Anna Pavignano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Massimo Troisi (a sinistra) con Anna Pavignano (a destra)

Anna Pavignano (Borgomanero, 1955) è una scrittrice e sceneggiatrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1977 partecipa come comparsa alla trasmissione di Rai 1 Non stop, vero e proprio carosello di comici italiani. Incontra Massimo Troisi, con cui intraprende una relazione sentimentale che durerà dieci anni[1]. Proprio con Troisi, Anna Pavignano scrive a quattro mani le sceneggiature di Ricomincio da tre (1981), Scusate il ritardo (1983), Le vie del Signore sono finite (1987), Pensavo fosse amore... invece era un calesse e Il postino (1994), per cui riceve la nomination all'Oscar assieme a Michael Radford, Furio Scarpelli, Giacomo Scarpelli e allo stesso Massimo Troisi.

Dopo la rottura della relazione sentimentale con Troisi, la Pavignano ha continuato a scrivere sceneggiature, tra cui quelle di Casomai, film sulle difficoltà di coppia con Stefania Rocca e Fabio Volo, e di Sul mare, film tratto dal suo romanzo In bilico sul mare, per la regia di Alessandro D'Alatri.

Nel 2009 pubblica il romanzo autobiografico Da domani mi alzo tardi, in cui racconta i ricordi della sua storia d'amore e d'amicizia con Troisi, ricreando una fittizia situazione presente in cui l'attore e regista napoletano è ancora in vita: grazie al grande successo ottenuto, reciterà in teatri italiani alcuni brani tratti dal romanzo con accompagnamento musicale nel corso degli anni successivi.[2][3]

Continua a scrivere romanzi e, ottavo dopo dieci anni di pubblicazioni, nel 2017 dà alla luce La Svedese, una storia d'amore "al femminile", una storia pensata ancora ai tempi del sodalizio con Troisi, che avrebbe voluto farne un film.[4]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiature[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]