Andrew Linzey

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Andrew Linzey e il suo cane nel 2015

Andrew Linzey (2 febbraio 1952) è un teologo e presbitero inglese anglicano.

È membro della facoltà teologica presso l'Università di Oxford e ha pubblicato più di venti libri.[1]

È noto per le sue posizioni, espresse da un punto di vista biblico-cristiano, a sostegno dei diritti degli animali e del vegetarianismo.

Pensiero[modifica | modifica wikitesto]

(EN)

«The groundbreaking work of Andrew Linzey has established animals as beings essential to the theological agenda.»

(IT)

«L'opera pionieristica di Andrew Linzey ha posto gli animali quali esseri essenziali per l'agenda teologica.»

(R. Muers e D. Grumett[2])

Nell'opera intitolata Teologia animale (Animal Theology) Linzey argomenta in favore dei diritti degli animali da un punto di vista teologico: Dio ha dei diritti («teodiritti») su quanto ha creato, e ne fanno parte anche gli animali che, per la loro situazione di debolezza nei confronti dell'uomo, devono essere da questo tutelati come porzione più fragile, rispetto a lui, nel contesto della creazione divina. L'uomo è quindi responsabile verso di essi per servizio nei riguardi di Dio. Il rapporto con gli animali va rivisitato, secondo Linzey, sostituendo alla tradizionale concezione antropocentrica una visione teocentrica che implica doveri da parte dell'uomo, il quale è tenuto a riconoscere diritti agli animali e ad esercitare verso di loro un generoso atteggiamento di carità cristiana.[3]

«La creazione esiste per il suo creatore. Secoli di antropocentrismo hanno completamente oscurato questo punto fondamentale [...]. Dal momento che la natura di Dio è amore, e dal momento che Dio ama la sua creazione, ne deriva che ciò che viene genuinamente donato e finalizzato da questo amore deve acquisire un qualche diritto relativamente al Creatore stesso.»

(A. Linzey,Teologia animale[4])

Per Linzey i cristiani sono inoltre chiamati ad assumere una dieta vegetariana come passo verso la realizzazione dei «nuovi cieli e nuova terra» (Isaia 66,22[5]) presso cui, secondo il profeta Isaia, non vi sarà più violenza tra uomini e animali, né tra animali e altri animali (11,6-8[6]), con un ritorno all'originario disegno espresso da Dio prima del Diluvio (Genesi 1,29-30[7]). I cristiani sono difatti chiamati – argomenta Linzey – a realizzare per quanto possibile già nel presente i tempi escatologici, e il rifiuto dell'alimentazione carnea rappresenta un aspetto integrante del regno di pace prefigurato dalle Scritture.[8]

Opere (elenco parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Edizioni in lingua italiana[modifica | modifica wikitesto]

  • Andrew Linzey, Teologia animale. I diritti animali nella prospettiva teologica, Torino, Cosmopolis, 1998.
  • Andrew Linzey, I detti di Gesù, Milano, Armenia, 2001, ISBN 88-8113-122-6. 2010, ISBN 978-88-344-2548-0.
  • Andrew Linzey e Tom Regan, Gli animali e il cristianesimo. Per un'etica compassionevole, Casale Monferrato, Sonda, 2012, ISBN 88-7106-585-9.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Link Between Animal Abuse and Human Violence, quarta di copertina.
  2. ^ Dall'introd. a About Eating and Believing, p. 5
  3. ^ B. de Mori, p. 59.
  4. ^ Cit. in B. de Mori, p. 59
  5. ^ Is 66,22, su laparola.net.
  6. ^ Is 11,6-8, su laparola.net.
  7. ^ Gn 1,29-30, su laparola.net.
  8. ^ Nathan MacDonald, Food and Diet in the Priestly Material of the Pentateuch, in About Eating and Believing, pp. 18-21 (in partic. p. 20)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Barbara de Mori, Che cos'è la bioetica animale, Roma, Carocci, 2007, ISBN 978-88-430-4079-7.
  • (EN) Rachel Muers e David Grumett (a cura di), About Eating and Believing, Londra, T&T Clark, 2008, ISBN 978-0-567-03284-3.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN93066817 · ISNI (EN0000 0001 1578 1186 · LCCN (ENn87858041 · GND (DE139581502 · BNF (FRcb12497070v (data) · NLA (EN35672523 · NDL (ENJA00882896 · WorldCat Identities (ENlccn-n87858041