Ann Dunham

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Stanley Ann Dunham (29 novembre 19427 novembre 1995) è stata un'antropologa statunitense specializzatasi in antropologia economica e sviluppo rurale dell'Indonesia.[1] È stata la madre di Barack Obama, il 44º presidente degli Stati Uniti d'America.

Dunham fu conosciuta con il nome di Stanley Ann Dunham durante gli anni del college, e successivamente come Ann Dunham, Ann Obama, Ann Soetoro, poi Ann Sutoro dopo il secondo divorzio, e infine come Ann Dunham[2]. Nata in Wichita, Kansas, trascorse l'infanzia tra California, Oklahoma, Texas e Kansas, l'adolescenza a Mercer Island nello Stato di Washington, e la maggior parte dell'età adulta tra le Hawaii e l’Indonesia.[3]

La Dunham completò gli studi presso l'East-West Center (EWC) e l'Università delle Hawaii a Manoa, Honolulu, dove conseguì la laurea in antropologia nel 1967[4], seguita da un Master of Arts (MA) (1974) e da un dottorato (1992) nella stessa materia.[5] Frequentò anche l'Università di Washington a Seattle tra il 1961 e il 1962. Il suo interesse per l'artigianato, la tessitura e il ruolo delle donne nelle cottage industries, la portò a concentrare gli studi di ricerca sul lavoro femminile nell’isola di Giava e sulla lavorazione del metallo in Indonesia. Durante il suo servizio come consulente per la United States Agency for International Development (USAID), creò dei programmi di microcredito per porre rimedio al problema della povertà nei villaggi rurali. Lavorò anche per la Ford Foundation a Giacarta e come consulente per la Asian Development Bank a Gujranwala in Pakistan. Negli anni della maturità, lavorò per la Bank Rakyat Indonesia dove applicò la sua ricerca al più vasto programma di microfinanza al mondo.[5]

L'elezione del figlio a presidente degli Stati Uniti portò rinnovato interesse per il lavoro della Dunham: l'Università delle Hawaii tenne un simposio sul suo lavoro di ricerca; una mostra della sua collezione di tessuti batik indonesiani fece il giro degli Stati Uniti, e nel dicembre del 2009, la Duke University Press pubblicò Surviving against the Odds: Village Industry in Indonesia un libro basato sulla sua tesi di dottorato originale del 1992. Nel 2011, Janny Scott, autrice ed ex giornalista del New York Times, pubblicò una biografia della Dunham dal titolo A Singular Woman. L’interesse postumo ha portato anche alla creazione del fondo di ricerca Ann Dunham Soetoro presso il dipartimento di antropologia dell’Università delle Hawaii a Manoa, e della borsa di studio Ann Dunham Soetoro per il finanziamento degli studi post-laurea di studenti associati all’East-West Center a Honolulu, nelle Hawaii.[6]

In un'intervista, Barack Obama definì sua madre come "la figura predominante negli anni della mia formazione… I valori che mi ha trasmesso continuano ad essere un punto di riferimento nelle mie decisioni politiche".[7]

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Stanley Ann Dunham nacque il 29 novembre 1942 nel Saint Francis Hospital di Wichita, Kansas[8], unica figlia di Madelyn Lee Payne e Stanley Armour Dunham.[9] Di radici prevalentemente inglesi, con alcune discendenze tedesche, svizzere, scozzesi, irlandesi e gallesi[10], era parente di quinto grado di Wild Bill Hickok, suo sesto cugino.[11] Usando una combinazione di vecchi documenti e analisi del DNA, il 30 luglio 2012 il sito Ancestry.com poté annunciare che la madre della Dunham fu una discendente dell’africano John Punch, schiavo e servo debitorio nella Virginia coloniale del XVII secolo.[12][13]

Entrambi i genitori nacquero in Kansas e si incontrarono a Wichita, dove si sposarono il 5 Maggio del 1940.[14] Dopo l’attacco di Pearl Harbor, il padre si arruolò nell’esercito degli Stati Uniti mentre la madre lavorò in uno stabilimento della Boeing a Wichita.[15] Stando a quanto dichiarato dalla stessa Dunham, il padre avrebbe desiderato un figlio maschio e per questo le passò il nome, anche se questa versione dei fatti è messa in dubbio dalla famiglia. Lo zio paterno sostiene che il nome le sarebbe stato dato invece dalla madre come omaggio al personaggio della sua attrice preferita Bette Davis nel film In questa nostra vita, perché riteneva che il nome Stanley avesse un suono sofisticato su una ragazza.[16] Durante l'infanzia e l'adolescenza, la Dunham fu nota con il nome di Stanley.[2] Nonostante fosse oggetto di scherno da parte degli altri bambini, lo mantenne fino alle scuole superiori “scusandosene ogni volta, all’arrivo in una nuova città”.[17] Quando iniziò a frequentare il college, fu invece conosciuta con il suo secondo nome, Ann.[2] Dopo la Seconda Guerra Mondiale, i Dunham si trasferirono da Wichita alla California, dove il padre frequentò l’Università della California, Berkeley. Nel 1948 si trasferirono a Ponca City, Oklahoma, poi a Vernon, Texas, ed infine a El Dorado, Kansas.[18] Nel 1955 si trasferirono a Seattle, Washington, dove il padre trovò impiego come commerciante di mobili e la madre come vice presidente di una banca. Vissero in un complesso residenziale nel quartiere di Wedgwood dove Ann frequentò la Nathan Eckstein Junior High School.[19]

Nel 1956, i Dunham si trasferirono a Mercer Island, un quartiere suburbano nella zona est di Seattle. I genitori di Ann vollero che la figlia, allora tredicenne, frequentasse la Mercer Island High School inaugurata di recente. Gli insegnanti Val Foubert e Jim Wichterman mostrarono alla Dunham l’importanza dello sfidare le norme sociali e del mettere in discussione le autorità, lezioni che la giovane prese a cuore: "Sentiva di non aver bisogno di uscire con qualcuno, sposarsi o avere dei figli”. Un compagno di classe la ricordò come “intellettualmente molto più matura di noi e un po' più avanti dei suoi tempi, in una maniera originale", mentre un amico delle superiori la descrisse come ben informata e progressista: "Se c'era un qualche fatto negativo accaduto nel mondo che destava le tue preoccupazioni, Stanley ne era già al corrente prima di tutti. Eravamo liberali ancora prima di sapere cosa fossero, i liberali". Un altro amico la definì "la femminista originale".[7]

Vita familiare e matrimoni[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 agosto 1959 le Hawaii divennero il 50º Stato ad essere incluso nell'Unione. I genitori della Dunham andarono in cerca di nuove opportunità di affari nel nuovo Stato, e appena terminati gli studi superiori nel 1960, Ann e la famiglia si trasferirono a Honolulu, dove la giovane si iscrisse poco dopo all'Università delle Hawaii a Manoa.

