Andronico III di Trebisonda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Andronico III Comneno (greco: Ανδρόνικος Γ΄ Μέγας Κομνηνός, Andronikos III Megas Komnēnos; 1310 circa – Sinope, 1332) fu imperatore di Trebisonda dal 1330 fino alla sua morte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Andronico III Comneno, era figlio di Alessio II Comneno, e della caucasica, Djiadjak Jaqeli di Samckhe.

Una delle prime cose che fece, quando divenne imperatore, fu quella di fare uccidere i suoi due fratelli (più giovani), Giorgio Azachoutlou Comneno e Michele Achpougas Comneno. Suo fratello Basilio Comneno e altri riuscirono a fuggire nell'impero bizantino, a Costantinopoli, dove probabilmente suo zio Michele Comneno, era già residente.

Andronico III morì nel 1332, dopo 20 mesi di regno, e riuscì a passare il trono al figlio illegittimo, Manuele II Comneno. I crimini di Andronico III avevano scioccato la gente di Trebisonda, al tal punto di averla divisa in fazioni, mettendo l'impero di Trebisonda sull'orlo della guerra civile. Le fonti che a noi oggi pervengono, non hanno conservato altri dettagli sulle circostanze del breve regno di Andronico III.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • W. Miller, Trebizond: The Last Greek Empire of the Byzantine Era, Chicago, 1926.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Imperatore di Trebisonda Successore Komnenos-Trebizond-Arms.svg
Alessio II Comneno 1330-1332 Manuele II Comneno