Angela e Luciana Giussani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Le sorelle Giussani negli anni sessanta

Le sorelle Angela Giussani (Milano, 10 giugno 1922Milano, 12 febbraio 1987) e Luciana Giussani (Milano, 19 aprile 1928Milano, 31 marzo 2001) sono state una coppia di fumettiste ed editrici italiane creatrici del personaggio Diabolik.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Angela Giussani, ideatrice del famoso personaggio dei fumetti Diabolik – il primo fumetto nero italiano formato tascabile – venne successivamente affiancata nella stesura delle storie dalla sorella Luciana Giussani; entrambe vi hanno poi dedicato tutta la loro vita professionale.

Angela nasce a Milano il 10 giugno 1922; dopo avere fatto per un certo periodo la modella, sposa nel 1946 l'editore Gino Sansoni e lavora nella casa editrice del marito occupandosi di una collana che pubblica libri per ragazzi. Si licenziò poi dalla casa editrice Astoria per potersi dedicare a progetti propri e con la liquidazione fondò l'Astorina in una porzione del vasto appartamento che ospitava l'Astoria il quale aveva una seconda entrata che dava nella cucina e che Angela chiese al marito di poter usare come studio per i disegnatori.[1] Dopo il fallimento del primo tentativo – la pubblicazione di un fumetto con le avventure di un pugile, Big Ben Bolt – durato solo due anni, ci riprova con un nuovo personaggio nato dalla lettura di un romanzo di Fantômas ritrovato casualmente su un treno[1]. Nel novembre 1962 viene pubblicato il primo numero di Diabolik con la trama scritta dalla stessa Angela. Sarà l'inizio di una lunga serie di successi.[2]

Le sorelle Giussani dichiararono pubblicamente di essersi ispirate a un fatto di cronaca nera accaduto a Torino per ideare il loro personaggio. Mercoledì 26 gennaio 1958 un uomo era stato brutalmente ucciso e il suo assassino s'era firmato Diabolich, sfidando la polizia attraverso lettere e indovinelli. Resta alla memoria come l'assassino di via Fontanesi.[3]

Dopo tredici numeri del nuovo fumetto, Angela chiama a lavorare con sé la sorella Luciana, diplomata da poco ad una scuola tedesca e poi impiegata in una fabbrica di aspirapolveri; insieme iniziano ad occuparsi della casa editrice e a scrivere a quattro mani le avventure rocambolesche del "Re del terrore".[4]

Nel febbraio 1987 Angela muore a quasi 65 anni, e Luciana continua a gestire da sola la casa editrice, lasciando, nel 1992, però, la conduzione di Diabolik, e, nel 1999, anche l'Astorina, continuando a scrivere però le storie del suo celebre fumetto (la sua ultima storia di Diabolik è del dicembre 2000: "Vampiri a Clerville"). Muore nel marzo 2001 a 73 anni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Così l'Angela del fumetto stregò tutti con il "diavolo", in ilGiornale.it. URL consultato il 25 gennaio 2018.
  2. ^ Barzi, pag. 25.
  3. ^ 1958, l’assassinio di via Fontanesi firmato Diabolich che darà vita al famoso fumetto, su lastampa.it. URL consultato il 28 agosto 2017.
  4. ^ Barzi, pag. 30.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • CASACOMIX, e le donne del fumetto italiano.casalecchio di Reno.dada editore. 2006.
  • L'Uovo alla Diabolik: da una ricetta di Angela e Luciana Giussani. Casalecchio di Reno. Bologna. Dada editore. CASACOMIX.2006.
  • Davide Barzi, Le Regine del Terrore. Angela e Luciana Giussani: le ragazze della Milano bene che inventarono Diabolik, Milano, Edizioni BD, 2007, ISBN 88-6123-369-4.
  • La Diabolika Astorina. Comicon edizioni. Napoli 2012. AA. VV.
  • Le donne che fecero l'impresa. Lombardia. Edizione del Loggione. AA. VV. 2017.

Articoli e riviste[modifica | modifica wikitesto]

  • Grazia. "Le sorelle omicidi" di Giancarlo Albano. aprile 1974.
  • Il milanese. "Diabolik nasce in via Boccaccio " di Foscanella Martinelli. 19 maggio 1974.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Fumetti Portale Fumetti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fumetti