Primo matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Durante una lezione di lingua russa, la Dunham conobbe Barack Obama, Sr., il primo studente africano della scuola.[20][21] All’età di 23 anni, Obama, Sr. era venuto alle Hawaii per completare i suoi studi, lasciando a casa, nella cittadina di Nyang'oma Kogelo in Kenya, una moglie incinta e un figlio piccolo. Dunham e Obama Sr. si sposarono sull’isola di Maui nelle Hawaii il 2 febbraio 1961, nonostante l’opposizione di entrambe le famiglie.[7][22] La Dunham era incinta di tre mesi.[7][17] Obama Sr. informò successivamente la Dunham del suo primo matrimonio in Kenya, dichiarando però di essere divorziato, fatto che anni dopo lei scoprì essere falso.[21] La prima moglie di Obama Sr., Kezia, dichiarò di aver acconsentito al secondo matrimonio del marito in linea con le usanze Luo.[23]

Il 4 agosto 1961, all'età di 18 anni, la Dunham diede alla luce il suo primo figlio, Barack Obama II.[24] Gli amici nello Stato di Washington ricordano la sua visita nel 1961 con il piccolo a un mese di età.[25][26][27][28][29] La Dunham frequentò le lezioni all’Università di Washington dal settembre 1961 al giugno 1962 e visse da sola con il bambino nel quartiere Capitol Hill di Seattle mentre il marito proseguiva gli studi nelle Hawaii.[19][26][30][31][32] Quando Obama, Sr. si laureò all’Università delle Hawaii nel giugno del 1962, gli venne offerta una borsa di studio a New York[33] che però rifiutò, preferendo invece frequentare la più prestigiosa Università di Harvard.[22] Partì per Cambridge, Massachusetts, dove nell’autunno di quell’anno iniziò a frequentare la specializzazione post-laurea ad Harvard.[21]

La Dunham tornò a Honolulu, dove riprese gli studi all'Università delle Hawaii con il semestre estivo nel gennaio del 1963. In questo periodo furono i genitori ad aiutarla a crescere il piccolo Obama. La Dunham chiese il divorzio nel gennaio del 1964, che Obama, Sr. accettò senza opposizione.[17] Nel dicembre di quell’anno, Obama Sr. sposò Ruth Baker, un’ebrea americana di discendenze lituane, dalla quale si separò nel 1971 e divorziò nel 1973 dopo aver avuto due figli. Nel 1965 Obama Sr. conseguì il Master of Arts in Economia ad Harvard.[34] Nel 1971 si recò alle Hawaii per un mese per far visita al figlio Barack che allora aveva 10 anni. Quella fu l’ultima volta che lo vide, e l’unica interazione personale di rilievo che ebbe con lui. Fu ucciso in un incidente stradale nel 1982.

Secondo matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

All’East-West Center, la Dunham conobbe Lolo Soetoro[35], un agrimensore giavanese[5] arrivato a Honolulu nel settembre del 1962 con una borsa di studio per studiare geografia all’Università delle Hawaii.

Soetoro ottenne il Master of Arts in geografia all'Università delle Hawaii nel luglio del 1964. Dunham e Soetoro si sposarono alle Hawaii nel 1965, e nel 1966 Soetoro ritornò in Indonesia. La Dunham si laureò all’Università delle Hawaii in antropologia il 6 agosto del 1967 e nell’ottobre di quell’anno si trasferì con il figlio di sei anni a Giacarta, in Indonesia, per riunirsi al marito.[36]

In Indonesia, Soetoro trovò dapprima un impiego mal pagato come topografo per il governo indonesiano, e successivamente lavorò nell’ufficio governativo della Union Oil Company.[21][37] La famiglia visse inizialmente per due anni e mezzo al numero 16 di via Kyai Haji Ramli Tengah in un quartiere di recente costruzione nel villaggio amministrativo di Menteng Dalam, nel sottodistretto di Tebet a Giacarta Meridionale, dove il figlio frequentò la vicina scuola cattolica Santo Fransiskus Asisi (San Francesco d’Assisi) in lingua indonesiana fino a una parte della terza elementare. Nel 1970 si trasferirono poi a circa 3 chilometri a nord al numero 22 di via Taman Amir Hamzah nel quartiere Matraman Dalam, nel villaggio amministrativo di Pegangsaan nel sottodistretto di Menteng a Giacarta Centrale, dove Barack frequentò per il resto del terzo e quarto anno delle elementari la Besuki School, scuola governativa in lingua indonesiana a circa 2 chilometri e mezzo ad est, nell’esclusivo villaggio amministrativo di Menteng, sottodistretto di Menteng.[38][39] Il 15 agosto 1970, Soetoro e la Dunham ebbero una figlia, Maya Kassandra Soetoro.[14]

In Indonesia, la Dunham arricchì l'istruzione del figlio con corsi d'inglese per corrispondenza, registrazioni di Mahalia Jackson e discorsi di Martin Luther King, Jr. Nel 1971, spedì il giovane Obama alle Hawaii per frequentare l’ultimo anno delle elementari alla Punahou School, anziché tenerlo con sé in Indonesia.[36] L’impiego della nonna materna Madelyn Dunham presso la Bank of Hawaii, dove in un decennio era passata da impiegata ad essere una delle prime donne a ricoprire il ruolo di vicepresidente nel 1970, aiutò a pagare la retta salata della scuola[40] assieme al supporto di una borsa di studio.[41]

Un anno dopo, nell'agosto del 1972, la Dunham tornò alle Hawaii con la figlia per riunirsi a Barack, e intraprese gli studi post-laurea in antropologia all’Università delle Hawaii. Gli studi della Dunham furono sponsorizzati da una borsa di studio della Asia Foundation dall’agosto del 1972 al luglio del 1973, e da una borsa di studio dell’Istituto per la tecnologia e lo sviluppo dell’East-West Center tra l'agosto del 1973 e il dicembre del 1978.[42]

La Dunham completò il Master of Arts in antropologia all'Università delle Hawaii nel dicembre del 1974,[5] e dopo tre anni trascorsi alle Hawaii, tornò in Indonesia con la figlia Maya nel 1975 per effettuare studi antropologici sul campo.[42][43] Il figlio decise di non accompagnarla in Indonesia, preferendo invece terminare le scuole superiori alla Punahou School a Honolulu e restare a vivere con i nonni.[44] Lolo Soetoro e la Dunham divorziarono il 5 novembre del 1980. Lolo Soetoro sposò Erna Kustina nel 1980 dalla quale ebbe un figlio, Yusuf Aji Soetoro, nato nel 1981, e una figlia, Rahayu Nurmaida Soetoro, nata nel 1987. Morì il 2 marzo 1987 all’età di 52 anni per insufficienza epatica.[45]

La Dunham non si allontanò mai dai due ex mariti, e incoraggiò i figli a restare vicini ai rispettivi padri.[46]

Vita professionale[modifica | modifica wikitesto]

Dal gennaio 1968 al dicembre 1969 la Dunham insegnò inglese e fu vicedirettore del Lembaga Persahabatan Indonesia Amerika (LIA), istituto per la collaborazione tra Indonesia e Stati Uniti, sussidiato dagli Stati Uniti[42], con sede al numero 9 di via Teuku Umar nel villaggio amministrativo di Gondangdia nel sottodistretto di Menteng, Giacarta Centrale. Dal gennaio del 1970 all’agosto del 1972 insegnò inglese e fu capo dipartimento e direttrice del Lembaga Pendidikan dan Pengembangan Manajemen (LPPM), Istituto di formazione e sviluppo manageriale al numero 9 di via Menteng Raya nel villaggio amministrativo di Kebon Sirih nel sottodistretto Menteng a Giacarta Centrale.[42]

