Andreu Febrer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Andreu Febrer (Vic, 1375 circa – 1440 circa) è stato un diplomatico, poeta e traduttore spagnolo di espressione catalana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

In origine artigiano, poté godere tuttavia di un'eccellente formazione perché, quando era ancora molto giovane, venne introdotto nella cancelleria reale. Già nel 1393 era copista del re Giovanni il Cacciatore e successivamente (1398) cameriere reale di Martino l'Umano. Partì con una crociata contro i musulmani degli stati barbareschi e andò in Francia come diplomatico; viaggiò anche in Italia, dove entrò in contatto con i primi umanisti e la letteratura del Rinascimento e, ai tempi di Alfonso il Magnanimo, partecipò a una spedizione navale in Sardegna e in Corsica (1420) insieme agli scrittori Ausiàs March e Jordi de Sant Jordi, al figlio di Bernat Metge, al padre e ai fratelli di Joanot Martorell, e a molti altri membri delle più importanti famiglie della Corona di Aragona.

Attività letteraria[modifica | modifica wikitesto]

Si conservano di lui una quindicina di poesie scritte tra il 1393 e il 1400: undici con tematica amorosa, due sirventesi guerrieri, motivati dalla spedizione del re Martino a Tunisi, atta a recuperare un "sepolcro" che i corsari barbareschi avevano sottratto, e due elogi cortigiani, uno dei quali, Elogio de las damas de Cardona, ricorda una composizione simile di Cerverí de Girona, l'altro diretto alla regina Maria di Sicilia dove spiega le benefiche influenze degli astri su di lei. Come traduttore concluse nel 1429 una versione in catalano in versi decasillabi della Divina Commedia[1] di Dante Alighieri, e un'altra del Decameron di Giovanni Boccaccio (iniziata da un autore anonimo); tutto sembra indicare che la sua intenzione fosse quella di offrirle ad Alfonso il Magnanimo come omaggio, dato che in quello stesso anno egli si trovava in visita a Barcellona.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Poesie[2][modifica | modifica wikitesto]

  • Ay! cors avar, scas, richs de merce
  • Amors, qui tost fer, quant li play
  • Are·m platz be com l'afan e·l martire
  • Combas e valhs, puigs, muntanyes e colhs
  • Del cor preyon me parton li sospir
  • Del tot me cuydave lexar
  • Doloros critz ab votz brava, terribla
  • Dompna, lo jorn qu'yeu me perti de vos
  • E lhas, amors! Ten pauch vos cal de me
  • En lo mig del cami de nostra vida
  • Ja per dir vos mon cor e mon talan
  • Las, a qui dire ma langor?
  • Lo fol desir qu'Amor ha fayt intrar
  • Pus qu'estorts suy del lach de la mar fonda
  • Si 'n lo mon fos gentilesa perduda
  • Sobre·l pus naut alament de tots quatre

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (CA) Miscellània Joan Bastardas., vol. 3, 1990, p. 49. URL consultato il 12 marzo 2013.
    (CA) «

    Per mi va hom a la ciutat dolent:
    per mi va hom a la eternal dollor:
    per mi va hom vers la perduda gent.

    Justizia mou lo meu alt facthor:
    feu a mi la divinal podestatz,
    l'alta sapienza, e'l primer amor.

    Abans de mi no fou altre criats,
    sino etrnalls. E io eternalls dur:
    lexats tota speranza, vos qu'intrats:

    Semblants paraules de collor oscur
    viu escritas al lindar d'una porta:
    on io: Mestre, aquest dir m'es for dur.
    [...]

    »
    (IT) «

    Per me si va ne la città dolente,
    per me si va ne l'etterno dolore,
    per me si va tra la perduta gente.

    Giustizia mosse il mio alto fattore;
    fecemi la divina podestate,
    la somma sapïenza e ’l primo amore.

    Dinanzi a me non fuor cose create
    se non etterne, e io etterna duro.
    Lasciate ogne speranza, voi ch’intrate’.

    Queste parole di colore oscuro
    vid’ïo scritte al sommo d’una porta;
    per ch’io: "Maestro, il senso lor m’è duro".
    [...]

    »
    (Inferno, canto III)
    (CA) «

    [...]
    E com un poch del seu raig se fo mes
    al doloros carcer, e io sculli,
    per quatre visatges lo meu messes.

    Ambduy les mans per dolor me mordi,
    hon ells pensant qu'eu fes per voler pa
    o per manjar, tantost llevarsensi,

    dien. pare, molt menys dolor sera
    que tu menjes a nos, car tu'ns donist
    estes mesquines carns. despullens ja.

    Calle llavores per no ferlos pus trist.
    Cell dia e l'altre estingueren tots muts.
    Ay, dura terra, ay perque no t'obrist!
    [...]

    »
    (IT) «

    [...]
    Come un poco di raggio si fu messo
    nel doloroso carcere, e io scorsi
    per quattro visi il mio aspetto stesso,

    ambo le man per lo dolor mi morsi;
    ed ei, pensando ch’io ’l fessi per voglia
    di manicar, di sùbito levorsi

    e disser: "Padre, assai ci fia men doglia
    se tu mangi di noi: tu ne vestisti
    queste misere carni, e tu le spoglia".

    Queta’ mi allor per non farli più tristi;
    lo dì e l’altro stemmo tutti muti;
    ahi dura terra, perché non t’apristi?
    [...]

    »
    (Inferno, canto XXXIII)
  2. ^ Rialc, Incipitario di Andreu Febrer, su rialc.unina.it. URL consultato il 12 marzo 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (ES) Andreu Febrer, Poesies, ed. de Martín de Riquer: Barcelona: Barcino («ENC»), 1951.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN28550789 · ISNI (EN0000 0001 1754 108X · LCCN (ENn86054403 · BNE (ESXX884935 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n86054403
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie