Animale da compagnia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un animale da compagnia è un animale con il quale gli umani convivono per compagnia.

Anche se in teoria qualunque animale può far compagnia agli esseri umani, in pratica la maggior parte degli animali da compagnia appartengono a un ristretto numero di specie, preferite per il loro aspetto o per il comportamento. Si contrappongono idealmente agli animali da reddito, raggruppamento che comprende tutti quelli che, a partire dai primordiali utilizzi nella pastorizia, hanno un'utilità di tipo produttivo (carne, latte, lana, eccetera).

I cani e i gatti sono certamente gli animali da compagnia più diffusi, e in generale i mammiferi, insieme agli uccelli e ai pesci, i quali, presuppongono attrezzature specifiche. Fanno parte degli animali da compagnia anche numerose specie di rettili (dalle più comuni tartarughe ai serpenti e alle iguane), alcuni tipi di anfibi e, più raramente, anche artropodi come ragni e scorpioni.

Tipologia[modifica | modifica wikitesto]

Mammiferi[modifica | modifica wikitesto]

Uccelli[modifica | modifica wikitesto]

Rettili[modifica | modifica wikitesto]

Anfibi[modifica | modifica wikitesto]

Pesci[modifica | modifica wikitesto]

Vedi:

Artropodi[modifica | modifica wikitesto]

Tutela nel mondo[modifica | modifica wikitesto]

Italia[modifica | modifica wikitesto]

In Italia le norme principali che riguardano gli animali d'affezione sono la Legge 14 agosto 1991, n. 281 e la Legge 20 luglio 2004, n. 189 in materia di Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate.

Inoltre la Legge 11 dicembre 2012, n. 220, articolo 16, in materia di "Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici." ha modificato l'articolo 1138 del codice civile italiano decretando che le norme del regolamento condominiale non possono vietare di possedere o detenere animali domestici.[1]

La definizione di una specie come "animale da affezione" comporta il vietarne l'abbandono, la produzione e macellazione, l’importazione e l’esportazione a fini alimentari, il trasporto e stoccaggio, la vendita e il consumo; l’utilizzazione in spettacoli o manifestazioni pericolose o degradanti; l'obbligo di assicurare la tracciabilità -e riconducibilità all'efettivo proprietario- lungo tutta la filiera attraverso interventi sull’anagrafe.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Animali in condominio dal sito della Lega Anti Vivisezione

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]