Dal 1968 al 1972, fu co-fondatrice e membro attivo dei Ganesha Volunteers, una società per la conservazione del patrimonio culturale indonesiano presso il National Museum di Giacarta.[42][47]

Dal 1972 al 1975 insegnò tecniche artigianali quali tessitura, batik e tintura al Bishop Museum di Honolulu.[42]

Intraprese poi una carriera nello sviluppo rurale, difendendo la causa delle donne lavoratrici e del microcredito per i poveri del mondo, e lavorò con i leader di organizzazioni per la difesa dei diritti umani, dei diritti delle donne e dello sviluppo della società civile in Indonesia.[36]

Nel marzo del 1977, sotto la supervisione del professore di economia agraria Leon A. Mears, sviluppò e insegnò un corso breve per i membri dello staff del BAPPENAS (Badan Perencanaan Pembangunan Nasional), l’agenzia nazionale indonesiana per la pianificazione dello sviluppo urbanistico, presso la Facoltà di economia dell’Università dell’Indonesia (FEUI) a Giacarta.[42]

Dal giugno 1977 fino al settembre 1978 condusse ricerche sulle industrie di villaggio nel Daerah Istimewa Yogyakarta (DIY), la regione speciale di Yogyakarta nel centro di Giava, Indonesia, con una borsa di ricerca dell’East-West Centre.[48] Essendo una tessitrice lei stessa, nutriva un interesse per le industrie di villaggio e si trasferì a Yogyakarta City, centro dell’artigianato giavanese.[43][49]

Tra maggio e giugno del 1978 fu consulente a tempo determinato per l'International Labour Organization (ILO) a Giacarta, dove scrisse referenze su industrie di villaggio e altre imprese non agricole per il terzo piano di sviluppo quinquennale del governo indonesiano REPELITA III.[42][48]

Dall'ottobre 1978 al dicembre 1980, lavorò a Giava Centrale come consulente per le industrie agricole all’interno del Provincial Development Program (PDP I), piano di sviluppo provinciale del Ministero dell’industria indonesiano finanziato dall’USAID a Giacarta, e implementato dalla compagnia di sviluppo internazionale Development Alternatives, Inc. (DAI).[42][48]

Dal gennaio del 1981 al novembre del 1984, la Dunham fu responsabile di programma per le donne e l'impiego per l'ufficio regionale del sud-est asiatico della Ford Foundation a Giacarta.[42][48] In questo periodo, sviluppò un modello di microfinanza ora adottato come standard in Indonesia, Paese all'avanguardia in sistemi di microcredito.[50] Peter Geithner, padre di Tim Geithner, che divenne successivamente segretario al Tesoro degli Stati Uniti durante l’amministrazione del figlio Barack, era a quel tempo a capo delle sovvenzioni per l’Asia della fondazione.[51]

Dal maggio al novembre del 1986, e dall'agosto al novembre del 1987, la Dunham fu consulente per lo sviluppo delle cottage industries per l’Agricultural Development Bank of Pakistan (ADBP), all’interno del Gujranwala Integrated Rural Development Project (GADP).[42][48] La componente creditizia del progetto fu implementata nel distretto di Gujranwala nella provincia pakistana del Punjab, con fondi dell’Asian Development Bank e del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD), con la componente creditizia implementata attraverso la Louis Berger International, Inc.[42][48] La Dunham lavorò a stretto contatto con l’ufficio di Lahore della Punjab Small Industries Corporation (PSIC).[42][48]

Dal gennaio 1988 al 1995, fu consulente e coordinatrice di ricerca per la banca più antica dell'Indonesia, la Bank Rakyat Indonesia (BRI) a Giacarta, dove venne sussidiata dai fondi della USAID e della Banca Mondiale.[42][48] Nel marzo del 1993 fu coordinatrice delle politiche e della ricerca della Women's World Banking (WWB) a New York.[42] Aiutò la WWB a gestire l’Expert Group Meeting on Women and Finance tenutosi a New York nel gennaio del 1994, e l’aiutò ad assumere un ruolo incisivo nella 4ª Conferenza mondiale sulle donne delle Nazioni Unite (ONU) tenutasi a Pechino dal 4 al 15 settembre 1995, così come nelle conferenze regionali dell'ONU e nei forum delle organizzazioni non governative che la precedettero.[42]

Il 9 agosto 1992 le fu conferito il dottorato in antropologia dall’Università delle Hawaii sotto la supervisione della professoressa Alice G. Dewey, con una tesi di 1043 pagine[52] dal titolo Peasant blacksmithing in Indonesia: surviving against all odds (Fabbri contadini in Indonesia: sopravvivenza e prosperità contro ogni avversità).[53] L’antropologo Michael Dove definì la tesi “uno studio antropologico classico, approfondito e sul campo di un’industria vecchia 1200 anni”.[54] Secondo Dove, il lavoro della Dunham sfidò la percezione popolare dei gruppi economicamente e politicamente marginalizzati, e oppose la nozione che le origini della povertà fossero radicate nei poveri stessi e che le differenze culturali fossero responsabili del divario tra i Paesi meno sviluppati e l’Occidente industrializzato.[54] Nelle parole di Dove, la Dunham:

scoprì che gli abitanti del villaggio in Java Centrale che osservò condividevano molte delle stesse esigenze economiche, credenze e aspirazioni dei più capitalisti degli occidentali. Gli artigiani del villaggio erano "fortemente interessati al profitto", come scrisse, e l'imprenditoria era "in abbondante offerta nell'Indonesia rurale", essendo stata "parte della cultura tradizionale" del Paese per un millennio.

Sulla base di queste osservazioni, la Dottoressa Soetoro concluse che il sottosviluppo di queste comunità fosse il risultato di una scarsità di capitale, la cui distribuzione è questione politica e non culturale. I programmi contro la povertà che volessero ignorare questa realtà avrebbero, per assurdo, il potenziale di esacerbare l’ineguaglianza perché rafforzerebbero semplicemente il potere delle élite. Come scrisse nella sua tesi, “molti programmi governativi promuovono involontariamente la stratificazione canalizzando le risorse attraverso gli ufficiali del villaggio”, che utilizzerebbero poi i fondi per rafforzare ulteriormente il proprio status.[54]

Malattia e decesso[modifica | modifica wikitesto]

Verso la fine del 1994, la Dunham stava vivendo e lavorando in Indonesia. Un sera, a cena a casa di amici a Giacarta, avvertì un mal di stomaco che il medico locale diagnosticò inizialmente come indigestione.[17] La Dunham tornò negli Stati Uniti all’inizio del 1995 dove venne visitata al Memorial Sloan–Kettering Cancer Center di New York e dove le fu diagnosticato un cancro all’utero che a quel punto si era già diffuso alle ovaie.[21] Tornò di nuovo alle Hawaii per vivere con la madre vedova, e morì il 7 novembre 1995, 22 giorni prima del suo 53º compleanno.[36][55][56] Dopo la cerimonia funebre all’Università delle Hawaii, Obama e la sorella dispersero le ceneri della madre nell’Oceano Pacifico a Lanai Lookout, nel sud di Oahu. Nello stesso punto, Obama disperse le ceneri della nonna Madelyn Dunham il 23 dicembre 2008, qualche settimana dopo la sua elezione a presidente.[57]

