Angelo tra la folla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Angelo tra la folla
Paese di produzioneItalia
Anno1950
Durata96 min
Dati tecniciB/N
Generedrammatico
RegiaLeonardo De Mitri, Francesco De Robertis
SoggettoOttavio Alessi, Sandro Paternostro
SceneggiaturaOttavio Alessi, Sandro Paternostro, Gian Paolo Callegari, Gaetano Carancini, Leo Catozzo, Vinicio Marinucci, Giorgio Prosperi, Matilde Sleiter
ProduttoreMario Borghi per INCINE
Distribuzione (Italia)INCINE
FotografiaCarlo Bellero
MontaggioLeo Catozzo
MusicheGino Filippini
ScenografiaArrigo Equini
Interpreti e personaggi

Angelo tra la folla è un film drammatico del 1950, diretto da Leonardo De Mitri e supervisionato da Francesco De Robertis.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Angelo è un bambino orfano mulatto, allevato a Ciampino in un istituto di suore. Un giorno sale su una camionetta che lo porta a Roma. Dopo una serie di incontri viene aiutato dalla sora Rosa, una fruttivendola, che lo porta a casa sua. Mentre Angelo resta solo in casa, nell'appartamento vicino viene commesso un omicidio, di cui lui è unico testimone. La polizia accusa ingiustamente dell'omicidio Pietro, figlio della sora Rosa. Il bimbo scappa e viene investito da un'auto, condotta dalla tenutaria di una casa d'appuntamenti; all'arrivo della polizia il piccolo continua a fuggire fino al momento in cui il vero assassino è arrestato.

Altri tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Altri dati[modifica | modifica wikitesto]

Il film venne distribuito negli Stati Uniti d'America nel 1952 col titolo Angels in a Crowd

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema