Angelo Rosso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Angelo Rosso
Nome Angelo Triestino Rosso
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Ritirato 1949 - giocatore
1965 - allenatore
Carriera
Squadre di club1
1933-1934 Vado ? (?)
1935-1936 non conosciuta Bel Paese ? (?)
1936 Corniglianese ? (?)
1936-1937 Genova 1893 II ? (?)
1937-1938 Andrea Doria ? (?)
1938-1939 Tigullia ? (?)
1939-1947 Alessandria 113 (30)
1947-1949 Brescia 72 (14)
Carriera da allenatore
1951-1952Rapallo[1]
1961Genoa
1963Genoa
1964-1966Savona[2]
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Angelo Rosso (Freyre, 28 agosto 1915Genova, 15 marzo 1973[3][4]) è stato un allenatore di calcio e calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Nato in Argentina, ma di chiare origini italiane, Rosso giocò tra le file del Vado[5], del Bel Paese Genova[6], della Corniglianese, del Genova 1893 Riserve, del Tigullia Rapallo, dell'Alessandria e del Brescia.

In rossoblu disputò il campionato riserve con il Genova 1893 Riserve nella stagione 1936-1937[7].

Dopo una stagione nell'Andrea Doria[8] rientrò al Genova e fu ceduto[8] al Tigullia; passò poi all'Alessandria nel 1939 e vi rimase fino al 1947, vincendo anche un titolo di capocannoniere nell'allora campionato cadetto nella stagione 1945-1946, aiutando i piemontesi ad essere promossi in Serie A, dove giocò la sola stagione successiva in cui la squadra arrivò 14ª in Serie A, in tutto con i grigi ha giocato 113 gare e ha segnato 30 reti. Passò quindi al Brescia che alla sua prima stagione sfiorò la promozione in serie A piazzandosi al 2º posto nel Girone A di Serie B. Con i lombardi ha disputato in tutto due campionati di Serie B con 72 partite e 14 reti realizzate.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Lasciato il calcio giocato, entrò nello staff tecnico del Genoa che, ebbe l'occasione di guidare in due occasioni.

La prima nel 1960-1961, in Serie B, quando sostituì dal 19 marzo Annibale Frossi alla guida del sodalizio rossoblu.[9]

La seconda occasione la ebbe nel 1962-1963, in Serie A, quando sostituì dal 1º aprile Renato Gei, portando il club genovese al quindicesimo posto ad un punto dalla zona retrocessione, garantendo comunque la permanenza in massima serie. In quella stessa stagione Rosso guidò il Genoa alla conquista, il 17 giugno, della Coppa dell'Amicizia italo-francese 1963, battendo nella finale di Milano per due a uno il Milan.[10][11][12]

Nel 1964 passa alla guida del Savona che militava in Serie C 1964-1965, ottenendo il terzo posto del Girone A a pari punti della Solbiatese. La stagione seguente venne sostituito da Manlio Bacigalupo.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Calciatore[modifica | modifica wikitesto]

1945-1946 (6 gol)

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Genoa: 1963

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Almanacco illustrato del Calcio, Rizzoli edizioni, 1952, p. 194.
  2. ^ Almanacco illustrato del Calcio, Carcano edizioni, 1967, p. 194.
  3. ^ Gazzetta dello sport, 17 marzo 1973, pagina 7
  4. ^ solo per mese ed anno di morte
  5. ^ Le deliberazioni della Presidenza e delle Federazioni del C.O.N.I., Il Littoriale, 11 settembre 1934, pag.5
  6. ^ Le liste di trasferimento offrono una tangibile dimostrazione della crescita del movimento calcistico italiano, Il Littoriale, 8-9 agosto 1936, pp.6-7-8
  7. ^ Tabellini 1936-37 Archiviato il 5 gennaio 2011 in Internet Archive. Akaiaoi.com
  8. ^ a b Elenco dei giocatori italiani autorizzati a cambiare società nell'anno 1938-1939, Il Littoriale, 6 agosto 1938, pag.4
  9. ^ Tabellini 1960-61 Archiviato il 7 luglio 2011 in Internet Archive. Akaiaoi.com
  10. ^ Tabellini 1962-63 Archiviato il 9 luglio 2008 in Internet Archive. Akaiaoi.com
  11. ^ La Coppa dell'Amicizia Rsssf.com
  12. ^ 1961 - 1970: DAL PURGATORIO ALL'INFERNO (a cura di Aldo Padovano) Genoacfc.it

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, De Ferrari, 2008.
  • La Storia del Calcio Giemme Edizioni
  • Giuseppe Valgoglio, Il volo delle rondinelle, Edizione del Moretto.
  • Marco Bencivenga, Ciro Corradini, Carlo Fontanelli, Tutto il Brescia (1911-2007 tremila volte in campo), Geo Edizioni, 2007.
  • Ugo Boccassi, Enrico Dericci, Marcello Marcellini. Alessandria U.S.: 60 anni. Milano, G.E.P., 1973. III

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]