Obama parlò della morte della madre in uno spot della sua campagna elettorale di 30 secondi intitolato Mother, per sostenere il bisogno di una riforma sanitaria. Lo spot mostrava un'immagine della Dunham con in braccio un giovane Obama, mentre l'Obama adulto parlava dei suoi ultimi giorni e delle preoccupazioni riguardanti gli alti costi sanitari[56], tema che tornò nuovamente in un suo discorso del 2007 a Santa Barbara[56]:

(EN)

«I remember my mother. When he died of uterine cancer he was 52, and do you know what he thought in the last days of his life? Not to be better, or to face one's mortality. She had been diagnosed during a transition period between two jobs, and was not sure that insurance would cover medical expenses because she could have considered it a pre-existing condition. I remember the pain I felt in seeing her fight between the cards, medical bills and insurance forms. I saw what it means when someone you love is suffering from a compromised health system, and it's wrong. It does not represent us as a people.»

(IT)

«Ricordo mia madre. Quando morì di cancro all'utero aveva 52 anni, e sapete a cosa pensò negli ultimi giorni della sua vita? Non a stare meglio, né ad affrontare la propria mortalità. Aveva ricevuto la diagnosi in un periodo di transizione tra due lavori, e non era certa che l’assicurazione avrebbe coperto le spese mediche perché avrebbe potuto considerarla una condizione preesistente. Mi ricordo il dolore che provai nel vederla combattere tra le carte, le fatture mediche e i moduli dell’assicurazione. Ho visto cosa significa quando qualcuno che ami si trova a soffrire per colpa di un sistema sanitario compromesso, ed è sbagliato. Non ci rappresenta come popolo.»

[56]

L'assicurazione sanitaria fornita dal datore di lavoro della Dunham coprì la maggior parte delle spese mediche, lasciandole la franchigia e le spese non coperte che ammontarono a diverse centinaia di dollari al mese.[58] L'assicurazione per l'invalidità fornita dal datore di lavoro rifiutò la sua richiesta di risarcimento delle spese non coperte perché il cancro fu considerato una condizione preesistente.[58]

Interesse postumo[modifica | modifica wikitesto]

Nel settembre del 2008 l'Università delle Hawaii tenne un simposio sulla Dunham.[59] Nel dicembre del 2009, la Duke University Press pubblicò una versione della sua tesi di dottorato intitolata Surviving against the Odds: Village Industry in Indonesia (Sopravvivere contro le avversità: le industrie di villaggio in Indonesia). Il libro fu rivisto e modificato dal suo relatore Alice G. Dewey e da Nancy I. Cooper, mentre la figlia Maya Soetoro-Ng ne scrisse la prefazione. Nella sua postfazione, l’antropologo dell’Università di Boston Robert W. Hefner descrive la ricerca della Dunham “preveggente” e il suo lascito "di rilievo attuale per l'antropologia, gli studi indonesiani e la engaged scholarship".[60] I libro fu lanciato al congresso annuale dell’American Anthropological Association a Filadelfia nel 2009 con un pannello presidenziale d’occasione sul lavoro della Dunham. L’evento fu registrato dalla televisione satellitare americana C-SPAN.[61]

Nel 2009 una mostra itinerante della collezione di batik giavanesi della Dunham dal titolo A Lady Found a Culture in its Cloth: Barack Obama's Mother and Indonesian Batiks (Una donna e una cultura in un tessuto: i batik indonesiani della madre di Barack Obama) fece il giro di sei musei degli Stati Uniti, con ultima tappa in agosto al Textile Museum di Washington D.C.[62] Da giovane la Dunham esplorò il suo interesse per le arti tessili creando lei stessa degli arazzi per puro piacere personale. Quando si trasferì in Indonesia venne attratta dalla straordinaria arte del batik e iniziò a collezionare una varietà di tessuti.[63]

Nel dicembre del 2010 le venne conferito il Bintang Jasa Utama, l'onorificenza civile più alta dell'Indonesia. Il Bintang Jasa viene conferito a tre livelli e sulla base dei notevoli contributi civili e culturali dell’individuo.[64]

Nel 2011 venne pubblicata una lunga e importante biografia dal titolo A Singular Woman, scritta dall’ex giornalista del New York Times Janny Scott.

La Fondazione dell'Università delle Hawaii creò l'Ann Dunham Soetoro Endowment per supportare posizioni di lavoro all'interno del Dipartimento di antropologia dell’Università delle Hawaii a Manoa, e l’Ann Dunham Soetoro Graduate Fellowship, che fornisce finanziamenti a studenti associati con l’East-West Center di Honolulu, Hawaii.[6]

Nel 2010 venne istituita la Stanley Ann Dunham Scholarship, borsa di studio per giovani laureande della Mercer Island High School, l’Alma Mater di Ann. Nei primi 6 anni dalla sua creazione, il fondo elargì 11 borse.[65]

Il 21 gennaio del 2012 il Presidente Obama visitò con la famiglia una mostra sul lavoro antropologico della madre esposto all'East-West Center.[66]

Il lungometraggio biografico della regista Vivian Norris intitolato Obama Mama (titolo francese, La mère d'Obama) venne mostrato in anteprima il 31 maggio 2014 al 40° Seattle International Film Festival, non distante da Mercer Island dove crebbe la Dunham.[67]

Religione e convinzioni personali[modifica | modifica wikitesto]

«Sentiva che in qualche modo, percorrendo un territorio inesplorato, fosse possibile imbattersi in qualcosa che, in un istante, potesse rappresentare la nostra vera essenza. Questa fu in sostanza la sua filosofia di vita: non farsi limitare dalla paura o da definizioni restrittive, non costruirsi mura attorno e fare del proprio meglio per trovare affinità e bellezza in luoghi inaspettati.»

(Maya Soetoro-Ng)

Nella sua autobiografia del 1995 I sogni di mio padre. Un racconto sulla razza e l'eredità (Dreams from My Father) Barack Obama scrisse: "la fiducia di mia madre in virtù come l'onestà, il parlare chiaro, l'indipendenza di giudizio dipendeva da una fede che io non possedevo… In una terra [l’Indonesia] in cui il fatalismo era uno strumento necessario per sopportare le difficoltà lei era la testimone solitaria dell’umanesimo secolare, un soldato del liberalismo rappresentato dal New Deal e dai Peace Corps"[68]. Nel suo libro del 2006 L'audacia della speranza (The Audacity of Hope) Obama scrisse: "Non fui cresciuto in una famiglia religiosa… Le esperienze personali di mia madre… non fecero altro che rafforzare questo scetticismo ereditato. I ricordi che aveva dei Cristiani che popolarono la sua gioventù non erano particolarmente piacevoli… Eppure, nonostante il suo secolarismo professo, mia madre fu per molti versi la persona dalla spiritualità più vivida che abbia mai conosciuto".[69] La religione per lei fu solo “uno dei tanti modi, e non necessariamente il migliore, con cui l’uomo cerca di controllare l’inconoscibile e comprendere le verità più profonde della propria esistenza”, scrisse.[70]

