Angelo Sala (scrittore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Angelo Sala (19524 novembre 2013[1]) è stato un giornalista e scrittore italiano.

Il suo lavoro ha documentato storia e cultura della Provincia di Lecco e in particolare della Valsassina e del Lario.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Lavora come giornalista per il settimanale cattolico Il Resegone sotto la direzione di don Luigi Stucchi e il quotidiano La Provincia di Lecco.

Il suo interesse per la storia si focalizza sulle tradizioni religiose della terra lariana e dell'arco alpino[2] e ha un ruolo di riferimento per molte persone e istituzioni del territorio[3]; è il direttore responsabile della pubblicazione trimestrale Penna nera delle Grigne dalla sezione di Lecco dell'Associazione Nazionale Alpini[4]. Collabora con il mensile Orobie e cura i volumi L'Adda, il nostro fiume di Pietro Pensa con il terzo volume pubblicato postumo.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Valsassina. Terra da scoprire, con Mauro Lanfranchi e Oaolo Cagnotto, Edizioni Cattaneo, 1997.
  • Santuari mariani. Itinerari di devozione in Brianza e nelle terre del Lario, 2000.
  • Dorsale orobica lecchese
  • I ragazzi del porto (storia della parrocchia di San Carlo al Porto in Malgrate)
  • 1594-1994. Quattrocento anni vissuti nella storia. La pubblicazione tratta della storia dell'ospedale della Beata Vergine Maria, attualmente Istituti Riuniti Airoldi & Muzzi di Lecco.
  • 1945-1995. Cinquantesimo dalla fondazione (storia dell'Unione Commercianti Lecchesi)
  • Saperi e sapori tra lago e monte
  • La capra orobica regina delle valli, Editore Cattaneo
  • Alpini a Lecco. Una storia con la penne nera
  • Il sentiero delle Grigne, Edizioni Bellavite, 2001.
  • Il Resegone. Il profilo più caro ai lombardi, Edizioni Bellavite, 2002.
  • Il Pizzo dei Tre Signori. Una montagna da protagonisti, Edizioni Bellavite, 2003.
  • Merate nelle vecchie cartoline, Edizioni Bellavite, 2004.
  • Il Legnone. L'ultimo bastione, Edizioni Bellavite, 2005.
  • Pietre di fede: Chiese e campanili della città di Lecco, 3 volumi, Edizioni Monte San Martino di Lecco, ultimo volume 2010[5].
  • Una banda. Una città. Una storia, con Angelo Rusconi, Edizioni Bellavite, 2012.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lutto nel giornalismo lecchese. È morto Angelo Sala Lecconotizie.com
  2. ^ Claudio Bottagisi, Lutto nel giornalismo lecchese. È morto Angelo Sala in LeccoNotizie, 04/11/2013.
  3. ^ Tra queste la Comunità montana della Valsassina, Valvarrone, Val d'Esino e Riviera con la quale collabora a molti progetti culturali ed editoriali. Il sindaco di Lecco Virginio Brivio lo dichiara anche nel suo messaggio di cordoglio per la morte del giornalista http://www.merateonline.it/articolo.php?idd=40454. Lecco, il toccante addio all'amico Angelo Sala, editoriale in "La Provincia di Lecco", 05/11/2013; Gigi Riva, L'addio ad Angelo Sala "Ciao, guerriero buono" in La Provincia di Lecco, 04/11/2013; Claudio Bottagisi, Lutto nel giornalismo lecchese. È morto Angelo Sala in LeccoNotizie, 04/11/2013. [a-Angelo-Sala-maestro-di-vita-e-di-giornalismo-20131105/ Lecco saluta per l'ultima volta Angelo Sala, maestro di vita e di giornalismo] in Resegoneonline.it, 05/11/2013; Alberto Comuzzi, È morto il giornalista lecchese Angelo Sala in Resegoneonline.it, 04/11/2013.
  4. ^ Sito della pubblicazione http://www.analecco.it/penna/HomePage/index.html[collegamento interrotto].
  5. ^ Marcello Villani, “Pietre di fede” a Lecco, le radici della comunità Archiviato il 7 marzo 2016 in Internet Archive. in Incrocinews, 05/07/2010; Angelo Panzeri, Viaggio tra chiese e campanili in Il Giorno, 28/11/2009
Controllo di autoritàVIAF (EN23987509 · ISNI (EN0000 0000 3783 6240 · LCCN (ENn2004027581 · WorldCat Identities (ENlccn-n2004027581