Anggun

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Anggun
Serge Atlaoui - Anggun Paris 2015 a.jpg
Anggun nel 2015
NazionalitàIndonesia Indonesia
Francia Francia
GenerePop
Musica etnica
Periodo di attività musicale1986 – in attività
EtichettaApril Heart Records, Warner Music Group, Columbia Records, Sony Music Entertainment
Album pubblicati13
Studio12
Live0
Raccolte1
[! Sito ufficiale]

Anggun Cipta Sasmi (Giacarta, 29 aprile 1974) è una cantautrice indonesiana naturalizzata francese.

Nel corso della sua carriera ha cantato in indonesiano, francese, inglese (tutte lingue che padroneggia con grande facilità) e anche in italiano. Il suo più grande successo è il brano Snow on the Sahara (1997), che ha scalato le classifiche di molte nazioni asiatiche, europee e anche americane. L'omonimo album da cui è tratto il singolo è stato invece premiato con numerosi dischi d'oro e di platino.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia di Darto Singo, famoso cantante e produttore indonesiano, Anggun ha iniziato a seguire le orme del padre a soli sette anni, incidendo il primo album due anni più tardi. A soli 17 anni era già una delle maggiori star indonesiane, grazie anche al forte appoggio economico paterno, e a 19 anni decise di lasciare il Paese natìo per cercare il successo in Europa.

Dopo un periodo di permanenza a Londra, si recò a Parigi, dove incontrò Erick Benzi che, apprezzando il suo talento, le propose di incidere un album. Benzi la convinse ad abbandonare le sue origini rock per sperimentare uno stile più romantico e sensuale: il discografico chiamò quindi uno dei principali giovani compositori di sua conoscenza, il frontman e leader dei già famosi Hooverphonic, Alex Callier, per scriverle dieci brani da inserire in un disco.

Nacque così l'album Snow on the Sahara, che ottenne subito un grande successo sia in Francia sia nella nativa Indonesia, e successivamente in gran parte del mondo. Al momento dell'uscita e per ragioni commerciali, Anggun incise sia in inglese che in francese, dando alla luce quindi due versioni di ciascun album. Anche il secondo, Chrysalis, ottenne un buon successo internazionale, pur non arrivando comunque ai milioni di copie vendute del precedente.

Il singolo Snow on the Sahara diventò una hit internazionale nel 1997, rendendo Anggun la prima cantante asiatica ad avere successo a livello internazionale. L'album arrivò a vendere oltre un milione di copie solo tra Europa e Indonesia, ed è ancora oggi il maggior successo della storia per un cantante asiatico fuori dal proprio continente. Nel 2000 si esibì di fronte a papa Giovanni Paolo II nel Concerto di Natale cantando Have Yourself A Merry Little Christmas.

Nel 2003 Anggun duettò con Piero Pelù in Amore immaginato, brano che mantenne le prime posizioni nelle classifiche italiane per più di due mesi. Successivamente Anggun prese parte al progetto a sfondo benefico "Gaia". Nel 2005 arrivò un nuovo album, intitolato Luminescence il quale, a differenza dei precedenti, presenta lo stesso titolo sia in inglese che in francese. Nella versione francese si trova il brano Être Une Femme, girato a Barcellona e trasmesso dalla televisione francese alla fine del 2004.

Il 16 ottobre 2009 Anggun è stata nominata Ambasciatrice di buona volontà dell'Organizzazione per l'Alimentazione e l'Agricoltura delle Nazioni Unite (FAO)[1].

Il 26 giugno 2011, in occasione della nomina di José Graziano Da Silva come Direttore Generale della FAO, ha realizzato un video appello per ActionAid Italia per promuovere il lavoro delle donne nell'agricoltura. L'anno successivo ha cantato all'Earth Day 2012 in Italia, tenutosi al Palapartenope di Napoli il 22 aprile.[2] Scelta da France 3, ha rappresentato la Francia all'Eurovision Song Contest 2012 a Baku con il brano Echo (You and I), classificandosi ventiduesima.[3]

Nel 2016 la collaborazione con il gruppo Enigma per l'ottavo album The Fall of a Rebel Angel, uscito 11 novembre, vede Anggun come prima voce nelle seguenti canzoni: Mother, Sadeness (Part II) e Oxygen Red.

Nel settembre 2016 ha ricevuto le chiavi della città di Firenze.[4]

Anticipato dal singolo What We Remember, nel dicembre 2017 ha pubblicato il suo ottavo album internazionale, intitolato appunto 8.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Anggun si è sposata quattro volte. Nel 1992, a soli diciotto anni, sposa l’ingegnere francese Michel Georgea, divenuto poi suo manager; la famiglia, però, sembra fosse contraria a questo matrimonio data la giovane età della cantante. Dal 2004 al 2006 è stata sposata con Olivier Maury, a cui subentra poi lo scrittore francese Cyril Montana: da questo terzo matrimonio ha avuto una figlia, Kirana, nata l'8 novembre 2007. Attualmente Anggun è sposata con il fotografo francese Christian Kretschmar e vive tra Parigi e Montréal, in Canada.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album studio[modifica | modifica wikitesto]

Colonne sonore[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 1997 – Neige au Sahara
  • 1997 – La Rose des Vents
  • 1997 – Au Nom de La Lune
  • 1997 – La Ligne des Sens
  • 1997 – Snow on the Sahara
  • 1998 – A Rose in the Wind
  • 2000 – Un Geste D'Amour
  • 2000 – Derriere La Porte
  • 2000 – Still Reminds Me
  • 2000 – Chrysalis
  • 2002 – Summer in Paris (DJ Cam)
  • 2002 – Deep Blue Sea (Deep Forest)
  • 2003 – Amore immaginato (Piero Pelù)
  • 2003 – World (GAIA feat. Zucchero, Anggun)
  • 2005 – Être Une Femme
  • 2005 – Cesse la pluie
  • 2005 – Undress Me
  • 2005 – Saviour
  • 2006 – Juste Avant Toi
  • 2007 – I'll Be Alright
  • 2008 – Si tu l'avoues
  • 2008 – Crazy
  • 2008 – Jadi milikmu
  • 2008 – Si je t'emmène
  • 2008 – My Man
  • 2012 – Echo (You and I)
  • 2016 –Sadeness (Part II) (ENIGMA)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN261263917 · ISNI (EN0000 0003 8144 3104 · Europeana agent/base/69958 · LCCN (ENno98111312 · GND (DE135085381 · BNF (FRcb14004974q (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no98111312