Angelo Tiraboschi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Angelo Tiraboschi
Angelo Tiraboschi.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature VII, VIII, IX, X, XI
Gruppo
parlamentare
Partito Socialista Italiano
Circoscrizione Marche
Collegio Ancona
Incarichi parlamentari
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico PSI
Titolo di studio diploma di perito commerciale e studi in Economia e Commercio
Professione funzionario di partito, sindacalista

Angelo Tiraboschi (Jesi, 17 dicembre 1939) è un politico italiano.

Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

È figlio di Vittorio Amato Tiraboschi (Torino di Sangro (CH), 04/02/1889 - Ancona (AN), 04/01/1948), comandante della V° Brigata Garibaldi delle Marche (nome di battaglia "Primo"), e di Fernanda Paci[1], staffetta partigiana (Faenza (RA), 27/03/1912 - Ancona (AN), 12/09/2012).

È nato a Jesi (AN), dove il nonno paterno, Armando Paci, ferroviere, si era trasferito da Faenza, dopo essere stato licenziato dalle ferrovie perché tenace oppositore del fascismo. Entrambi i genitori, militanti del Partito d'Azione, dopo lo scioglimento del partito nel 1947, aderirono al Partito Socialista Italiano.

Angelo, a partire dal 1957, si iscrive al Movimento giovanile Socialista.

Nel 1960 entra nella Camera del Lavoro della provincia di Ancona. Ricopre, nel sindacato CGIL, incarichi di responsabile dell'ufficio vertenze[2], della Fillea (edili), fino a divenire co-segretario della Camera del Lavoro.

Incarichi istituzionali[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1964, a soli 24 anni, viene eletto consigliere comunale del Partito Socialista Italiano ad Ancona ed è nominato Assessore.

Verrà rieletto nel civico consesso anconetano per oltre 15 anni[3].

Nel 1970 si dimette da Assessore per dirigere, in qualità di Segretario, la Federazione provinciale di Ancona del PSI.

Nel 1976 viene eletto Deputato.

Verrà rieletto alla Camera dei deputati, quale capolista del Psi, nel 1979, nel 1983, nel 1987 e nel 1992 sino allo scioglimento anticipato della legislatura nell'aprile del 1994.

Ha fatto parte della Commissione Sanità della Camera, dal 1977 al 1983, e, successivamente, della Commissione Bilancio e Tesoro dal 1983 al 1994, di cui è stato anche Presidente, dal 1991 al 1994.

Dal 1980 al 1983 è stato ininterrottamente Sottosegretario al Tesoro, nel 2° Governo Cossiga, nel Governo Forlani, nel e 2° Governo Spadolini e nel 5° Governo Fanfani.

Incarichi nazionali nel PSI[modifica | modifica wikitesto]

Ha fatto parte ininterrottamente, dal 1974 al 1993, della Direzione nazionale del Partito Socialista Italiano.

Dal 1983 ha fatto parte dell'Esecutivo Nazionale del partito.

Dal 1984 al 1987 è stato capo della segreteria nazionale del Psi e successivamente, dal 1987 al 1991, responsabile della organizzazione centrale del Psi.

Attività saggistica[modifica | modifica wikitesto]

Ha scritto e curato diverse pubblicazioni sulla storia delle Marche e sul socialismo marchigiano, tra cui:

  • AA.VV., Le origini del socialismo nelle Marche attraverso la stampa socialista, 1892-1902: antologia. (Nel novantesimo del Partito socialista italiano), Ancona, Il lavoro editoriale, 1982
  • Angelo Tiraboschi, Una Regione al plurale ed il riformismo socialista (1946 - 1975), Ancona, Adriatica Editrice, 1991
  • Angelo Tiraboschi, È iniziato il declino del centro sinistra?, Idea Marche, 2008
  • Angelo Tiraboschi, Da una pagina di storia all'attualità: ci vuole una terza Repubblica, Loreto : Tecnostampa, 2010
  • Angelo Tiraboschi (a cura di), Il decennio lungo delle Marche. Le origini dello sviluppo di Ancona e provincia negli anni Ottanta, Ancona, Il lavoro editoriale, 2015[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ E' morta Fernanda Tiraboschi, bandiera del socialismo dorico, in Il Resto del Carlino, 12 settembre 2012. URL consultato il 31 marzo 2016.
  2. ^ ...Poi c'erano i servizi del Patronato Inca e il servizio delle vertenze individuali in cui c'era Angelo Tiraboschi e io rimasi un periodo con lui a fare le vertenze individuali che erano la parte più rilevante della attività, eravamo il contatto con l'esterno. Per esempio, il lavoratore del commercio non aveva un sindacato strutturato, noi lo conoscevamo perché veniva a fare la vertenza individuale. - dall'intervista di Rolando Pettinari, ex-Segretario generale della Camera del Lavoro di Ancona e della CGIL Marche La mia vita per il sindacato, in a cura di Massimo Papini e Roberto Lucioli, 18 dicembre 1995. URL consultato il 31 marzo 2016.
  3. ^ Il 4 maggio 2007 il Comune di Ancona, in occasione della festa patronale della città dorica, San Ciriaco, ha consegnato i 'ciriachini', in segno di riconoscimento verso quei cittadini, associazioni e istituzioni che si sono distinti per il bene di Ancona. Il 'ciriachino d'oro' è stato assegnato ad Angelo Tiraboschi 'per essersi distinto per le sue doti politiche e di impegno sindacale a fianco dei lavoratori e per aver sempre seguito da vicino le vicende che hanno interessato la sua città. Consegnati i 'ciriachini' d'oro e d'argento, in Il Resto del Carlino - Ancona, 4 maggio 2007. URL consultato il 31 marzo 2016.
  4. ^ Il sito della casa editrice consente di visualizzare e scaricare l'indice e la presentazione del volume Il decennio lungo delle Marche. URL consultato il 31 marzo 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]