Andrew Wells

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Andrew Wells
Andrew Wells.jpg
Andrew
UniversoBuffyverse
1ª app. inAllagamento (in Buffy)
Ultima app. inLa ragazza in questione (in Angel)
Interpretato daTom Lenk
Voce italianaMarco Vivio
Sessomaschile
Professione
  • ex studente
  • osservatore
Abilità
  • abile nel corpo a corpo
  • uso di svariate armi
  • evocazione demoniaca
  • controllo degli animali
  • abile stregone
  • Andrew Wells è un personaggio della serie televisiva Buffy l'ammazzavampiri che compare in ventotto episodi nelle ultime due stagioni, e in due nel telefilm Angel. Andrew è interpretato da Tom Lenk e doppiato da Marco Vivio.

    Il personaggio[modifica | modifica wikitesto]

    Creazione[modifica | modifica wikitesto]

    Andrew Wells è il fratello più giovane di Tucker Wells, lo studente che aveva radunato i mastini infernali per attaccare il ballo scolastico nell'episodio Il ballo. Andrew stesso possiede l'abilità di evocare i demoni e controllare gli animali, benché questi non vengano mai impiegati dopo la sesta stagione; nell'episodio finale "La prescelta" egli attribuisce al suo fratello il merito di avergli dato il coraggio di sviluppare questo talento. In realtà il personaggio di Andrew è stato creato all'ultimo minuto dai produttori dello show, come rimpiazzo al personaggio di Tucker: originalmente gli sceneggiatori volevano che Brad Kane impersonasse di nuovo il suo vecchio personaggio, che sarebbe stato il capo del "Trio" assieme a Jonathan Levinson e Warren Mears come suoi scagnozzi, ma le trattative naufragarono prima di giungere ad un contratto, il che portò a contattare Tom Lenk per impersonare il fratello più giovane di Tucker.

    Durante l'ultimo anno scolastico di Buffy al Sunnydale High, Andrew creò dei "demoni scimmie volanti" perché attaccassero la recita scolastica di fine anno, un "Romeo e Giulietta", apparentemente per nessun altro motivo che divertirsi e anni dopo, sia Jonathan che Warren ricordano l'avvenimento con divertimento. La Scooby Gang non ha invece il minimo ricordo di questo fatto, che è semplicemente uno dei moltissimi avvenimenti soprannaturali avvenuti a Sunnydale ed inoltre non ha la più pallida idea di chi Andrew sia, fino a quando non rivela la sua parentela con Tucker: questo crea una lunga serie di battute e, da quel momento in poi, si riferiscono a lui come "l'altro tipo," "il fratello di Tucker," e simili.

    Tendenze sessuali[modifica | modifica wikitesto]

    Altro punto d'interesse nel personaggio di Andrew è la sua apparentemente nascosta omosessualità. Nell'episodio Il narratore ignora del tutto Willow e Kennedy prese da un momento di intimità, preferendo commentare il lavoro di Xander sulle finestre, e dopo in una sua fantasia ricorda che «non era Jonathon la cosa più figa?». Inoltre ha avuto fantasie sugli attori Scott Bakula (nell'episodio Primo appuntamento), Patrick Swayze (nell'episodio Non mi lasciare) e Viggo Mortensen (nell'episodio Il danno). La sessualità di Andrew è ulteriormente complicata dalla sua ultima apparizione televisiva nell'episodio di Angel La ragazza in questione: Andrew stupisce sia Angel che Spike poiché la scena si conclude con lui che esce dall'Opera in abbigliamento da James Bond in compagnia di due donne attraenti, che sono il suo appuntamento. Da notare anche che, secondo un tipico stereotipo gay, le Cacciatrici ai suoi ordini nella ottava stagione sono conosciute per essere le meglio vestite e non le migliori combattenti. Circondato da Cacciatrici in biancheria intima che giocano a strip poker, Andrew definisce tutto ciò come "noioso". Inoltre nell'episodio 18 della sesta serie di Buffy "Entropia" quando attraverso delle telecamere Warren, Andrew e Jonathan vedono Anya e Spike che copulano, Andrew commenta ammirato «accidenti che forza» riferendosi a Spike, per poi aggiungere imbarazzato «e anche la ragazza non è male».

    Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

    Il Trio[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Episodi di Buffy l'ammazzavampiri (sesta stagione).