La migliore amica di Obama alle scuole superiori, Maxine Box, disse che la Dunham "si definiva un'ateista, un tema di cui aveva letto e di cui poteva discutere. Metteva continuamente in discussione, argomentava, confrontava. Rifletteva già a cose cui nessuno di noi aveva ancora pensato".[7][71] Interrogata sull’ateismo della madre, la figlia Maya Soetoro-Ng disse invece: "Non l'avrei definita un'ateista. Era agnostica. Ci passò in pratica tutti i grandi libri - la Bibbia, le Upaniṣad induiste, le scritture Buddhiste, il Daodejing - perché ci rendessimo conto che in ciascuno di loro c’è qualcosa di bello".[35] "Riteneva che Gesù fosse un esempio meraviglioso, ma che molti cristiani si comportassero in maniera non cristiana".[70]

In un discorso del 2007, Obama mise a confronto le credenze della madre con quelle dei nonni materni, e disse della sua spiritualità e scetticismo: “Mia madre, i cui genitori erano dei battisti e metodisti non praticanti, fu una delle persone più spirituali che io abbia mai conosciuto, ma possedeva un sano scetticismo verso la religione in quanto istituzione”.[17]

Obama descrisse successivamente così le proprie credenze personali in relazione all'educazione religiosa della madre e del padre:

"Mio padre nacque in Kenya e molte persone del suo villaggio erano Musulmane. Non praticò l'Islam, e a dire il vero non fu mai molto religioso. Incontrò mia madre, una cristiana del Kansas, si sposarono e poi divorziarono. Io fui cresciuto da mia madre, per cui sono sempre stato cristiano. L'unico legame che possiedo con l'Islam è che mio nonno paterno proveniva da quel Paese. Ma io non ho mai praticato l'Islam".[72]

Scritti[modifica | modifica wikitesto]

  • Dunham, S Ann (1982). Civil rights of working Indonesian women [I diritti civili delle donne lavoratrici indonesiane] (in inglese). OCLC 428080409.
  • Dunham, S Ann (1982). The effects of industrialization on women workers in Indonesia [Gli effetti dell'indistralizzazione sulle donne lavoratrici dell'Indonesia] (in inglese). OCLC 428078083.
  • Dunham, S Ann (1982). Women's work in village industries on Java [Il lavoro delle donne nelle industrie di villaggio di Giava] (in inglese). OCLC 663711102.
  • Dunham, S Ann (1983). Women's economic activities in North Coast fishing communities: background for a proposal from PPA [Attività economiche delle donne nelle comunità pescatrici della North Coast: argomenti per una proposta dal PPA] (in inglese). OCLC 428080414.
  • Dunham, S Ann; Haryanto, Roes (1990). BRI Briefing Booklet: KUPEDES Development Impact Survey [Libretto informativo della BRI: indagine d'impatto sullo sviluppo del KUPEDES] (in inglese). Jakarta: Bank Rakyat Indonesia.
  • Dunham, S Ann (1992). Peasant blacksmithing in Indonesia: surviving against all odds [Fabbri contadini in Indonesia: sopravvivenza e prosperità contro ogni avversità] (tesi di dottorato, in inglese). Honolulu: University of Hawaii at Manoa. OCLC 608906279, 607863728, 221709485.
  • Dunham, S Ann; Liputo, Yuliani; Prabantoro, Andityas (2008). Pendekar-pendekar besi Nusantara: kajian antropologi tentang pandai besi tradisional di Indonesia [Fabbri contadini dell'arcipelago di ferro: studio antropologico del fabbro tradizionale in Indonesia] (in indonesiano). Bandung, Indonesia: Mizan. ISBN 9789794335345. OCLC 778260082.
  • Dunham, S Ann (2010) [2009]. Dewey, Alice G; Cooper, Nancy I, eds. Surviving against the odds: village industry in Indonesia [Sopravvivere contro le avversità: le industrie di villaggio in Indonesia] (in inglese). Prefazione di Maya Soetoro-Ng; postfazione di Robert W. Hefner. Durham, NC: Duke University Press. ISBN 9780822346876. OCLC 492379459, 652066335.
  • Dunham, S Ann; Ghildyal, Anita (2012). Ann Dunham's legacy: a collection of Indonesian batik [L'eredità di Ann Dunham: una collezione di batik indonesiani] (in inglese). Kuala Lumpur, Malaysia: Islamic Arts Museum Malaysia. ISBN 9789834469672. OCLC 809731662.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ S. Ann Dunham – Surviving against the Odds: Village Industry in Indonesia, su dukeupress.edu.
  2. ^ a b c Scott (2011), p. 6:

    Anyone writing about Dunham's life must address the question of what to call her. She was Stanley Ann Dunham at birth and Stanley Ann as a child, but dropped the Stanley upon graduating from high school. She was Ann Dunham, then Ann Obama, then Ann Soetoro until her second divorce. Then she kept her husband's name but modernized the spelling to Sutoro. In the early 1980s, she was Ann Sutoro, Ann Dunham Sutoro, S. Ann Dunham Sutoro. In conversation, Indonesians who worked with her in the late 1980s and early 1990s referred to her as Ann Dunham, putting the emphasis on the second syllable of the surname. Toward the end of her life, she signed her dissertation S. Ann Dunham and official correspondence (Stanley) Ann Dunham.

    p. 363:

    modernized the spelling: The spelling of certain Indonesian words changed after Indonesia gained its independence from the Dutch in 1949, and again under a 1972 agreement between Indonesia and Malaysia... Names containing oe,... are now often spelled with a u... However, older spellings are still used in some personal names... After her divorce from Lolo Soetoro, Ann Dunham kept his last name for a number of years while she was still working in Indonesia, but she changed the spelling to Sutoro. Their daughter, Maya Soetoro-Ng, chose to keep the traditional spelling of her Indonesian surname.

