Angelo Cozzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Angelo Cozzi (Milano, 1934) è un fotografo e fotoreporter italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gino Bartali nel 1963, fotografato da Angelo Cozzi

Diplomato in fotografia, iniziò la sua carriera di fotografo nel 1951[1] presso una nota agenzia di Milano. Nello stesso anno venne inviato nel Polesine[2] per documentare la zona devastata dall’alluvione. Nel 1959 iniziò la sua collaborazione con la Arnoldo Mondadori Editore e con la rivista Grazia, per la quale visitò molti paese di mondo, tra cui la Groenlandia, gli Stati Uniti e l’Estremo Oriente. Collaborò anche con la rivista Epoca[2] e nel 1966 si interruppe il lavoro per Mondadori. Nel 1967 iniziò a collaborare con La Domenica del Corriere, sulla cui copertina venne inserita l'immagine dell’incoronazione dello Scià di Persia e di Farah Diba. Il fotoreporter Cozzi nel 1967 documentò i tragici avvenimenti della guerra dei sei giorni nel Sinai e nel 1968 fotografò la guerra del Vietnam. Nel 1969 negli Stati Uniti si occupò della missione Apollo 11[3] e nel 1970 compì un reportage sul Settembre Nero[4] ad Amman e fu a Praga per i funerali di Jan Palach[3]. Dal 1986 si dedicò alla fotografia pubblicitaria.[5]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Scoprirsi donna, Priuli & Verlucca, 1977.
  • Innocence in the Mirror, 1977.
  • Egisto Corradi, Angelo Cozzi, La guerra, Priuli & Verlucca, 1978.
  • Il profumo della danza, 1980.
  • Dancing is dreaming, 1980.
  • The Vietnam Experience - Images of War, Time-Life.
  • Dentro la danza, Fratelli Gallo Editori, 1983.
  • Angelo Cozzi, Luciano Simonelli, Cristiane, il fascino di un'adolescenza, Edizioni d'Arte Giulio Buono, 1994.

Mostre personali[modifica | modifica wikitesto]

  • Angelo Cozzi: Una vita per la fotografia, Soresina, 2013.[6]
  • Reportage primo amore, Cremona, 2015.[7]
  • Angelo Cozzi. Sguardi sul mondo, Castelfranco Emilia, 2015.[8]

Mostre collettive[modifica | modifica wikitesto]

  • Sguardi d’autore (con Giorgio Lotti e Mario De Biasi), Milano, 2013.[9]
  • Collettiva di fotografia, Roma, 2017.[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Angelo Cozzi - Reportage primo amore (PDF), su colorslight.it.
  2. ^ a b Angelo Cozzi - D'autore - Mondadori Portfolio, in Angelo Cozzi - D'autore - Mondadori Portfolio. URL consultato il 15 febbraio 2018.
  3. ^ a b Angelo Cozzi scrive con le immagini - Tempo libero - Gazzetta di Modena, in Gazzetta di Modena, 26 giugno 2015. URL consultato il 15 febbraio 2018.
  4. ^ Pagina 18 - Foto-Notiziario n.6 Aprile 2012, su www.fotonotiziario.eu. URL consultato il 15 febbraio 2018.
  5. ^ Franco Rosso, Cinquant'anni di tour operating in Italia, HOEPLI EDITORE, 2002, p. 155-158, ISBN 9788820330378. URL consultato il 15 febbraio 2018.
  6. ^ Angelo Cozzi: Una vita per la fotografia.
  7. ^ Le fotografie di Cozzi in Santa Maria della Pietà.
  8. ^ Angelo Cozzi. Sguardi sul mondo., su comune.castelfranco-emilia.mo.gov.it. URL consultato il 15 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 16 febbraio 2018).
  9. ^ Photoshow 2013 – Mario De Biasi, Giorgio Lotti, Angelo Cozzi: Sguardi d’autore.
  10. ^ Collettiva di fotografia.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN76482979 · ISNI (EN0000 0000 7837 7167 · LCCN (ENn78022510 · WorldCat Identities (ENlccn-n78022510