    Andrew compare per la prima volta (molto dopo la distruzione del Liceo) nella sesta stagione come membro del Trio, gli auto-nominatisi "arci-nemici" di Buffy. Lui è un importante membro del gruppo, poiché molti dei loro piani si basano sulla sua abilità a convocare e controllare i vari tipi di demoni. Warren, il capo del gruppo, è guidato quasi del tutto dalla bramosia del potere, Jonathan apparente fa parte del Trio per riscattarsi dalla sua vita incolore (e rimane sconvolto dalla crudeltà di Warren, tanto che alla fine aiuta Buffy a salvarsi), mentre Andrew, almeno all'inizio, occupa una specie di zona mediana tra i due, ricercando solo divertimento e potere, ma col tempo diviene sempre più malvagio, e sarà lui ad urlare "Uccidila !" a Warren mentre questi combatte con Buffy. Quando Warren per sbaglio uccide Tara mentre spara a Buffy, la sua fidanzata, la potente strega Willow lo trova e lo scuoia vivo, mentre Andrew e Jonathan fuggono in Messico per evitare un simile destino.

    Nella Scooby Gang[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Episodi di Buffy l'ammazzavampiri (settima stagione).

    Mentre vive in Messico con Jonathan, Andrew è avvicinato dal Primo, che, sotto le spoglie di Warren, lo convince ad aprire il Sigillo di Danzalthar: tornato a Sunnydale nella settima stagione, uccide Jonathan nel tentativo di aprire il sigillo, ma ben presto viene scoperto, catturato e tenuto ostaggio dagli Scoobies, che gli sono molto ostili, sia perché ha assassinato Jonathan, sia per le sue fastidiose abitudini. Andrew fornisce gran parte degli spunti comici della stagione, man mano che la trama avanza e vira verso il drammatico ed instaura verso la fine della stagione una profonda amicizia con Anya.

    Nell'episodio "Il narratore" Andrew decide di documentare le avventure dello Scoobies per le generazioni future usando una video macchina fotografica, ma ogni volta esagera, o spaccia una sua personale versione della verità, accentuando il carattere drammatico delle narrazioni. Anche se Xander, Anya, Spike e Dawn si lasciano intervistare senza problemi, Buffy è irritata dai suoi tentativi di trasformare tutto in fiction e lo costringe alla fine a guardare in faccia alla gravità di ciò che ha compiuto. Dopo ciò, in preda al pentimento e al rimorso si sforza di aiutare Buffy nella lotta, partecipando alla battaglia finale in "La prescelta", e sopravvivendo a questa. Quindi, Andrew diviene un esempio della forte enfasi che lo show pone sul tema della redenzione.

    Osservatore[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Buffy stagione 8.

    Andrew compare in due episodi della quinta stagione di Angel, leggermente maturato e sotto la guida di Giles, che lo addestra per farne un Osservatore. È giunto a Los Angeles per aiutare una cacciatrice psicopatica, Dana nell'episodio Il danno e quando Angel prova a portarla nella sede della Wolfram & Hart, Andrew fa valere la sua autorità di Osservatore, ricordando come ella debba andarsene con lui, e non restare lì. In questo episodio, poco prima del suo arrivo Angel dice: "Wesley ha contattato Rupert Giles ci manderà il suo uomo migliore." Infine riappare nell'episodio La ragazza in questione dove racconta ad Angel e Spike che Buffy frequenta un vampiro noto come l'Immortale, ma nella ottava stagione si verrà a sapere che questa era una menzogna dovuta ad una precauzionale misura di sicurezza, e che quella "Buffy" era solo una controfigura. Andrew e le sue cacciatrici sono stati visti più volte nell'ottava stagione in cammei dove lo si vede addestrarle o istruirle, dando sfoggio della sua capacità come osservatore. Tuttavia Xander ricorda ancora di un incidente a Orvieto che fu totalmente responsabilità di Andrew, dato che all'ordine di spedirci le dieci cacciatrici migliori, lui ci mandò le dieci meglio vestite. Nonostante ciò i due sono visti ora in ottimi rapporti e si tengono spesso in contatto telefonico.

    Andrew avrà un ruolo più attivo nelle vicende dell'ottava stagione quando manderà le sue truppe in sostegno alla squadra di Buffy nella battaglia contro dei vampiri asiatici con poteri anormali el centro di Tokyo. Qui darà anche una mano a Dawn a combattere un robot gigantesco sfruttando la sua conoscenza sull'argomento dei robot giapponesi.

