Anna Maria Anders

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Anna Maria Anders (Londra, 22 novembre 1950) è una politica, attivista e diplomatica polacca con cittadinanza britannica naturalizzata statunitense[1][2], dal 2016 segretario di stato nella KPRM (Cancelleria del Primo Ministro) e plenipotenziario del presidente del Consiglio dei ministri per il dialogo internazionale, senatrice della IX legislatura, dal 2016 presidente del Consiglio per la Protezione della Memoria di lotta e martirio.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia del generale Władysław Anders e Irena Anders[3][4]. Nel 1986[5] suo marito è diventato l'ufficiale americano Robert Costa (1934–2007[6][7]), con il quale ha un figlio Wladyslaw Robert Costa (nato nel 1993), Ranger dell'esercito degli Stati Uniti[8].

Si è laureata in filologia romanza all'Università di Bristol, conseguendo un MBA in economia all'Università di Boston. Impiegata presso l'ufficio stampa UNESCO a Parigi e in compagnie petrolifere e immobiliari[9].

Dopo la morte di sua madre, è divenuta presidente del consiglio di amministrazione della Fondazione intitolata a suo padre, il generale Władysław Anders, che si occupa tra l'altro di concedere borse di studio per studenti di origine polacca provenienti dai paesi dell'ex Unione Sovietica[10].

Alle elezioni parlamentari in Polonia del 2015 si è candidata senza successo come senatrice nel collegio elettorale numero 44 del partito Diritto e Giustizia, ottenendo 154 746 voti (40,76%)[11].

Il 15 gennaio 2016 è diventata Presidente del Consiglio per la Protezione della Memoria di lotta e martirio, Segretario di Stato della Cancelleria del Primo Ministro e rappresentante del primo ministro per il dialogo internazionale.[12]. Nel marzo dello stesso anno, ha cessato di essere il capo del ROPWiM, rimanendo nelle altre funzioni della Cancelleria del Primo Ministro.

Nel 2016, è diventata una candidata al PiS alle elezioni suppletive al Senato nel Distretto 59[13]. Come risultato del voto del 6 marzo 2016, ha ottenuto il mandato di senatore della IX legislatura, ottenendo 30 661 voti (47,26%) e sconfiggendo, tra gli altri Mieczysław Bagiński, che è stato sostenuto dal 41,03% degli elettori[14]. Ha prestato giuramento il 9 marzo 2016, nello stesso giorno in cui è entrata a far parte del gruppo parlamentare Diritto e Giustizia[15][16], restando indipendente[9]. Ambasciatore a Roma (2019–)[17].

Premi e Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

  • Croce d'Oro al Merito (per i successi nel mondo degli affari per i veterani polacchi nel Regno Unito, per divulgare i risultati del 2 ° Corpo Polacco) – 2014[18]
  • Distintivo occasionale "Medaglia del 100º anniversario della fondazione dell'esercito polacco" – 2018[19]
  • Distintivo d'Onore al merito per l'Associazione dei siberiani deportati– 2015[20]
  • Membro onorario dell'Unione degli ufficiali di riserva della Repubblica di Polonia – 2015[21][22]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ gazetagazeta.com, 19 novembre 2014, http://www.gazetagazeta.com/2014/11/anna-maria-anders/.
  2. ^ prezydent.pl, 14 maggio 2014, http://www.prezydent.pl/archiwum-bronislawa-komorowskiego/aktualnosci/ordery-i-odznaczenia/art,1322,odznaczenia-z-okazji-dnia-polonii-i-polakow-za-granica.html.
  3. ^ O generale, su anders.org.pl.
  4. ^ Trzeci wynik w Polsce, ale w Senacie nie zasiądzie. Córka generała Andersa bez mandatu, su tvn24.pl, 28 ottobre 2015.
  5. ^ web.archive.org, https://web.archive.org/web/20160127030630/http://www.akademiamarkizklasa.pl/gwiazdy-o-budowaniu-osobistej-marki/35-mozna-byc-arystokrata-miec-stanowisko-i-nie-miec-klasy-rozmowa-z-klasa-z-anna-maria-anders.
  6. ^ ancientfaces.com, http://www.ancientfaces.com/person/robert-a-costa/5043359.
  7. ^ wellesley.wickedlocal.com, 26 luglio 2007, http://wellesley.wickedlocal.com/article/20070726/NEWS/307269711.
  8. ^ anders.org.pl, 26 agosto 2016, http://anders.org.pl/index.php/2016/08/26/wnuk-gen-andersa-robert-zostal-rangersem/.
  9. ^ a b senat.gov.pl, https://www.senat.gov.pl/sklad/senatorowie/senator,949,9,anna-maria-anders.html.
  10. ^ Fundacja im. gen. Władysława Andersa, su wladyslawanders.org (archiviato dall'url originale il 28 gennaio 2016).
  11. ^ Copia archiviata, su parlament2015.pkw.gov.pl. URL consultato il 27 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 7 aprile 2019).
  12. ^ wiadomosci.onet.pl, 26 gennaio 2016, http://wiadomosci.onet.pl/kraj/anna-maria-anders-sekretarzem-stanu-w-rzadzie-szydlo-pokieruje-tez-rada-ochrony/vdnleq.
  13. ^ Copia archiviata (PDF), su bialystok.kbw.gov.pl. URL consultato il 27 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2018).
  14. ^ tvn24.pl, 7 marca 2016, http://www.tvn24.pl/wiadomosci-z-kraju,3/na-podlasiu-wybierano-senatora-wygrala-anna-maria-anders,625176.html.
  15. ^ senat.gov.pl, 9 marca 2016, http://www.senat.gov.pl/aktualnosci/art,8488,12-posiedzenie-senatu.html.
  16. ^ Copia archiviata, su senat.gov.pl. URL consultato il 27 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 16 maggio 2019).
  17. ^ (PL) Postanowienie Prezydenta Rzeczypospolitej Polskiej z dnia 23 sierpnia 2019 r. nr 110.22.2019 w sprawie mianowania Ambasadora Rzeczypospolitej Polskiej, su prawo.sejm.gov.pl, 23 agosto 2019. URL consultato il 18 settembre 2019.
  18. ^ Postanowienie Prezydenta Rzeczypospolitej Polskiej z dnia 23 kwietnia 2014 r. o nadaniu orderów i odznaczeń (Template:Monitor Polski – pkt 20.) w brzmieniu nadanym postanowieniem Prezydenta Rzeczypospolitej Polskiej z dnia 11 marca 2015 r. o zmianie postanowienia o nadaniu orderów i odznaczeń (Template:Monitor Polski).
  19. ^ Copia archiviata, su sgwp.wp.mil.pl, 8 listopada 2018. URL consultato il 27 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 25 maggio 2019).
  20. ^ sybiracyzg.pl, 11 settembre 2015, http://www.sybiracyzg.pl/?p=7335.
  21. ^ zorrp.org, 13 dicembre 2015, http://www.zorrp.org/spotkania/504-spotkanie-wigilijne-anna-maria-anders-czlonkiem-honorowym-zor-rp.
  22. ^ web.archive.org, 11 gennaio 2016, https://web.archive.org/web/20160202000206/http://nowodworski.info/2016/01/11/nagrodzeni-za-zaslugi-dla-rzeczypospolitej-polskiej/.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN315717773 · ISNI (EN0000 0004 4859 6667 · LCCN (ENno2015129730 · GND (DE1077008775 · WorldCat Identities (ENlccn-no2015129730