Andrew Lowe (astronomo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Asteroidi scoperti[1][2]: 503
55755 Blythe 6 ottobre 1991
65657 Hube 16 agosto 1982
65696 Pierrehenry 6 ottobre 1991
65697 Paulandrew 6 ottobre 1991
65698 Emmarochelle 6 ottobre 1991
73703 Billings 6 ottobre 1991
73704 Hladiuk 6 ottobre 1991
78392 Dellinger 9 agosto 2002
78393 Dillon 8 agosto 2002
78394 Garossino 9 agosto 2002
78431 Kemble 16 agosto 2002
78434 Dyer 17 agosto 2002
84075 Peterpatricia 8 agosto 2002
84096 Reginaldglenice 17 agosto 2002
85121 Loehde 27 maggio 1976
85168 Albertacentenary 2 settembre 1989
85200 Johnhault 6 ottobre 1991
96192 Calgary 6 ottobre 1991
96193 Edmonton 6 ottobre 1991
99891 Donwells 9 agosto 2002
99906 Uofalberta 17 agosto 2002
100049 Césarann 6 ottobre 1991
100050 Carloshernandez 6 ottobre 1991
100051 Davidhernandez 6 ottobre 1991
100077 Tertzakian 7 agosto 1992
112797 Grantjudy 9 agosto 2002
112798 Kelindsey 8 agosto 2002
117430 Achosyx 13 gennaio 2005
117439 Rosner 13 gennaio 2005
117572 Hutsebaut 8 marzo 2005
120361 Guido 3 luglio 2005
157693 Amandamarty 2 gennaio 2006
161693 Attilladanko 26 aprile 2006
171153 Allanrahill 10 aprile 2005
176710 Banff 17 agosto 2002
176711 Canmore 17 agosto 2002
187679 Folinsbee 28 febbraio 2008
187680 Stelck 28 febbraio 2008
330440 Davinadon 23 febbraio 2007

Andrew Lowe (Calgary, 1959) è un astronomo amatoriale canadese, di professione geologo.

Il Minor Planet Center gli accredita la scoperta di 503 asteroidi, effettuate tra il 1976 e il 2010, in parte in collaborazione con Joseph A. Dellinger.

Gli è stato dedicato l'asteroide 4091 Lowe.[3][4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lista alfabetica degli scopritori di asteroidi, IAU Minor Planet Center. URL consultato il 25 aprile 2017.
  2. ^ Dati aggiornati al 25 aprile 2017. Nell'elenco appaiono solamente gli asteroidi con denominazione definitiva.
  3. ^ IAU, Scheda sinottica di 4091 Lowe, su minorplanetcenter.net. URL consultato il 10 agosto 2012.
  4. ^ Lutz D. Schmadel, Dictionary of minor planet names (pagina 349), su books.google.pt. URL consultato il 10 agosto 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]