rimonta Yafan Wang, 1-6 6-3 6-3, prima di essere sconfitta al secondo turno da Jarmila Gajdošová, con lo score di 6-3 1-6 4-6. A Linz supera al primo turno la tedesca Annika Beck in 2 set ma al secondo turno soccombe contro Stefanie Vögele (6-2 1-6 4-6). Partecipa poi all' ITF da $ 100000 di Poitiers, in Francia in cui si arrende al secondo turno contro Ocèane Dodin. Raggiunge una semifinale all' ITF di Nantes dove supera Zanevs'ka, Hradecka e Razzano prima di essere battuta dalla Siniakova in 2 set. L'ultimo torneo che disputa è il challenger di Limoges, dove rimedia una sconfitta al secondo turno contro Francesca Schiavone. Chiude l'anno al numero 73 del mondo.

2015[modifica | modifica wikitesto]

L'anno nuovo si avvia a Shenzhen dove Anna batte al primo turno la ceca Klara Koukalova in 3 set, prima di cedere contro la serba Aleksandra Krunic, sempre in 3 set. Dopodiché gioca a Sydney e al primo turno elimina la connazionale Kristina Kucova prima di arrendersi al secondo turno contro Nicole Gibbs, per 3-6 6-2 6(6)-7. Partecipa poi all'Australian Open e al primo turno elimina la numero 104 del mondo Chanelle Scheepers (6-4 4-6 6-2) ma al secondo turno perde una partita lunghissima contro Zarina Dijas, 6-3 2-6 6-8. Viene poi convocata per la Fed Cup e vince il primo singolare sull'Olanda di Kiki Bertens. Nonostante la vittoria della Schmiedlová, la Slovacchia viene sconfitta 4-1. In seguito gioca il primo torneo su terra rossa a Rio De Janeiro e viene accreditata della testa di serie numero 6. Al primo turno vince senza problemi contro la belga Alison Van Uytvanck, per 6-3 6-0. Ancora più netta la vittoria del secondo turno ai danni di Paula Ormaechea, che arriva per 6-0 6-2. Ai quarti pesca la qualificata Veronica Cepede Royg che viene sconfitta in 2 agevoli set. In semifinale affronta la testa di serie numero 2, Irina-Camelia Begu. La Schmiedlová conquista in 52 minuti il primo parziale, per 6-3. Nel secondo set ci sono una serie di break e contro break ma sul 4-4 la Begu trova l'allungo vincente e porta a casa il secondo set con lo score di 6-4. Nel terzo parziale durante i primi tre games nessuna delle 2 contendenti riesce a tenere il servizio e ne approfitta la slovacca che va avanti 3-1. Sul 4-2 conquista un altro break che la porta a servire per il match e chiudere 6-2. La Schmiedlová conquista così la prima finale WTA della carriera. Ad attenderla nell'ultimo atto è la prima testa di serie ovvero l'italiana Sara Errani. Il primo set è molto combattuto e termina al tie-break. La Schmiedlová perde molti dei suoi turni di battuta e la Errani conquista il tie-break 7 a 2. Nel secondo set la slovacca crolla, complice la crescita della sua avversaria e cede nettamente per 6-1. Dopo l'exploit sudamericano ottiene tre sconfitte di fila al primo turno: la prima ad Acapulco, sconfitta da Aleksandra Krunic molto nettamente. La seconda la rimedia a Monterrey, battuta in tre set da Anastasija Pavljučenkova (6-0 al terzo). L'altra ad Indian Wells, eliminata dalla padrona di casa Lauren Davis per 6-2 6-2. A Miami, invece, sconfigge all'esordio Polona Hercog per 6-3 6-2 ma al secondo turno si scontra e perde contro Agnieszka Radwańska in 2 set combattuti. Ad Aprile partecipa al torneo di Katowice dove è accreditata della testa di serie numero 8 e al primo turno batte in tre set l'uzbeka Nigina Abduraimova, per 6-1 4-6 6-1. Al secondo supera, sempre in tre set, Katerina Siniakova, 6-1 3-6 6-3. Dopo queste fatiche, a sorpresa, elimina ai quarti la campionessa uscente Alizé Cornet, lasciandole appena 2 games. In semifinale affronta la sorpresa belga Alison Van Uytvanck che Anna liquida in 1h.16 con lo score di 6-4 6-1. Raggiunge così la seconda finale dell'anno, dopo Rio, e ancora contro un'italiana, la testa di serie numero 3 Camila Giorgi, che in semifinale aveva superato Agnieszka Radwanska. Alla fine, contro ogni pronostico, la tennista slovacca conquista il suo primo titolo WTA, in 1h e 29 minuti, con il punteggio di 6-4 6-3. Dopo l'exploit polacco, la Schmiedlová torna sui campi in terra battuta, più precisamente a Marrakech, dove è accreditata della settima testa di serie. All'esordio supera Silvia Soler Espinosa, per 6-4 6-4. Al secondo turno sconfigge l'argentina Maria Irigoyen, in rimonta, per 3-6 6-1 6-3. Ai quarti l'attende un'ostica sfida contro l'elvetica Timea Bacsinszky, testa di serie numero 2. In un'epica battaglia di 2h e 14, a spuntarla è la slovacca, che vince 7-5 al terzo. In semifinale ha a che fare con