Angelo Zomegnan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Angelo Zomegnan

Angelo Zomegnan (Desio, 21 aprile 1955) è un giornalista e blogger italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Entrato alla Gazzetta dello Sport nel 1979, fu caposervizio e caporedattore centrale e ne diventò vice-direttore nel 2003. Dal 2004 al 2011 è stato il direttore unico del Giro d'Italia. Nel corso della carriera giornalistica ha seguito e raccontato eventi sportivi come i Giochi Olimpici (otto edizione estive da Montreal 1976 ad Atene 2004), Tour de France, Giro d'Italia, Classiche e Mondiali di ciclismo.

Ha inoltre pubblicato numerosi volumi dedicati a questo sport. Da segnalare anche, negli anni ottanta, gli aggiornamenti dell'opera enciclopedica Rizzoli-Larousse per tutte le discipline sportive. Nel 2004 è stato comandato da RCS Quotidiani su RCS Sport con la responsabilità tra l'altro dell'organizzazione del Giro d'Italia, della Milano-Sanremo, del Giro di Lombardia (tutti eventi de La Gazzetta dello Sport che sono caduti nel centenario della nascita e/o delle edizioni) e della Tirreno-Adriatico.

Per il solo Giro d'Italia, nel 2005 propose la novità della partenza in notturna da Reggio Calabria e lo sterrato sul Colle delle Finestre, nel 2006 ricordò in Vallonia il disastro di Marcinelle, nel 2009 ha portato Lance Armstrong al debutto al Giro, dopo due anni di inattività. Nel 2007 lanciò la gara per professionisti "Strade Bianche" sulle strade sterrate e sulle crete del senese, con conclusione in piazza del Campo.

Dal 2005 al 2011, è vicepresidente dell'AIOCC, l'Associazione Internazionale degli Organizzatori di Corse Ciclistiche, che raggruppa 147 manifestazioni in tutto il mondo. Dal 2009 al 2011 è stato rappresentante dell'AIOCC in seno alla Fondazione Anti-Doping dell'UCI (Unione Ciclistica Internazionale). A partire dal Giro del 2012, a seguito delle dimissioni dall'incarico di direttore inoltrate il 30 maggio 2011, Zomegnan non è più il patron della corsa rosa dal 2011, anno in cui si è dimesso da La Gazzetta dello Sport come articolo 1 comandato su RCS Sport.

È stato successivamente consulente indipendente di RCS Media Group e Presidente del COL dei Campionati del mondo del 2013.

Dal 2012, in aggiunta all'organizzazione del Mondiali di Ciclismo 2013 a Firenze e nel resto della Toscana, si occupa di progetti e di realizzazioni di eventi in Europa, Asia e Stati Uniti d'America. Le attività in portafoglio di innovACTION 11 srl di cui è Founder e CEO:

- sviluppo della Spartan Race (gara ad ostacoli numero 1 al mondo) come titolare delle licenze in Italia con trend di crescita superiore al 40%;

- strutturazione di #FollowingContador sulle montagna della Valtellina e della Valcamonica con Alberto Contador;

- candidatura del Comitato Promotore Vicenza2020 per i Campionati del Mondo di ciclismo su strada in Veneto;

- piattaforma della cardioprotezione nelle sport attraverso la Legge Balduzzi sull'obbligatorietà dei defibrillatori semiautomatici;

- rilancio dell'AC Pavia 1911: prima squadra di calcio professionistica (Lega Pro) passata totalmente ad imprenditori cinesi;

- posizionamento del Team Lampre Merida, la sola squadra italiana di World Tour dell'Unione Ciclistica Internazionale;

- sviluppo del Gran Premio della Liberazione di ciclismo a Roma, che nel 2016 ha celebrato la 71ª edizione;

- pianificazione delle Accademie del Ciclismo in Asia e in Africa: Cina (Isola di Hainan) e in Kenya (Watamu);

- strutturazione del progetto Puglia Bike Destination con relativi eventi per ciclismo convenzionale, mountain bike e bici elettriche;

- caratterizzazione di team e location nell'ambito di Volvo Ocean Race;

- etc. etc.

Curiosità: nel novembre 2011 ha lanciato su internet il suo blog Il Segno di Zom nel quale, come lui stesso afferma nella home page, espone i suoi pensieri (cattivi) sul mondo del ciclismo. Blog chiuso dopo meno di un anno per imprecisati problemi editoriali[1] per conflitti di interesse con le nuove attività inaugurate e perché non in linea con la morbida politica aziendale dell'edizione cartacea de La Gazzetta dello Sport (in caduta libera nella perdita di copie).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Blog di Zomegnan, ilsegnodizom.gazzetta.it.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]