Andrej Sergeevič Bubnov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Andrej Sergeevič Bubnov
Andrei Sergeyevich Bubnov (1884-1938).jpg

Commissario del popolo per l'istruzione della RSFSR
Durata mandato 12 settembre 1929 –
ottobre 1937
Predecessore Anatolij Vasil'evič Lunačarskij
Successore Pëtr Andreevič Tjurkin

Dati generali
Partito politico Partito Comunista dell'Unione Sovietica

Andrej Sergeevič Bubnov (in russo: Андрей Сергеевич Бубнов?; Ivanovo-Voznesensk, 4 aprile 1884, 22 marzo del calendario giulianoMosca, 1º agosto 1938) è stato un politico e militare sovietico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nella famiglia di un commerciante, si iscrisse nel 1903 al Partito Operaio Socialdemocratico Russo. Ripetutamente arrestato dalla polizia zarista, dall'estate del 1917 entrò per un breve periodo nel Comitato centrale e nel Politburo del Partito bolscevico russo. Dall'anno successivo fece parte degli organismi dirigenti del Partito bolscevico ucraino e nel 1919 fu Commissario del popolo per gli affari interni della RSS Ucraina. Fu membro del Comitato centrale del Partito Comunista di tutta l'Unione dal 1924 al 1938, fece parte dell'Orgburo dal 1924 al 1934 e fu Segretario del Comitato centrale dall'aprile al dicembre del 1925. Nel 1929 successe allo scomparso Lunačarskij alla guida del Commissariato del popolo per l'istruzione della RSFS Russa. Arrestato nell'ottobre 1937 durante le Grandi purghe, fu giustiziato l'estate successiva nel poligono di Kommunarka, a Mosca.[1]

Dopo la morte di Stalin, Bubnov fu riabilitato ufficialmente nel 1956 in seguito alle risultanze delle indagini effettuate dalla commissione Pospelov, incaricata di studiare le repressioni staliniane.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (RU) Bubnov Andrej Sergeevič, su Spravočnik po istorii Kommunističeskoj partii i Sovetskogo Sojuza 1898-1991. URL consultato il 6 luglio 2017.
  • (RU) A. S. Orlov, V. A. Georgiev, N. G. Georgieva e T. A. Sivochina, Istorija Rossii. Učebnik [Storia della Russia. Manuale], 4ª ed., Mosca, Prospekt, 2014, ISBN 978-5-392-11554-9.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN104045131 · ISNI: (EN0000 0001 2032 1192 · LCCN: (ENn85821648 · GND: (DE121672204