un'altra testa di serie, la numero 4 Elina Svitolina. La Schmiedlová perde in un'ora e quattro minuti, da una più fresca Svitolina, che si impone con lo score di 6-0 6-3. A Roma esce al primo turno, sconfitta da Lucie Safarova, in una partita di quasi 3 ore. Al Roland Garros perde subito dalla belga Alison Van Uytvanck, con lo score di 64-7 67-7. Inizia la stagione sull'erba disputando il torneo di Birmingham. Al primo turno sconfigge facilmente Bojana Jovanovski, per 6-2 6-3 ma al secondo viene eliminata dalla connazionale Magdalena Rybarikova, in 2 set. A Wimbledon pesca al primo turno l'ostica americana Coco Vandeweghe, temibile sull'erba. L'americana, infatti, rispetta il pronostico e batte Anna in un'ora e dodici minuti, per 4-6 2-6. Dopodiché, Anna rimane in Europa e partecipa al torneo di Bucarest, in cui è accreditata della 7ª testa di serie. Al primo turno sconfigge in 2 agevoli set la qualificata ungherese Rèka-Luca Jani mentre al secondo rifila un netto 6-1 6-2 a Denisa Allertova. Anche ai quarti non ha problemi contro la montenegrina Danka Kovinic, alla quale concede 4 games. In semifinale affronta la slovena Polona Hercog: il primo set prende una pessima piega per la Schmiedlová, che va sotto 1-4. La slovacca non si disunisce e conquista 5 games di fila, strappando tre volte la battuta all'avversaria e conquistando il parziale 6 giochi a 4. Nel secondo è invece un solo break a decidere ed esso viene conquistato nel quarto game dalla slovacca, che si impone 6-3, accedendo così alla terza finale WTA in carriera e dell'anno. Nell'atto conclusivo affronta l'azzurra Sara Errani, in un rewind della finale di Rio, dove, in quel caso, si impose Sara in 2 set. La finale di Bucarest sembra avere lo stesso esito: il primo set finisce al tie-break come in Sud America ma la tennista di Košice si impone per 7 punti a 3. Nel secondo la Schmiedlová strappa tre volte il servizio a Sara, che riesce a trovare solo un contro-break, consegnando alla slovacca il secondo alloro WTA. Partecipa poi al torneo di Bad Gastein, in Austria, dove Anna è testa di serie numero 7. Al primo turno trova Patricia Mayr-Achleitner e perde il primo set 6-3, fuorché conquistare gli altri 2 parziali 6-2 6-0. Al secondo turno approfitta del ritiro della rumena Andreea Mitu, quando Schmiedlová aveva ottenuto il primo set 6-1. Ai quarti batte agevolmente Annika Beck, per 6-2 6-3. Giunge così alla quarta semifinale dell'anno e questa volta affronterà Samantha Stosur, seconda testa di serie. L'australiana prende subito il controllo della sfida, aggiudicandosi in 33 minuti il primo set per 6-1. Nel secondo set c'è più lotta e Schmiedlová ottiene un break ad inizio set, portandosi 3-0. Il break resiste fino a che la slovacca serve per chiudere. In questa eventualità Sam strappa il servizio e va 5-5, per poi strappare nuovamente il servizio all'avversaria e vincere 6-1 7-5. Grazie a questo risultato, Schmiedlová migliora il suo best-ranking, issandosi fino alla posizione numero 41. A Cincinnati si avvia, per Anna, la stagione sul cemento americano. Supera le qualificazioni battendo Taylor Townsend e Olga Govortsova. Nel main-draw affronta Agnieszka Radwanska e dopo un inizio difficile, si impone a sorpresa in tre set, per 4-6 6-3 6-1. Al secondo turno demolisce Irina-Camelia Begu, per 6-3 6-1 mentre al terzo turno elimina l'americana Varvara Lepchenko con lo score di 6-3 3-6 6-4. Per la prima volta in carriera, arriva ai quarti di finale di questo torneo. Qui si scontra con Jelena Jankovic, che vince nettamente per 6-4 6-2. Grazie a questo ottimo risultato entra per la prima volta tra le prime trenta nella classifica mondiale, più precisamente alla 32^ posizione.

Statistiche WTA[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (2)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (0)
Ori Olimpici (0)
WTA Championships (0)
Premier Mandatory (0)
Premier 5 (0)
Premier (0)
International (2)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 12 aprile 2015 Polonia BNP Paribas Katowice Open, Katowice Cemento (i) Italia Camila Giorgi 6-4, 6-3
2. 19 luglio 2015 Romania BRD Bucarest Open, Bucarest Terra rossa Italia Sara Errani 7-6(3), 6-3

Sconfitte (1)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (0)
Ori Olimpici (0)
WTA Championships (0)
Premier Mandatory (0)
Premier 5 (0)
Premier (0)
International (1)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 22 febbraio 2015 Brasile Rio Open, Rio de Janeiro Terra rossa Italia Sara Errani 6(2)-7, 1-6