  3. ^ Scott (2011), p. 108.
  4. ^ Il dipartimento di antropologia dell'Università delle Hawaii a Manoa dichiara che la Dunham conseguì la laurea in antropologia nell'agosto del 1967. Si trovano diversi riferimenti alla sua laurea in antropologia del 1967 anche nella corrispondenza tra S. Ann Soetoro e l'Immigration and Naturalization Service (INS) nello stesso periodo.
  5. ^ a b c d Dewey, Alice; White, Geoffrey (novembre 2008). "Ann Dunham: a personal reflection". Anthropology News. 49 (8): 20. doi:10.1111/an.2008.49.8.20. Archiviato dall'originale il 10 giugno 2010. Ripreso il 23 agosto 2009. Ristampato da: - "Spotlight on Alumni: EWC Alumna Ann Dunham— Mother to President Obama and Champion of Women's Rights and Economic Justice". Honolulu, HI: East–West Center. 2008-12-09. Archiviato dall'originale il 12 ottobre 2012. Ripreso il 9 marzo 2013.
  6. ^ a b The Ann Dunham Soetoro Endowed Fund, su uhfoundation.org. URL consultato il 2 gennaio 2012.
  7. ^ a b c d e Jones, Tim, Barack Obama: mother not just a girl from Kansas; Stanley Ann Dunham shaped a future senator, in Chicago Tribune, 27 marzo 2007, p. 1 (Tempo). URL consultato il 16 febbraio 2009 (archiviato il 2 aprile 2012). Video: Reflections on Obama's mother (02:34), su Chicago Tribune, 27 marzo 2007. URL consultato il 16 febbraio 2009 (archiviato il 29 marzo 2009). Video: Jim Wichterman reflects on his former student (02:03), su Chicago Tribune, 27 marzo 2007. URL consultato il 16 febbraio 2009 (archiviato il 29 marzo 2009). Video: She changed his diapers (01:02), su Chicago Tribune, 27 marzo 2007. URL consultato il 16 febbraio 2009 (archiviato il 30 marzo 2009).
  8. ^ Susan Peters, President Obama: from Kansas to the capital, part II (video at videosurf.com), in KAKE 10 News (ABC) (Wichita), 27 gennaio 2009. URL consultato il 12 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 6 maggio 2010).
  9. ^ Partial ancestor table: President Barack Hussein Obama, Jr. (PDF), Boston, New England Historic Genealogical Society, 2009. URL consultato l'11 giugno 2009.[collegamento interrotto] Peters, Susan, President Obama: from Kansas to the capital (Wichita), KAKE 10 News (ABC), 27 gennaio 2009. URL consultato il 29 luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2009).
  10. ^ Smolenyak, Megan Smolenyak, The quest for Obama's Irish roots, in Ancestry, vol. 26, nº 6, novembre–dicembre 2008, pp. 46–47, 49, ISSN 1075-475X (WC · ACNP). URL consultato il 20 dicembre 2011. Smolenyak, Megan, Tracing Barack Obama's Roots to Moneygall, in The Huffington Post, 9 maggio 2011. URL consultato il 19 maggio 2011. Rising, David; Noelting, Christoph (Associated Press), Researchers: Obama has German roots, USAToday.com, 4 giugno 2009. URL consultato il 13 maggio 2010. Brian Hutton e Matthew Nickerson, For sure, Obama's South Side Irish; One of his roots traces back to small village (paid archive), in Chicago Sun-Times, Press Association of Ireland, 3 maggio 2007, p. 3. URL consultato il 24 novembre 2008. Formato sconosciuto: paid archive (aiuto) Jordon, Mary, Tiny Irish village is latest place to claim Obama as its own, in The Washington Post, 13 maggio 2007, p. A14. URL consultato il 13 maggio 2007. David Williamson, Wales link in US presidential candidate's past, in www.walesonline.co.uk, 5 luglio 2008. URL consultato il 30 aprile 2011 (archiviato il 21 maggio 2011).
  11. ^ Boston Genealogical Society Confirms Obama and "Wild Bill" Hickok Are Cousins New England Historic Genealogical Society, 2008-07-30.
  12. ^ Press Release: Ancestry.com Discovers President Obama Related to First Documented Slave in America: Research Connects First African-American President to First African Slave in the American Colonies.
  13. ^ Harman, Anastasia; Cottrill, Natalie D., Documenting President Barack Obama's Maternal African-American Ancestry:Tracing His Mother's Bunch Ancestry to the First Slave in America (PDF), Ancestry.com, 15 luglio 2012.
    «Most people will be surprised to learn that U.S. President Barack Obama has African-American ancestry through his mother.».
  14. ^ a b Scott Fornek e Greg Good, The Obama family tree (PDF), in Chicago Sun-Times, 9 settembre 2007, p. 2B. URL consultato il 13 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 25 giugno 2008).
  15. ^ Nakaso, Dan, Barack Obama's grandma, 86, dies of cancer before election, in The Honolulu Advertiser, 4 novembre 2008. URL consultato il 13 febbraio 2009. Nakaso, Dan, Day, time of Dunham death clarified, in The Honolulu Advertiser, 11 novembre 2008. URL consultato il 13 febbraio 2009.
  16. ^ Scott (2011), pp. 41–42. Maraniss (2012), p. 68:

    A woman named Stanley: "Madelyn thought that was the height of sophistication!" recalled her brother Charles Payne, and the notion of giving her baby girl that name took hold. The coincidence that her husband was also Stanley only deepened the association.

  17. ^ a b c d e Ripley, Amanda, The story of Barack Obama's mother, in Time, 9 aprile 2008. URL consultato il 27 agosto 2009 (archiviato il 2 aprile 2012). Ripley, Amanda, A mother's story, in Time, vol. 171, nº 16, 21 aprile 2008, pp. 36–40, 42.
  18. ^ Jones 2007. Vedi anche: Obama's grandparents, mother lived in Oklahoma (Tulsa), KOTV 6 News (CBS), 8 febbraio 2009. URL consultato il 30 dicembre 2010. Anche: Stewart, Linda, 'Connections everywhere': Barack Obama's mother spent time in Vernon as child, in Times Record News (Wichita Falls), 15 febbraio 2009. URL consultato il 29 gennaio 2011.
  19. ^ a b (EN) Dougherty, Phil, Stanley Ann Dunham, mother of Barack Obama, graduates from Mercer Island High School in 1960, HistoryLink.org, Seattle, 7 febbraio 2009. URL consultato il 13 febbraio 2009.
  20. ^ Obama, Barack, Dreams from my father: a story of race and inheritance, New York, Three Rivers Press, 2004 [1995], p. 9, ISBN 1-4000-8277-3.Mendell (2007), p. 27. Glauberman, Stu e Burris, Jerry, The dream begins: how Hawai'i shaped Barack Obama, Honolulu, Watermark Publishing, 2008, p. 25, ISBN 0-9815086-8-5. Jacobs, Sally, A father's charm, absence; friends recall Barack Obama Sr. as a self-confident, complex dreamer whose promising life ended in tragedy, in The Boston Globe, 21 settembre 2008, p. 1A. URL consultato il 5 dicembre 2008.
  21. ^ a b c d e Maraniss, David, Though Obama had to leave to find himself, it is Hawaii that made his rise possible, in Washington Post, 22 agosto 2008. URL consultato il 5 dicembre 2008. (online) Maraniss, David, Though Obama had to leave to find himself, it is Hawaii that made his rise possible, in The Washington Post, 24 agosto 2008, p. A22. (print)
  22. ^ a b Meacham, Jon, On his own, newsweek.com, 23 agosto 2008. URL consultato il 27 luglio 2010 (archiviato il 23 luglio 2010). (online) Meacham, Jon, On his own, in Newsweek, vol. 152, nº 9, 1º settembre 2008, pp. 26–36. ("Special Democratic Convention issue") (stampa)
  23. ^ Oywa, John, Keziah Obama: My life with Obama Senior, in The Standard (Kenya).
    «in keeping with the Luo customs, Obama Senior sought her consent to take another wife, which she granted.».
  24. ^ Henig, Jess; Miller, Joe, Born in the U.S.A., FactCheck.org, Washington, D.C., 21 agosto 2008. URL consultato il 24 ottobre 2008 (archiviato dall'url originale il 25 ottobre 2008).
  25. ^ (EN) Nicole Brodeur, Memories of Obama's mother, in The Seattle Times, 5 febbraio 2008, p. B1. URL consultato il 13 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2009).
    «Box last saw her friend in 1961, when she visited Seattle...».
  26. ^ a b Martin, Jonathan, Obama's mother known here as "uncommon", in The Seattle Times, 8 aprile 2008, p. A1. URL consultato il 13 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 7 febbraio 2009).Sulla sua visita del 1961 a Washington: "Susan Blake,[Botkin] another high-school classmate, said that during a brief visit in 1961, Dunham was excited about her husband's plans to return to Kenya." Sulla sua iscrizione all'Università di Washington: "By 1962, Dunham had returned to Seattle as a single mother, enrolling in the UW for spring quarter and living in an apartment on Capitol Hill."
  27. ^ Rick Montgomery, Barack Obama's mother wasn't just a girl from Kansas, in The Kansas City Star, 26 maggio 2008. URL consultato il 13 febbraio 2009.
    «But all doubts dissipated when she passed through Mercer Island in 1961 with her month-old son.».
  28. ^ Video: She changed his diapers (01:02), su Chicago Tribune, 27 marzo 2007. URL consultato il 16 febbraio 2009 (archiviato il 30 marzo 2009). Susan Blake [Botkin] (compagna di Stanley Ann Dunham al college)
  29. ^ Ad un certo punto diede ai suoi vecchi amici l'impressione che stesse per andare a far visita al marito ad Harvard, dove non si sarebbe iscritto fino all'autunno del 1962. Vedi Maraniss, 22 agosto 2008.
  30. ^ Charlette LeFevre, Barack Obama: from Capitol Hill to Capitol Hill, in Capitol Hill Times, 9 gennaio 2009. URL consultato il 9 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 9 marzo 2013).
    «A single mother who enrolled in the University of Washington in 1961 and signed up for 1962 extension program, she likely came across many social prejudices in the predominantly all-white campus ... Recently located was a listing for Stanley Ann Obama in the 1961 Polk directory at the Seattle Public Library.».
  31. ^ LeFevre, Charlette; Lipson, Philip, Baby sitting Barack Obama on Seattle's Capitol Hill, Seattle Museum of the Mysteries, 2009-02-06 a p. 3 del Seattle Gay News, 28 gennaio 2009. URL consultato il 13 febbraio 2009 (archiviato il 30 marzo 2009). LeFevre e Lipson scrivono:

