Angelo Davoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Angelo Davoli (Reggio nell'Emilia, 7 settembre 1960Reggio nell'Emilia, 6 settembre 2014) è stato un pittore e artista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Diplomatosi presso l'istituto tecnico industriale della sua città natale, ha studiato pittura all'Accademia di belle arti di Bologna, completando la sua formazione grazie alla frequentazione di artisti e intellettuali.

Ha esposto opere in una personale presso la Galleria Hof & Huyser di Amsterdam e nelle mostre Industrial Landscapes (Civici musei di Reggio Emilia) e Sky-line, organizzata dalla Soprintendenza ai Beni e alle Attività Culturali dell'Emilia-Romagna a Bologna nel 2004. Sempre nel 2004 ha partecipato alla Quadriennale di Roma e ha vinto il premio Michetti (55ª edizione).[1] È stato inoltre presente in esposizioni a Palazzo Reale, al PAC (Padiglione d'Arte Contemporanea) di Milano, alla Galleria di arte contemporanea di Lubiana.

Ha curato le scene per lo spettacolo di danza della compagnia Aterballetto InCanto dall'Olando Furioso (dicembre del 2007) al Teatro Municipale di Reggio Emilia. Con la medesima compagnia ha realizzato nel 2009 la parte scenica e i video di Certe notti[2] (ottobre 2009) al Teatro degli Arcimboldi a Milano. Nel dicembre dello stesso anno, ha realizzato la mostra "Cantiere Morini Work in Progress" alla First Gallery di Roma, seguita da una personale a palazzo Casotti di Reggio Emilia. Nel settembre 2010 ha inaugurato una personale alla Galleria Dieffe di Torino, nell'ambito dell'evento TAG (Torino Art Galleries).[3]

Nel 2011 viene segnalato da Fabio Fazio per il Padiglione Italia della cinquantaquattresima Biennale d'arte di Venezia, curato da Vittorio Sgarbi.[4][5] Ha partecipato inoltre al film Quiproquo.[6][7]

È scomparso nel 2014, dopo una lunga malattia, il giorno prima del suo 54-esimo compleanno.[8]

Nella primavera del 2015 viene istituito l'Archivio Angelo Davoli, uno spazio culturale volto alla tutela, alla gestione e alla promozione della sua opera artistica.[9]

Nell'autunno del 2015 ha avuto luogo a Reggio Emilia, presso Palazzo da Mosto, una mostra antologica delle opere di Davoli, comprendente numerosi dipinti, scritti, video e fotografie dell'artista.[10]

Ricerca pittorica[modifica | modifica wikitesto]

Dalla fine degli anni ottanta, Angelo Davoli ha indirizzato la propria ricerca pittorica all'ambito del paesaggio contemporaneo, con tematiche relative ai luoghi dismessi e più in generale alle architetture industriali, rappresentati nel quadro della pittura paesaggistica.

La periferia industriale è concepita come espressione della modernità: mutevole, precaria e soggetta ad un incessante cambiamento. Le fabbriche e gli insediamenti rappresentati sono quelli tipici della pianura padana, che entra in sintonia con essi grazie a una studiata integrazione tra paesaggio e tecnologia.

Elemento caratterizzante delle opere di Davoli è l'assenza dell'uomo: il paesaggio viene rappresentato in una dimensione in cui nessuno assiste allo scorrere del tempo; ciminiere e silos restano le sole testimonianze di un'epoca passata e coabitano con l'ambiente in spazi apparentemente abbandonati dalla memoria umana. Una luce piena avvolge e fa emergere dallo sfondo gli edifici.

L'altro soggetto al centro della ricerca dell'artista è il cielo, che, contraddistinto da un'impronta realistica, viene spesso ritratto in un limpido azzurro, accompagnato da nuvole e aerei o posto come sfondo alle costruzioni industriali.

Il significato del cielo nell'indagine artistica di Davoli è legato al paesaggio moderno, che appare radicalmente trasformato rispetto a un tempo. Così viene descritto il ruolo che il cielo ricopre nella sua pittura:

           "...il cielo che ci è dato di vedere non è più quello dei paesaggi di Lorrain o di Constable,
            ma è frammenti di azzurro: sono fotogrammi. Nella mia pittura, infatti, ho ridotto il campo
            visivo, assumendo uno sguardo fotografico sul dettaglio. Il pittore contemporaneo guarda
            alle nuove tecnologie e anche l'idea antica di paesaggio è mediata da tutta la produzione
            di immagini di cui siamo circondati. Lo sguardo sul paesaggio è quindi spesso ridotto e
            inscritto nelle geometrie di un monitor o da palazzi che ne delimitano lo spazio visivo."[11]

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

La tecnica di Davoli si contraddistingue per un marcato realismo fotografico, affiancato a metodi della pittura tradizionale. La sintesi di questi aspetti dà vita a opere caratterizzate da "una realtà ancor più reale".

Secondo l'artista, infatti, "nell'arte oggi vi è un interscambio continuo tra fotografia e pittura". Il lavoro di Davoli tende perciò a sottolineare questa relazione, creando "attraverso una tecnica in apparenza iper-realista di avvicinare sempre di più la pittura alla fotografia, per arrivare paradossalmente ad affermarne anche la profonda diversità."[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1] Sedotti dai paesaggi di Angelo Davoli, «La Gazzetta di Reggio.it», 4 agosto 2004.
  2. ^ [2] Aterballetto e Ligabue con il loro "Certe Notti", «La Gazzetta di Reggio», 11 gennaio 2012.
  3. ^ [3] www.artitude.eu, Torino: l'architettura industriale nell'opera di Angelo Davoli, 28 settembre 2010.
  4. ^ [4] Angelo Davoli alla 54ª Esposizione Internazionale d'Arte della Biennale di Venezia
  5. ^ [5] Antonio Lecci. Davoli e Cattani, due reggiani alla conquista della Biennale, «Il Resto del Carlino.it», 9 giugno 2011.
  6. ^ [6] Lara Ferrari, Angelo Davoli, un reggiano sul red carpet a Venezia, «ReggiOnline», 5 settembre 2011.
  7. ^ [7] www.RaiCinema.it: Qui Pro Quo (Le avanguardie).
  8. ^ È morto a 54 anni l'artista Angelo Davoli, «Il Resto del Carlino.it», 6 settembre 2014, su ilrestodelcarlino.it.
  9. ^ Archivio Angelo Davoli, rassegna stampa 13 maggio 2015 (PDF), su archivioangelodavoli.it.
  10. ^ Palazzo da Mosto omaggia Davoli, «La Gazzetta di Reggio.it», 2 settembre 2015, su gazzettadireggio.gelocal.it.
  11. ^ Francesca Agostinelli, Intervista a Angelo Davoli, Juliet Art Magazine, 26, 129, ottobre 2006.
  12. ^ ivi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Angelo Davoli Archivio Angelo Davoli YouTube - Angelo Davoli dipinge i silos al cantiere Morini Libreria Bocca - Angelo Davoli: Esposizioni (1999-2010) www.eccellentipittori.it - Angelo Davoli

Controllo di autoritàVIAF: (EN67379947 · GND: (DE123688930