Statistiche ITF[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (9)[modifica | modifica wikitesto]

Torneo $100.000 (0)
Torneo $75.000 (1)
Torneo $50.000 (1)
Torneo $25.000 (3)
Torneo $15.000 (0)
Torneo $10.000 (4)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Score
1. 16 ottobre 2011 Armenia ITF Women's Circuit Yerevan, Yerevan Terra rossa Georgia Tatia Mikadze 6-4, 6-3
2. 1º aprile 2012 Turchia Tennis Organisation, Antalya Cemento Germania Anna-Lena Friedsam 7-6, 6-4
3. 8 aprile 2012 Turchia Tennis Organisation, Antalya Cemento Germania Anna-Lena Friedsam 7-5, 6-2
4. 13 maggio 2012 Germania Bad Saarow Ladies Open, Bad Saarow Terra rossa Rep. Ceca Kateřina Vaňková 6-1, 6-3
5. 26 maggio 2012 Italia Internazionali Femminili di Tennis di Brescia, Brescia Terra rossa Spagna Beatriz García Vidagany 6-3, 6-2
6. 4 novembre 2012 Israele Netanya Open, Netanya Cemento Liechtenstein Stephanie Vogt 0-6, 6-3, 6-4
7. 5 maggio 2013 Italia Torneo Tirreno Power, Civitavecchia Terra rossa Polonia Magda Linette 6-0, 6-1
8. 30 marzo 2014 Stati Uniti Oaks Club Challenger, Osprey Terra verde Nuova Zelanda Marina Eraković 6-2, 6-3
9. 11 maggio 2014 Slovacchia Empire Trnava Cup, Trnava Terra rossa Rep. Ceca Barbora Záhlavová-Strýcová 6-4, 6-2

Sconfitte (4)[modifica | modifica wikitesto]

Torneo $100.000 (2)
Torneo $75.000 (0)
Torneo $50.000 (0)
Torneo $25.000 (2)
Torneo $15.000 (0)
Torneo $10.000 (0)
No. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Score
1. 22 luglio 2012 Germania Darmstadt Tennis International, Darmstadt Terra rossa Germania Laura Siegemund 6-7, 3-6
2. 18 novembre 2012 Finlandia OrtoLääkärit Open, Helsinki Sintetico (i) Svizzera Amra Sadiković 4-6, 0-6
3. 14 luglio 2013 Francia Open GDF SUEZ de Biarritz, Biarritz Terra rossa Liechtenstein Stephanie Vogt 6-1, 3-6, 2-6
4. 18 maggio 2014 Rep. Ceca Sparta Prague Open, Praga Terra rossa Regno Unito Heather Watson 6(5)-7, 0-6

Doppio[modifica | modifica wikitesto]

Sconfitte (4)[modifica | modifica wikitesto]

Torneo $100.000 (0)
Torneo $75.000 (1)
Torneo $50.000 (0)
Torneo $25.000 (1)
Torneo $15.000 (0)
Torneo $10.000 (2)
N. Data Torneo Superficie Compagna Avversarie in finale Punteggio
1. 26 giugno 2011 Turchia GD Tennis Cup, Izmir Terra rossa Bulgaria Aleksandrina Najdenova Russia Tatiana Kotelnikova
Russia Evgenija Paškova
4-6, 0-6
2. 1º aprile 2012 Turchia Tennis Organisation, Antalya Cemento Slovacchia Chantal Škamlová Stati Uniti Anamika Bhargava
Stati Uniti Sylvia Krywacz
6-4, 4-6, [3-10]
3. 4 novembre 2012 Israele Netanya Open, Netanya Cemento Slovacchia Zuzana Luknárová Ucraina Lyudmyla Kičenok
Ucraina Nadežda Kičenok
1-6, 4-6
4. 12 maggio 2013 Slovacchia Empire Trnava Cup, Trnava Terra rossa Slovacchia Jana Čepelová Bosnia ed Erzegovina Mervana Jugić-Salkić
Rep. Ceca Renata Voráčová
1-6, 1-6

Carriera Junior[modifica | modifica wikitesto]

Finali Slam Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Perse (1)[modifica | modifica wikitesto]

N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 8 giugno 2012 Francia Open di Francia, Parigi Terra rossa Germania Annika Beck 6-3, 5-7, 3-6

Risultati in progressione[modifica | modifica wikitesto]

Sigla Risultato
V Vincitore
F Finalista
SF Semifinalista
O Oro olimpico
A Argento olimpico
SF Bronzo olimpico
QF Quarti di Finale
4T Quarto turno
3T Terzo turno
2T Secondo turno
1T Primo turno
RR Round Robin
LQ Turno di qualificazione
A Assente
ND Non disputato
Legenda superfici
Cemento
Terra battuta
Erba
Superficie variabile

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Torneo 2013 2014 2015 V–S
Tornei del Grande Slam
Australian Open Q1 2T 2T 2–2
Open di Francia 2T 3T 1T 3–3
Wimbledon 1T 1T 0–2
US Open 2T 1T 1–2
Vittorie-sconfitte 2–3 3–4 1-2 6-9

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]