    In seguito tenterà di riportare sulla retta via la Cacciatrice Simone Doffler, un tempo sotto la sua responsabilità. In questa occasione il ragazzo dimostrerà definitivamente di essere diventato più maturo arrivando a dirsi pronto a dare la vita pur di rimediare a quello che considera un suo errore. Pur non riuscendo a riconvertire la ragazza al bene Andrew riceverà da Buffy parole di conforto che lo ufficializzano come effettivo membro della "famiglia" delle Cacciatrici.

    Il gruppo capirà in seguito che il nemico è sulle loro tracce seguendo la scia della magia che emettono e per sfuggirgli decideranno di recarsi da Oz ad imparare il modo di sopprimere la loro magia interiore. Così facendo però si privano dei poteri proprio nell'esatto momento in cui Twilight li assale con un esercito armato, Andrew farà tutto il possibile per reggere l'attacco e limitare le perdite, ma ciò non sarà necessario a vincere la battaglia e difatti finisce per essere catturato dal nemico assieme a Giles e Faith.

    Teletrasportato nella base di Twilight assisterà alla facile disfatta di Faith da parte di quest'ultimo e la soccorrerà indossando una speciale armatura progettata anni prima assieme a Warren; messo in difficoltà dal nemico in maniera alquanto sbrigativa, verrà soccorso da Buffy poco prima che questi lo uccida, successivamente riceverà una spiegazione del grande piano dell'universo riguardo l'ascensione di Buffy ed Angel (vera identità di Twilight) ad una nuova dimensione col sacrificio della vecchia; dunque difenderà il suo mondo dai demoni transdimesionali al fianco dei compagni, rimanendo ferito nello svolgimento della battaglia. Fortunatamente però, sarà portato in salvo e medicato per tempo.

    Poteri e Abilità[modifica | modifica wikitesto]

    Andrew è nato con l'abilità di evocare demoni a suo piacere, questo gli dà un'automatica conoscenza delle specie demoniache e dei riti per evocarli; tuttavia essi non sono necessariamente sotto il suo controllo una volta evocati. Pare invece esercitare un enorme ascendente sugli animali. Questa abilità che non usò più dopo il suo ingresso nelle file della Cacciatrice gli tornò in seguito utile come osservatore per addestrare le sue pupille. Come dimostrato nell'Ottava stagione, Andrew è in grado di evocare anche dei demoni estinti da millenni.

    Essendo stato istruito per diventare Osservatore dallo stesso Rupert Giles, Andrew nei tre anni che intercorrono tra la settima e l'ottava stagione è divenuto un conoscitore del soprannaturale, della magia e dell'occulto a livello assai più elevato e raffinato.

    È inoltre abile nelle pratiche di combattimento che sono insegnate alle cacciatrice in quanto ne è l'allenatore. E più avanti viene mostrato utilizzare diverse lingue tra cui anche le lingue morte come da addestramento standard da Osservatore. Inoltre è stato istruito all'uso di armi bianche, taser e perfino da fuoco, sebbene aborri l'uso di queste ultime.

    Sua caratteristica peculiare è sempre stata, comunque, la positività ed il senso dell'umorismo che fa sembrare non prenda mai nulla sul serio, in realtà lui più di tutti si rende conto della gravità delle situazioni e, spesso questo suo modo di fare aiuta gli altri a tranquillizzarsi, il che lo rende un ottimo istruttore.

    Paradossalmente spesso le sue conoscenze nerd derivategli da B-movie e serie TV si rivelano vincenti e versatili contro più di un nemico. Spesso addirittura più pratiche delle varie capacità magiche e soprannaturali.

    L'armatura[modifica | modifica wikitesto]

    Nell'episodio Twilight (parte 2) dell'ottava stagione a fumetti, Andrew indossa una sorta di armatura ipertecnologica, progettata insieme a Warren ai tempi del Trio, per combattere Twilight ed in seguito un esercito di demoni. Tale armatura è composta da varie parti derivanti da fumetti e videogiochi famosi: il casco degli Spartan di Halo, la pettorina del Punitore, la cintura multifunzione di Batman, lo scudo di Capitan America sul braccio sinistro e il guanto di Iron Man sul destro.
    Tali gadget sembrano essere tutti perfettamente funzionanti.

    Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

    Fantasy Portale Fantasy: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fantasy