    Mary Toutonghi ... recalls as best she can the dates she baby sat Barack as her daughter was 18 months old and was born in July of 1959 and that would have placed the months of babysitting Barack in January and February of 1962 ... Anna was taking night classes at the University of Washington, and according to the University of Washington's registrar's office her major was listed as history. She was enrolled at the University of Washington in the fall of 1961, took a full course load in the spring of 1962 and had her transcript transferred to the University of Hawaii in the fall of 1962. Along with the Seattle Polk Directory, Marc Leavipp of the University of Washington Registrar's office confirms 516 13th Ave. E. was the address Ann Dunham had given upon registering at the University.

    Sia Anna Obama che Joseph Toutonghi risultano registrati allo stesso indirizzo nella Seattle Reverse Directory, 1961–1962. Vedi:

    Dougherty, Phil, Stanley Ann Dunham, mother of Barack Obama, graduates from Mercer Island High School in 1960, Seattle, HistoryLink.org, 7 febbraio 2009. URL consultato il 13 febbraio 2009.

  32. ^ (EN) Jenny Neyman, Obama baby sitter awaits new era—Soldotna woman eager for former charge's reign, in Redoubt Reporter, 20 gennaio 2009. URL consultato il 13 febbraio 2009.
  33. ^ Una fonte afferma che la borsa fosse per la New York University: Meacham, Jon, On his own, in Newsweek, 23 agosto 2008. URL consultato il 14 novembre 2008.; altri sostengono fosse per la New School for Social Research: Maraniss, David, Though Obama had to leave to find himself, it is Hawaii that made his rise possible, in The Washington Post, 22 agosto 2008. URL consultato il 14 novembre 2008. Ripley, Amanda, The story of Barack Obama's mother, in Time, 9 aprile 2008. URL consultato il 13 febbraio 2009 (archiviato il 9 febbraio 2009).
  34. ^ Harvard alumni directory, vol. 1, 17th, Boston, Harvard Alumni Association, 1986.
  35. ^ a b (EN) Deborah Solomon, Questions for Maya Soetoro-Ng: All in the family, in The New York Times Magazine, 20 gennaio 2008, p. 17. URL consultato il 13 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 12 febbraio 2009).
  36. ^ a b c d (EN) Janny Scott, A free-spirited wanderer who set Obama's path, in The New York Times, 14 marzo 2008, p. A1. URL consultato il 13 febbraio 2009.
  37. ^ Nakaso, Dan, Obama's mother's work focus of UH seminar, in The Honolulu Advertiser, 12 settembre 2008, p. 1A. URL consultato il 10 maggio 2011 (archiviato il 12 ottobre 2011).(ID) Habib, Ridlawn, Kalau ke Jogja, Barry bisa habiskan seekor ayam baceman (If traveling to Yogyakarta, Barry can eat one whole chicken), in Jawa Pos (Surabya), 11 novembre 2008. URL consultato il 10 maggio 2011. Traduzione italiana da Google Translate. Scott, Janny, A singular woman: the untold story of Barack Obama's mother, New York, Riverhead Books, 2011, p. 113, ISBN 1-59448-797-9.
    «When Lolo completed his military service, Trisulo, who was married to Lolo's sister, Soewardinah, used his contacts with foreign oil companies doing business in Indonesia, he told me, to help Lolo get a job in the Jakarta office of the Union Oil Company of California.».
  38. ^ (EN) Andrew Higgins, Catholic school in Indonesia seeks recognition for its role in Obama's life, in The Washington Post, 9 aprile 2010, p. A1. URL consultato il 1º gennaio 2011.
  39. ^ (EN) Norimitsu Onishi, Obama visits a nation that knew him as Barry, in The New York Times, 9 novembre 2010, p. A14. URL consultato il 1º gennaio 2011.
  40. ^ Mendell (2007), p. 36.
  41. ^ Carlyn Tani, A kid called Barry: Barack Obama '79, in Punahou Bulletin, primavera 2007. URL consultato il 1º aprile 2008 (archiviato dall'url originale il 27 maggio 2010).
  42. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p S. Ann Dunham, Tentang penulis (Sull'autore), in Pendekar-pendekar besi Nusantara: kajian antropologi tentang pandai besi tradisional di Indonesia (Fabbri contadini dell'arcipelago di ferro: studio antropologico del fabbro tradizionale in Indonesia), Bandung, Mizan, 2008, pp. 211–219, ISBN 978-979-433-534-5.
  43. ^ a b Dunham, S. Ann, Dewey, Alice G. e Cooper, Nancy I., January 8, 1976 letter from Ann Dunham Soetoro (Jl. Polowijan 3, Kraton, Yogyakarta) to Prof. Alice G. Dewey (Univ. of Hawaii, Honolulu), in Surviving against the odds: village industry in Indonesia, Durham, N.C., Duke University Press, 2009, pp. xli–xliv, ISBN 0-8223-4687-7.

