Angelo Stano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Angelo Stano firma autografi al Lucca Comics 2009

Angelo Stano (Santeramo in Colle, 6 gennaio 1953) è un fumettista italiano.

È noto soprattutto per il suo impegno come disegnatore e copertinista di Dylan Dog[1][2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ottenuta la maturità artistica nel 1971, si trasferisce a Milano.[3]

Nel 1973 esordisce nel fumetto disegnando una riduzione de Dalla Terra alla Luna di Jules Verne, sceneggiata da Roberto Catalano e pubblicata in un pocket dall'Editrice Sole di Francesco Paolo Conte (la storia viene però conclusa dal grafico Enrico Tronconi).

Nel 1975 realizza alcune storie autoconclusive per il settimanale Audax diretto da Nino Cannata per la Arnoldo Mondadori Editore, oltre a brevi episodi di guerra per la Editoriale Dardo.[4]

Negli anni successivi collabora con altre case editrici del settore, tra cui Ediperiodici, Edifumetto, Staff di If, Corrier Boy, Universo.

Nel 1985 entra nel team di autori che lavorano alla creazione di un nuova serie a fumetti di genere horror per la Sergio Bonelli Editore, Dylan Dog, personaggio ideato da Tiziano Sclavi. È Stano che illustra il primo albo della serie, L'alba dei morti viventi, caratterizzandosi per l'utilizzo di uno stile ispirato a quello del pittore Egon Schiele. L'albo esce nelle edicole nell'ottobre del 1986. Negli anni successivi disegna altre storie di Dylan Dog, sia per la serie regolare sia per altre pubblicazioni.

Nel 1990 diventa autore delle copertine degli albi di Dylan Dog, sostituendo così Claudio Villa a partire dal numero 42 della serie.[5]

Negli anni successivi continua a collaborare con Tiziano Sclavi sia con progetti inerenti Dylan Dog (tra cui nel 1991 i Tarocchi di Dylan Dog, opera pubblicata da Lo Scarabeo di Torino assieme a una Intervista a Dylan Dog scritta da Giordano Berti[6]), sia con progetti esterni (è autore delle copertine dei libri dello scrittore lombardo, edite in quegli anni da Camunia Editore).

Nel 1992 gli viene assegnato il Premio Bonaventura di Treviso Comix per le ristampe cartonate di Arnoldo Mondadori Editore dedicate a Dylan Dog.

Dal 1981 al 1999 insegna alla Scuola del Fumetto di Milano.

Nel dicembre 2012 viene pubblicato il numero 315 di Dylan Dog, La legione degli scheletri[7]. Per quest'albo Stano realizza, oltre ai disegni e alla copertina, anche oggetto e sceneggiatura (è il primo albo della serie regolare creato interamente da un singolo autore).

Nel 2016, con il numero 361, interrompe la sua attività come autore delle copertine degli albi della serie regolare di Dylan Dog, compito affidato a Gigi Cavenago a partire dal numero 363[8].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Laura Scarpa. Angelo Stano - ai confini della pittura, i segreti del disegnatore di Dylan Dog. Roma, Coniglio Editore, 2007. ISBN 8860630002.

Dylan Dog[modifica | modifica wikitesto]

Inoltre è il copertinista di alcune collane di Dylan Dog: Serie regolare (dal numero 42), Speciale Dylan Dog, Almanacco della Paura, Maxi Dylan Dog e Dylan Dog Gigante.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN71466214 · SBN: IT\ICCU\RAVV\070505 · ISNI: (EN0000 0003 5501 4365 · BNF: (FRcb12352337n (data)