Andrew Taylor (scrittore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Andrew Taylor (Anglia orientale, 14 ottobre 1951) è uno scrittore britannico di romanzi polizieschi e storici.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel 1951 nell'Anglia orientale, ha studiato all'Emmanuel College di Cambridge prima di ottenere un M.A. in scienza librarie all'University College di Londra[1].

Editore freelance, bibliotecario, operaio e insegnante[2], ha esordito nel 1982 con il romanzo Caroline Minuscule, una moderna caccia al tesoro avente per protagonista lo studente di storia William Dougal che gli ha valso il CWA New Blood Dagger nello stesso anno[3] ed è proseguita in altre sette avventure[4].

Autore di numerosi romanzi gialli, storici e per ragazzi, è l'unico scrittore ad aver vinto l'Ellis Peters Historical Award tre volte[5] e nel 2009 è stato premiato con il Cartier Diamond Dagger alla carriera[6].

Sposato con due figli, ha vissuto molti anni a Coleford, nella Foresta di Dean al confine tra Inghilterra e Galles[7].

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Serie Dougal[modifica | modifica wikitesto]

  • Caroline Minuscule (1982)
  • Waiting for the End of the World (1984)
  • Our Fathers' Lies (1985)
  • An Old School Tie (1986)
  • Freelance Death (1987)
  • Blood Relation (1990)
  • The Sleeping Policeman (1992)
  • Odd Man Out (1993)

Serie Blaines[modifica | modifica wikitesto]

  • La seconda mezzanotte (The Second Midnight, 1987), Milano, Mondadori, 1988 traduzione di Lidia Perria ISBN 88-04-31224-6.
  • Blacklist (1988)
  • Toyshop (1990)

Serie Lydmouth[modifica | modifica wikitesto]

  • An Air That Kills (1994)
  • The Mortal Sickness (1995)
  • The Lover of the Grave (1997)
  • The Suffocating Night (1998)
  • Where Roses Fade (2000)
  • Death's Own Door (2001)
  • Call the Dying (2004)
  • Naked to the Hangman (2006)

Trilogia Roth[modifica | modifica wikitesto]

  • The Four Last Things (1997)
  • The Judgement of Strangers (1998)
  • The Office of the Dead (2000)

Serie Edward Savill[modifica | modifica wikitesto]

  • The Scent of Death (2013)
  • The Silent Boy (2014)

Serie James Marwood[modifica | modifica wikitesto]

  • Ashes of London (2016)
  • The Fire Court (2018)

Altri romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  • Hairline Cracks (1988)
  • The Private Nose (1989)
  • Snapshot (1989)
  • Double Exposure (1990)
  • The Raven on the Water (1991)
  • Negative Image (1992)
  • The Barred Window (1993)
  • The Invader (1994)
  • Il ragazzo americano (The American Boy, 2003), Milano, Nord, 2006 traduzione di Roldano Romanelli ISBN 88-429-1439-8.
  • A Stain on The Silence (2006)
  • Bleeding Heart Square (2008)
  • Anatomia dei fantasmi (The Anatomy of Ghosts, 2010), Roma, Castelvecchi, 2012 traduzione di Lorenzo Bertolucci ISBN 978-88-7615-665-6.

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

  • Waiting For Mr Right (2012)
  • The Long Sonata of the Dead (2013)
  • Broken Voices (2014)
  • Silent Wounds (2014)
  • Fireside Gothic (2016)

Romanzi firmati Andrew Saville[modifica | modifica wikitesto]

  • Bergerac Is Back (1985)
  • Crimes of the Season (1985)
  • Bergerac and the Fatal Weakness (1988)
  • Bergerac and the Jersey Rose (1988)
  • Bergerac and the Traitor's Child (1989)
  • Bergerac and the Moving Fever (1990)

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

  • Fallen Angel miniserie televisiva (2007) (soggetto basato sulla Trilogia Roth)

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Profilo dello scrittore, su goodreads.com. URL consultato il 12 gennaio 2019.
  2. ^ (EN) Biografia, bibliografia e analisi dell'opera, su bookseriesinorder.com. URL consultato il 12 gennaio 2019.
  3. ^ (EN) Albo d'oro, su thecwa.co.uk. URL consultato il 12 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 15 novembre 2013).
  4. ^ (EN) Breve biografia, su mysteriouspress.com. URL consultato il 12 gennaio 2019.
  5. ^ (EN) Elenco dei vincitori, su goodreads.com. URL consultato l'11 gennaio 2019.
  6. ^ Vincitori delle passate edizioni su www.thecwa.co.uk
  7. ^ (EN) Biografia e intervista, su bookbrowse.com. URL consultato il 12 gennaio 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN114891452 · ISNI (EN0000 0001 1780 3078 · LCCN (ENn84018891 · GND (DE12291869X · BNF (FRcb13623824z (data) · NLA (EN36530752 · NDL (ENJA00458375 · WorldCat Identities (ENlccn-n84018891