    Actually I had hoped to move to Jogja at midyear, but was unable to win a contract release from my old school in Jakarta (they sponsored me via an Asia Foundation grant for my first two years in Hawaii). As it turns out, however, I had plenty to do to keep me busy in W. Java, and was able to carry out reasonably complete surveys of 3 village areas within radius of Jakarta.

    At present I am staying with my mother-in-law on the corner of Taman Sari inside the Benteng, but according to old law foreigners are not allowed to live inside the Benteng. I had to get a special dispensation from the kraton on the grounds that I am "djaga-ing" my mother-in-law (she is 76 and strong as a horse but manages to look nice and frail). In June I am having Barry come over for the summer, however, and will probably need to find another place, since I don't think I can stretch an excuse and say we are both needed to djaga my mother-in-law.

  44. ^ Mendell (2007), p. 43.
  45. ^ (ID) Ridlawn Habib, Keluarga besar Lolo Soetoro, kerabat dekat calon Presiden Amerika di Jakarta (La famiglia estesa di Lolo Soetoro, parenti stretti del candidato presidenziale americano a Jakarta), in Jawa Pos, 6 novembre 2008. URL consultato il 1º gennaio 2011.
  46. ^ Denis Staunton, Easy-going youth who put passion into politics, in The Irish Times, 6 novembre 2008, p. 51. URL consultato il 21 agosto 2009.
  47. ^ Emma Van Dam, Exploring the 'real' Indonesia with the Heritage Society, in The Jakarta Post, 28 settembre 2009. URL consultato il 1º gennaio 2011.
  48. ^ a b c d e f g h Dunham, S. Ann, Appendix. Other projects undertaken by the author related to the present research, in Dewey, Alice G., Cooper, Nancy I. (a cura di), Surviving against the odds: village industry in Indonesia, Durham, N.C., Duke University Press, 2009, pp. 299–301, ISBN 0-8223-4687-7.
  49. ^ Sutoro, Ann Dunham e Haryanto, Roes, BRI briefing booklet: KUPEDES development impact survey, Giacarta, Bank Rakyat Indonesia, 1990.
  50. ^ (EN) Judith Kampfner, Dreams from my mother, in BBC World Service (Londra), 15 settembre 2009. URL consultato il 16 febbraio 2010.
  51. ^ (EN) Ian Wilhelm, Ford Foundation links parents of Obama and Treasury secretary nominee, in The Chronicle of Philanthropy, 3 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale l'11 dicembre 2008).
  52. ^ Scott (2011), p. 292.
  53. ^ S. Ann Dunham, Peasant blacksmithing in Indonesia : surviving against all odds, Honolulu, University of Hawaii, 1992.
  54. ^ a b c (EN) Michael R. Dove, Dreams from his mother, in The New York Times, 11 agosto 2009, p. A21. URL consultato l'11 agosto 2009.
  55. ^ (EN) Kim Chipman, Obama drive gets inspiration from his white mom born in Kansas, in Bloomberg.com, 11 febbraio 2008. URL consultato l'11 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 16 gennaio 2008).
  56. ^ a b c d (EN) John McCormick, Obama's mother in new ad, in Chicago Tribune, 21 settembre 2007, p. 3. URL consultato il 17 gennaio 2008.
  57. ^ Obama bids farewell to grandmother (photo gallery), in New York Post, 24 dicembre 2008. URL consultato il 25 dicembre 2008.
  58. ^ a b Scott (2011), pp. 328–336. Ann Gerhart, Obama's mother had health insurance, according to biography, in The Washington Post, 14 luglio 2011. URL consultato il 2 giugno 2012.
  59. ^ (EN) Susan Essoyan, A woman of the people: a symposium recalls the efforts of Stanley Ann Dunham to aid the poor, in Honolulu Star-Bulletin, 18 settembre 2008. URL consultato il 5 novembre 2008 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2008).
  60. ^ Office of News & Communications, Book by President Barack Obama's mother to be published by Duke University Press (Durham, NC, USA), Duke University, 4 maggio 2009. URL consultato il 9 marzo 2013 (archiviato il 6 agosto 2012).Vedi anche: Details: Surviving against the odds: village industry in Indonesia by S. Ann Dunham, Durham, N.C., Duke University Press, 2009. URL consultato il 22 agosto 2009 (archiviato dall'url originale il 23 marzo 2010).
  61. ^ C-SPAN airs 2009 presidential session on S. Ann Dunham, Arlington, Va., American Anthropological Association, 16 dicembre 2009. URL consultato il 10 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 13 giugno 2010). American Anthropological Association – 108th annual meeting – Philadelphia, Panel on Ann Dunham's "Surviving against the odds: village industry in Indonesia" (video 1:57:18), Washington, D.C., Book TV, 3 dicembre 2009. URL consultato il 5 aprile 2015.
  62. ^ (EN) Ruth McCann, Cut from Obama's mother's cloth, in The Washington Post, 8 agosto 2009, p. C1. URL consultato il 22 agosto 2009.
  63. ^ Previous exhibitions: A lady found a culture in its cloth: Barack Obama's mother and Indonesian batiks, August 9–23, 2009, Textile Museum, Washington, D.C., 2009. URL consultato il 6 settembre 2009 (archiviato dall'url originale l'11 agosto 2009).
  64. ^ Wisdom 2010 Yogyakarta, Indonesia, su tourjogja.com. URL consultato il 28 febbraio 2012.
  65. ^ (EN) The Stanley Ann Dunham Scholarship Fund, su stanleyanndunhamfund.com. URL consultato l'8 settembre 2017.
  66. ^ (EN) Scenes from Hawaii, Part II, mrs-o.org, 3 gennaio 2012. URL consultato il 6 febbraio 2012.
  67. ^ Obama Mama, Seattle International Film Festival. URL consultato il 19 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 17 febbraio 2015).
  68. ^ (EN) Hank De Zutter, What makes Obama run?, in Chicago Reader, 8 dicembre 1995. URL consultato il 1º aprile 2008 (archiviato dall'url originale il 2 maggio 2008).
  69. ^ (EN) Barack Obama, Book excerpt (from The Audacity of Hope), in Time, 15 ottobre 2006. URL consultato il 28 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 14 marzo 2008).
  70. ^ a b (EN) Ariel Sabar, Barack Obama: Putting faith out front, in The Christian Science Monitor, 16 luglio 2007, p. 1. URL consultato il 1º giugno 2008 (archiviato dall'url originale il 3 luglio 2008).
  71. ^ (EN) Tim Jones, Family portraits - Strong personalities shaped a future senator, Barack Obama, in Chicago Tribune, 27 marzo 2007.
  72. ^ Anburajan, Aswini, Obama asked about connection to Islam, su First Read, msnbc.com, 22 dicembre 2007. URL consultato il 28 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2008). Saul, Michael, I'm no Muslim, says Barack Obama, in New York Daily News, 22 dicembre 2007. URL consultato il 28 febbraio 2008.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN46650564 · ISNI (EN0000 0000 7781 4994 · LCCN (ENnr95009198 · GND (DE140758690 · BNF (FRcb16197379t (data) · NLA (EN48864372