Anna Ferruzzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Anna Ferruzzo (Taranto, 17 febbraio 1966) è un'attrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Anna Ferruzzo matura le prime esperienze artistiche in ambito teatrale[1]. Collabora con Davide Iodice e Mauro Maggioni nello spettacolo Io non mi ricordo niente. È con Renato Carpentieri in varie edizioni di Museum e negli spettacoli I quaderni di Serafino Gubbio e Luoghi comuni. In seguito le collaborazioni con Giancarlo Sepe nello spettacolo Morso di luna nuova (2009) e con Massimo Wertmüller con il quale dirige e interpreta a teatro la lettura A memoria (2005) e In nome della madre (2010).

Debutta al cinema accanto a Paolo Villaggio in Azzurro del 2000. Edoardo Winspeare la dirige ne Il miracolo. Tra le esperienze cinematografiche di maggior rilievo Anime nere e Saimir di Francesco Munzi, Isole regia di Stefano Chiantini, Marpiccolo di Alessandro Di Robilant. Con il film Il padre d'Italia di Fabio Mollo è candidata nella categoria attrice non protagonista ai Nastri d'argento 2017.

Tra le esperienze televisive più importanti le miniserie Pane e libertà, regia di Alberto Negrin e La leggenda del bandito e del campione, regia di Lodovico Gasparini[2][3].

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2018 si è sposata con l'attore Massimo Wertmüller[4].

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Il berretto a sonagli, di Luigi Pirandello, regia di I. De Gennaro (1992)
  • L'uomo, la bestia e la virtù, di Luigi Pirandello, regia di I. De Gennaro (1993)
  • Noblesse oblige, testo e regia di Bino Gargano (1995)
  • La città di porpora, di Annabella Cerliani, regia di Michele Mirabella (1996)
  • Le divine compagne di merende, regia di Leo Pantaleo (1997)
  • La regina in catene, testo e regia di Mauro Maggioni (1998)
  • Terre Mobili, testo e regia di Davide Iodice e Mauro Maggioni (1999)
  • La neve era bianca, regia di Mauro Maggioni (1999)
  • Io non mi ricordo niente, testo e regia di Davide Iodice e Mauro Maggioni (2000)
  • Sogno di una notte di mezza estate, di William Shakespeare, regia di Mauro Maggioni e Giovanni Guarino (2000)
  • Cane nero, testo e regia di Mauro Maggioni (2001)
  • Le rose di Franz, testo e regia di Mauro Maggioni (2002)
  • Voglio una voce, regia di Anna Ferruzzo (2002)
  • Affronti, testo e regia di Alfonso Santagata (2003)
  • Edipo re, di Sofocle, regia di Alesssandro Vantini (2004)
  • La Tessitrice (Racconti dall’Iliade), regia di P. Randi (2004)
  • Giovanna d'Arco, testo e regia di Fabio Omodei (2005)
  • A memoria, di e con Massimo Wertmüller e Anna Ferruzzo (2005)
  • La donna giusta, di Sándor Márai, regia di Lello Serao (2007)
  • I quaderni di Serafino Gubbio, da Luigi Pirandello, regia Renato Carpentieri (2007)
  • Luoghi affatto comuni, da Pino Corrias, regia di Renato Carpenntieri (2008)
  • Vu come Vian, regia di Anna Ferruzzo (2009)
  • Morso di luna nuova, di Erri De Luca, regia di Giancarlo Sepe (2009)
  • Dal mare, testo e regia Piero Gaffuri (2010)
  • In nome della madre, di Erri De Luca, regia di Massimo Wertmüller e Anna Ferruzzo (2010)
  • Dal Risorgimento, regia di Massimo Wertmüller e Anna Ferruzzo (2011)
  • Tra la gente di Cerami, da Vincenzo Cerami, regia di Norma Martelli (2016)
  • Iliade (reading), regia di Massimo Wertmüller e Anna Ferruzzo (2016)

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

2017 - Nastro d'argento

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mo-Net s.r.l. Milano-Firenze, Anna Ferruzzo | MYmovies, su www.mymovies.it. URL consultato il 3 ottobre 2017.
  2. ^ Mo-Net s.r.l. Milano-Firenze, Filmografia Anna Ferruzzo | MYmovies, su www.mymovies.it. URL consultato il 3 ottobre 2017.
  3. ^ repubblica.it, Anna Ferruzzo. Biografia e filmografia, in trovacinema.repubblica.it. URL consultato il 3 ottobre 2017.
  4. ^ Federica Rinaudo, Massimo Wertmuller sposa la storica compagna Anna: tra gli ospiti Proietti e Laganà, su Il Messaggero, 18 settembre 2018.
  5. ^ Mo-Net s.r.l. Milano-Firenze, Premi e nomination di Anna Ferruzzo | MYmovies, su www.mymovies.it. URL consultato il 3 ottobre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]